Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Rachid Mekhloufi e la squadra del Fronte di Liberazione Nazionale Algerino

Rachid Mekhloufi e la squadra del Fronte di Liberazione Nazionale Algerino

Il primo novembre 1954, molteplici attacchi contro obiettivi sensibili da parte del Fronte di Liberazione Nazionale Algerino danno inizio alla guerra franco-algerina che durerà fino al 1962, anno dell’Indipendenza del paese nordafricano dalla Francia. Durante quel periodo anche il calcio fece la sua parte, con una squadra e un uomo simbolo di libertà.

Siamo alla fine degli anni Cinquanta e Rachid Mekhloufi è un centrocampista che veste la maglia del Saint-Etienne. Gioca nella serie A francese e la sua storia di calciatore è il sogno realizzato di qualsiasi ragazzo algerino emigrato in Francia per fare fortuna.

Sono ancora ai tempi in cui se l’Algeria è la patria la Francia è la meta. Una meta obbligata (dalla colonizzazione) ma che significa anche speranza per chi, come Mekhloufi, vuole diventare un calciatore professionista. La favola diventa realtà nel 1956 quando Rachid per la prima volta viene convocato in nazionale francese. E’ forse il momento più bello da quando ha iniziato a giocare a calcio. E’ destinato a durare poco però. Piuttosto arriverà il momento delle scelte difficili. Che giunge quando la sua terra d’origine, l’Algeria, inizia a combattere una battaglia di libertà che durerà per 8 lunghi anni.

I “figli” algerini chiedono alla “mamma” francese di poter essere finalmente liberi. Di iniziare a decidere il proprio destino da soli. Rachid, che nel frattempo è diventato un cittadino francese, si sente ancora uno di loro. E per questo, non ci pensa due volte. In Algeria, tra le altre cose, c’è un progetto di costituire una nuova squadra di calcio che raduni tutti i calciatori algerini emigrati in Francia. Quando il responsabile del calcio algerino Mohamed Boumezrag lo chiama, Rachid non ci pensa due volte. Abbandona il Saint-Etienne e la Francia per tornare in Algeria. Insieme ad altri suoi compatrioti (contro la volontà del governo francese e della FIFA) contribuisce a fondare quella che passerà alla storia come la squadra del Fronte di Liberazione Nazionale.

I colori sociali saranno il verde (colore dell’Islam) e il bianco (colore della purezza). Il calcio diventa per il Fronte uno strumento di libertà. Tra il 1958 e il 1962 la squadra del FLN gira il mondo disputando oltre 90 partite internazionali, con un bilancio di 65 vittorie, 13 pareggi e altrettante sconfitte (dati calcio romantico.com). Ma la partite serviranno anche per raccogliere fondi e far conoscere al mondo le ragioni del popolo algerino. Arriverà addirittura la chiamata del leader comunista vietnamita Ho Chi Minh che vorrà ricevere la squadra, per conoscere i calciatori uno ad uno. Fino a quando, nel 1962, dopo 8 anni di guerra, con gli accordi di Evian il capo del governo francese, il generale Charles De Gaulle, concederà finalmente l’indipendenza al popolo algerino.

Da quel momento, terminerà anche l’avventura della squadra del Fronte. Che diventerà, negli anni a venire, la squadra della nazionale algerina. Che resterà una delle più forti di tutto il continente africano (campione d’Africa e 2 qualificazioni ai Mondiali di calcio di Spagna e Messico), almeno fino alla fine degli anni Ottanta.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Save The Date, Al Via La Fase Conclusiva Di Networking E Advocacy Del Progetto Europeo SAFE! Il Progetto europeo SAFE, (Safe and Accountable Futsal...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste La storia di Istvàn Tòth e Géza Kertész è una di quelle che...

Azzardo

Bookmakers italiani e stranieri: l’importanza della regolamentazione Un tema un bel po’ complesso e per il quale si rende necessaria un po’ di chiarezza;...

Azzardo

Dal vecchio Totocalcio al web: storia della tanto amata schedina Una ‘vecchietta’ che ha abbondantemente passato i 75 anni di età e che negli...

Calcio

Dall’El Dorado ai Narcos: Inferno e Paradiso dei Millonarios di Bogotà Cinco y baile. Dopo il quinto gol, si balla. C’è stata una squadra...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro