Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Quello che ricorderemo della Coppa del Mondo di Rugby 2019

[themoneytizer id=”27127-1″]

Quello che ricorderemo della Coppa del Mondo di Rugby 2019

Poche ore fa, con la finale tra Sudafrica ed Inghilterra giocata presso l’International Stadium di Yokohama, si è chiusa la nona edizione della Rugby Wolrd Cup svoltasi in Giappone. Per la cronaca, i vincitori sono stati gli Springbocks che hanno sconfitto i “XV della Rosa” di Sua Maestà col risultato di 32 a 12.

Come ad inizio del torneo iridato, in questo pezzo noi di Io Gioco Pulito, vorremmo cercare di tirare alcune somme sul mondiale appena concluso. Sono infatti parecchi i bilanci da fare dopo questo mese e mezzo di palla ovale giocato nella terra del Sol Levante.

NUOVA ZELANDA:

La prima notizia è che la Nuova Zelanda non è riuscita a confermarsi campione del mondo e, in contemporanea, non ha raggiunto neanche la finale essendo stata eliminata in semifinale dall’Inghilterra. Questa è un fatto già di per sé rilevante visto che, ogni volta che si gioca un mondiale di rugby, il mondo intero guarda con molto rispetto ed ammirazione agli All Blacks capaci, in qualsiasi momento, di dar vita ad incontri spettacolari.

In questa occasione, però, i neri neozelandesi non sono riusciti a far prevalere la legge del più forte. In tal modo non è arrivato il terzo successo di fila per i mostri della doppia isola dell’Oceano Pacifico che si erano laureati campioni del mondo nel 2011, nell’edizione giocata proprio in Nuova Zelanda, e nel 2015, quando il mondiale si disputò in Inghilterra e Galles.

GIAPPONE:

Una delle grandi rivelazioni del torneo è stata sicuramente la squadra di casa del Giappone. I Brave Blossoms del mister neozelandese Jamie Joseph si sono infatti fatti notare visto che sono riusciti a chiudere primi il loro girone di qualificazione.

Diamo qualche numero per far capire bene questa impresa: i giapponesi hanno vinto tutte e quattro le partite del girone e hanno ottenuto 19 punti sui 20 disponibili. Grazie a tali numeri si sono piazzati, in classifica, davanti ad avversari ben più quotati come Irlanda e Scozia.

Purtroppo per i padroni di casa, ai quarti di finale, hanno pescato i futuri campioni del mondo sudafricani che li hanno eliminati con un perentorio punteggio di 3 a 26. Nonostante ciò, grazie alle ottime e convincenti prestazioni e vittorie ottenute nella fase a gironi della Coppa del Mondo, il Giappone occupa attualmente il 7º posto del ranking mondiale della palla ovale, con 82.08 punti.

INGHILTERRA:

La squadra inglese, ancora una volta, è riuscita ad arrivare all’atto finale del torneo ma non ha portato a casa la mitica Coppa Webb Ellis. Questa è stata la quarta finale giocata dai leoni di sua maestà dopo le due perse nel 1991 contro l’Australia e nel 2007 sempre contro il Sudafrica e quella vinta nel 2003 contro i Wallabies della terra dei canguri.

Prima della disfatta di Yokohama, però, la nazionale inglese si era resa protagonista di una piccola impresa che, in un certo senso, fa storia a sé: era riuscita a battere 3 delle quattro squadre che prendono parte al The Rugby Championship (il più importante torneo rugbistico che si svolge, ogni anno, nell’emisfero australe e a cui prendono parte alcune delle squadre più forti del pianeta). Le vittorie inglesi erano avvenute seguendo questo ordine cronologico: sconfitta l’Argentina durante il girone di qualificazione, Australia battuta ai quarti e Nuova Zelanda annientata in semifinale. Purtroppo per la Rosa, l’unica sconfitta con un team dell’emisfero australe è arrivata nella partita più importante del torneo. Insomma, ancora una volta, la nazionale di Londra è arrivata ad un passo dal trionfo e si è meritata il nominativo di “eterna illusa”.

SUDAFRICA:

Chiudiamo questo mettendo in luce una curiosità sui neo-campioni del mondo. La nazionale del grande paese del continente nero arriva sul tetto del mondo per la terza volta nella sua storia, dopo i trionfi del 1995 nel mondiale di casa e del 2007 in Francia.

Noi vogliamo fare una considerazione che avvicina questa vittoria a quella ottenuta 24 anni fa. Quel torneo iridato, infatti, veniva giocato in un Sudafrica che era da poco uscito dal periodo dell’apartheid ed in cui le tensioni razziali tra neri e bianchi nelle città sudafricane, ad esempio a Cape Town e Johannesburg, erano ancora molto forti.

In queste ultime settimane, il grande paese del continente africano, sta riattraversando un periodo politico interno abbastanza difficile. A far riaccendere le tensioni sono state le numerose manifestazioni di piazza che, con una forte componente razzista, accusano gli stranieri presenti nel paese, provenienti soprattutto da Nigeria, Mozambico e Zimbabwe, di “rubare il lavoro” ai cittadini locali.

Questo ci fa capire come il Sudafrica, nonostante le belle parole di facciata, sia ancora uno stato fortemente diviso su determinate questioni ed in cui la macchia del razzismo è ancora piuttosto radicata.

La vittoria del 1995, grazie anche al lavoro di una figura come Nelson Mandela, diede un forte impulso ad un miglioramento sotto questo punto di vista. Quanto fatto finora, però, evidentemente ancora non basta. Le nuove tensioni sono un campanello di allarme di questo diffuso malcontento. Chissà che questo nuovo trionfo in terra giapponese, seguito dall’appello all’unità fatto da Siya Kolisi, primo capitano nero della squadra, non possa portare ad un qualche miglioramento in tal senso.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Avatar
A cura di

Da non perdere

Altri Sport

Velokhaya: i pedali d’oro dell’Accademia che toglie i bambini dalle strade del Sudafrica Khayelitsha. Sudafrica. Anno 2003. In pochi possono immaginare che la Velokhaya...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione Il 6 Febbraio 1993 moriva Arthur Ashe, il leggendario tennista afroamericano, che per tutta la vita ha...

Calcio

La “Resistenza del Pallone” del Mahatma Gandhi Il 30 gennaio 1948 veniva ucciso a Nuova Delhi, da un estremista di fede indù, il Mahatma...

Calcio

Bloody Sunday: Irlanda del Nord, il Derby di Belfast tra Religione, Politica e pallone Il 30 gennaio 1972 a Derry, Irlanda del Nord, un...

Altri Sport

Chamonix 1924: le Olimpiadi dei Soldati Il Biathlon fa la sua comparsa  alle Olimpiadi proprio in occasione della prima edizione invernale della grande kermesse...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 34 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Altri Sport

Brian Lochore, l’uomo oltre la maglia: storia del “padre” degli All Blacks C’è un detto nel rugby. Dice così: una squadra la riconosci da...

Motori

La Formula 1 e quel titolo Mondiale prima di Capodanno, ma dopo Natale Che fa un pilota di F1 tra Natale e Capodanno? Trascorre...

Altri Sport

Calcutta Cup: la “guerra ovale” anglo-scozzese nel ricordo dell’India Il 20 dicembre 1877 il segretario del Calcutta Football Club scrive alla Rugby Football Union offrendo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro