Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Rafa non può

Se pensate di voler vedere su Netflix qualcosa oggi pomeriggio e magari non guardare Brasile – Messico, ottavo di finale del mondiale, aspettate di sentire cosa succede alla nazionale messicana.
La squadra che ha sorpreso tutti, contribuendo nettamente a sbattere fuori la Germania, deve fare i conti con un separato in casa. Un suo giocatore infatti, pur essendo parte della squadra non può fare quello che fa la squadra.

No, nessuna malattia e nessun mobbing. Nemmeno questioni per cui chiunque per ora si banna sui social. Ma semplicemente essere presenti in una black list degli Stati Uniti.
Lui è Rafa Marquez, per cui passare alla storia sta costando fatica e anche qualche bocca storta in attesa della definizione giudiziaria del tutto. Il capitano del Messico, ex di Barcellona ed Hellas Verona tra gli altri, ha una serie di divieti che sembrano il castigo ad un figlio adolescente o le precauzioni per un appestato. Non può usare le stesse maglie di allenamento dei suoi compagni, nè bere la stessa acqua, non può fare conferenze stampa con cartelloni pubblicitari dietro. Sa va parlare con la stampa non può aver presente nella stessa stanza nessun giornalista americano. Ah, non può nemmeno essere nominato uomo partita. Se fa la prestazione della vita, gli è interdetto anche il premio, sponsorizzato da una birra americana. E non deve rivolgere la parola a nessun americano in terra russa. Una passeggiata di salute.

Il motivo? Rafa Marquez è al centro di indagini, su cui è stato fatto il suo nome. Avrebbe appoggiato esternamente, stando a quello che si sta approfondendo, un trafficante messicano, che agisce su territorio statunitense. Il suo nome è saltato fuori e prima di decidere eventuali imputazioni penali, è arrivato il fisco a stelle e strisce. Infatti, quando pendono accuse di questo genere, prima ancora di arrivare a sentenza, in via precauzionale, gli USA inseriscono tra le persone non gradite il soggetto. Marquez dal canto suo, appresa la notizia, ha sguinzagliato i suoi legali perchè venga riabilitato il suo nome e tolto dalla lista.

La sua presenza con la nazionale messicana, tra l’altro, ha creato anche problemi di liquidità, mentre altre squadre hanno avuto dalla Fifa compensi in dollari, il Messico li ha ricevuti in euro. Una situazione a dir poco surreale, per la quale ogni partita smuove una serie di complicazioni, oltre che difficoltà varie. In attesa di accertare precise responsabilità di Marquez.
Allora, ancora convinti di guardare qualcosa su Netflix, oppure preferite Brasile-Messico?

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Altri Sport

A tu per tu con Isolde Kostner, la leggenda dello sci azzurro In questo caotico ed indecifrabile momento che sta vivendo il Paese, tra...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 17 Dicembre 1963 Lev Yashin, fenomenale portiere russo, vinceva il Pallone d’Oro davanti a Gianni Rivera e...

Calcio

La calma di Kuba Compie oggi 35 anni Jakub Błaszczykowski, il calciatore polacco la cui infanzia è stata straziata da una tragedia che avrebbe...

Snooker

Quella sera al Gallia di Milano, la «prima» dello snooker in italia (quinta parte): un duello in punta di stecca All’EXCELSIOR HOTEL GALLIA, di...

Calcio

Sempre jogando, Dirceu – Non spiegherei la felicità a un bambino. Gli darei un pallone. – Dorothee Solle Qualcuno pensò, in fondo a ragion...

Calcio

Ciao Madiba: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni Il 5 Dicembre 2013 ci lasciava Nelson Mandela, uno degli uomini più...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Sandro Mazzola racconta Messico 1970 Sandro Mazzola fu uno dei calciatori più rappresentativi dell’Italia vicecampione del mondo nel 1970. Coprotagonista con Gianni Rivera della...

Calcio

Kasper non ha paura Compie oggi 34 Kasper Schmeichel, il portiere danese del Leicester che ha dovuto convivere tutta la sua carriera con la...

Altri Sport

Stefania Belmondo: a tu per tu con la “Trapulin d’oro” dello sci italiano Il mondo dello sport riparte con fatica tra la seconda ondata...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro