Connect with us

Cerca articoli

Doping

Fuori da (quasi) tutto: l’Antidoping sospende lo Sport russo

[themoneytizer id=”27127-1″]

Fuori da (quasi) tutto: l’Antidoping sospende lo Sport russo

Fuori da tutto o quasi. La Russia dice addio alle Olimpiadi di Tokyo 2020  e quelle invernali di Pechino 2022 e non solo.

Mosca subisce, per mano del Comitato Esecutivo dell’Agenzia Anti-doping (WADA) le sanzioni più dure nella storia dell’Olimpismo a causa della continua, reiterata, e con il coinvolgimento di tutti gli organi statali, falsificazione di dati e documenti sui controlli antidoping ai propri atleti.

L’esclusione vale per tutte le competizioni internazionali e intercontinentali come le Olimpiadi e qualsiasi campionato mondiale dove non potrà neanche essere esposta la bandiera nazionale. Gli atleti che dimostreranno di non aver mai avuto problemi di doping potranno gareggiare come “atleti neutrali”. Quindi oltre a Giochi, la decisione riguarderà anche i Mondiali di calcio del 2022 in Qatar. Resta salva la partecipazione agli Europei 2020 della prossima estate in quanto la Wada non classifica la UEFA come “major event organisation” a differenza delle manifestazioni legate al Cio e alla Fifa.

La Russia ha 21 giorni per presentare un ricorso. A quel punto la Corte internazionale dello sport (Tas) prenderà una decisione definitiva.

L’agenzia nazionale Anti-doping Russa (Rusada) è di nuovo esclusa dalla WADA e al paese non sarà consentito né organizzare né tantomeno candidarsi per l’organizzazione dei prossimi eventi sportivi più importanti a livello globale.

Secondo il rapporto della Commissione di ispezione, migliaia di dati sono stati cancellati o manipolati per proteggere almeno 145 atleti. Già ai Giochi invernali di Pyeongchang 2018 alla Russia era stato impedito di creare la propria spedizione e alla fine 168 atleti hanno gareggiato come “atleti olimpici dalla Russia”

Il doping russo aveva visto il coinvolgimento dei servizi segreti (Fsb), il ministero dello sport, il laboratorio antidoping moscovita e altri enti nazionali e federazioni sportive internazionali come ad esempio quella di atletica leggera, che dal 2015 è sospesa e gli atleti che hanno dimostrato di non aver mai avuto problemi di doping possono gareggiare come atleti neutrali.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Da non perdere

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Calcio

La sfida green di Mathieu Flamini che vuole cambiare il Mondo Compie oggi 37 anni Mathieu Flamini, l’ex centrocampista di Arsenal e Milan che,...

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 7 marzo 1908 nasceva nel quartiere capitolino...

Calcio

L’Africa e i Mondiali del 1966, una storia dimenticata Coppa del Mondo 1966: presente nell’immaginario collettivo per la vittoria dell’Inghilterra (rimasta l’unica fino ai...

Altri Sport

A tu per tu con Marco Galiazzo, l’occhio di falco azzurro Momenti decisivi per le sorti delle Olimpiadi di Tokyo che, a detta del...

Calcio

Pasolini e il calcio. L’intellettuale che voleva essere un’ala sinistra Il 5 marzo 1922 nasceva a Bologna, quartiere Santo Stefano, Pier Paolo Pasolini, uno...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro