Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Quanto è dura la vita degli ex giocatori di Football Americano

[themoneytizer id=”27127-1″]

Quanto è dura la vita degli ex giocatori di Football Americano

Nella NFL gli effetti di un trauma cerebrale hanno guadagnato molta attenzione negli anni anche grazie allo splendido lavoro del medico Bennet Omalu, ne avevamo già parlato in un articolo,  che scoprì la CTE –  la Encefalopatia Cronica Traumatica che colpiva fino, nei casi più drammatici, a portare alla morte gli ex giocatori di football americano.

Ora il mirino si sposta sui grandissimi problemi di peso e quindi di obesità a cui vanno incontro gli ex professionisti della palla ovale.

Negli ultimi decenni la NFL ha messo molta enfasi nel gioco fatto di passaggi e nella protezione del quarterback, questo ha ovviamente prodotto l’effetto che le squadre assumessero giocatori sia offensivi che difensivi sempre più grossi e massicci. Molti di essi arrivano a pesare più di 150 kg. Se da una parte il gioco vale la candela visto che la NFL è uno dei campionati più pagati al mondo che ha reso questi giocatori milionari, dall’altra una volta smesso i problemi di salute rimangono e si fanno sentire.

Una volta ritiratisi questi giocatori perdono, senza l’aiuto di staff medici e degli allenatori, la voglia di allenarsi e quindi di perdere peso ma non perdono altrettanto le loro cattive abitudini alimentari, andando incontro ovviamente a diabete, ipertensione, fatica cronica e apnea respiratoria. 

Uno studio pubblicato dall’American Journal of Medicine, ha mostrato che per ogni 5 kg che un giocatore guadagna dal liceo all’università e dall’università al professionismo aumenta del 14% la possibilità di avere un attacco cardiaco. 

Purtroppo nella biologia del fisico umano, per essere sempre più forti non basta più essere solo muscolosi ma bisogna aggiungere anche del grasso, e solo mangiando in continuazione si ha l’energia per sollevare più kg in allenamento ed essere più potenti sul campo. E se a un uomo dici di poter mettere su grasso liberamente, anzi di venir pagato milioni di dollari per farlo, lo inviti a nozze e comincerà a mangiare pizza surgelata anche prima di andare a dormire.

Secondo alcuni medici che svolgono regolarmente le analisi a ex giocatori di football americano, questo tipo di vita non è più “vivere ma è sopravvivere”, e molto spesso non si può neanche intervenire chirurgicamente per il troppo peso e perché il cuore non reggerebbe all’intervento.

A tutto questo va aggiunta l’aggravante, da sempre troppo tollerata nel mondo NFL, dell’uso di steroidi e non solo. Non è un segreto infatti che prima delle gare i famosi lineman, i giocatori più grossi sul campo, che già di loro hanno problemi a respirare, quando indossano anche l’armatura sono costretti a prendere delle “bombe” bronco dilatatori per non morire di apnea proprio sul terreno di gioco.

Insomma il Football Americano è uno degli sport più popolari d’America che ne rispecchia però anche una delle più grandi piaghe di questo paese ovvero quella dell’obesità e di tutte le malattie collegate ad essa. 

Gli studi pubblicati dall’American Journal of medicine dovrebbero far riflettere tutti quanti sui pro e i contro dell’essere sì agiati economicamente ma poi dover vivere il resto della vita, molto corta se non si prendono provvedimenti immediati, afflitti da dolori e sofferenze per se stessi e per chi ci circonda.

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Pugilato

Billy Collins e quel pugno “dopato” che ha distrutto la sua vita Il 21 settembre 1961 nasceva il pugile di origini irlandesi Billy Collins,...

Calcio

Kyle Rote Jr, storia (dimenticata) della stella che non sapeva di esserlo Provate a chiedere a Kyle Rote Jr, oggi distinto sessantottenne residente in...

Calcio

Christian Pulisic, l’oro americano scoperto ‘per sbaglio’ Compie oggi 23 anni Christian Pulisic, giovane talento statunitense, per anni gemma preziosa del Borussia Dortmund, oggi...

Altri Sport

Perché corro alla Maratona di New York Il 13 settembre 1970 si correva la prima edizione della Maratona di New York, quest’anno di nuovo...

Calcio

Roberto Donadoni, gli Usa e una simulazione ‘da Oscar’ Compie oggi 58 anni Roberto Donadoni, splendido centrocampista d’attacco del Milan imbattibile, oggi allenatore. Per...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 7 Settembre 2008 moriva a El Paso, in Texas, Don Haskins, leggenda del...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, l’uomo al...

Calcio

Gutendorf – Pfannenstiel: il giro del mondo in 80 squadre Quando Jules Verne pensò di raccontare l’impresa del gentiluomo inglese che voleva circumnavigare l’intero...

Altri Sport

Le due vite “estreme” dell’Ironman Todd Crandell Cominciò tutto con due sorsi di birra, a tredici anni. Iniziò così la road to perdition di...

Azzardo

Il grande inganno dei Bonus di Benvenuto: quando il “regalo” è utile solo ai Bookmaker Sono messi in grandissima mostra, scritti grandi e con...

Basket

Kobe e Gianna: come te lo immagini il paradiso? Avrebbe compiuto oggi 43 anni Kobe Bryant, fenomenale quanto sfortunato cestista NBA, scomparso lo scorso...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro