Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Quanto è dura la vita degli ex giocatori di Football Americano

[themoneytizer id=”27127-1″]

Quanto è dura la vita degli ex giocatori di Football Americano

Nella NFL gli effetti di un trauma cerebrale hanno guadagnato molta attenzione negli anni anche grazie allo splendido lavoro del medico Bennet Omalu, ne avevamo già parlato in un articolo,  che scoprì la CTE –  la Encefalopatia Cronica Traumatica che colpiva fino, nei casi più drammatici, a portare alla morte gli ex giocatori di football americano.

Ora il mirino si sposta sui grandissimi problemi di peso e quindi di obesità a cui vanno incontro gli ex professionisti della palla ovale.

Negli ultimi decenni la NFL ha messo molta enfasi nel gioco fatto di passaggi e nella protezione del quarterback, questo ha ovviamente prodotto l’effetto che le squadre assumessero giocatori sia offensivi che difensivi sempre più grossi e massicci. Molti di essi arrivano a pesare più di 150 kg. Se da una parte il gioco vale la candela visto che la NFL è uno dei campionati più pagati al mondo che ha reso questi giocatori milionari, dall’altra una volta smesso i problemi di salute rimangono e si fanno sentire.

Una volta ritiratisi questi giocatori perdono, senza l’aiuto di staff medici e degli allenatori, la voglia di allenarsi e quindi di perdere peso ma non perdono altrettanto le loro cattive abitudini alimentari, andando incontro ovviamente a diabete, ipertensione, fatica cronica e apnea respiratoria. 

Uno studio pubblicato dall’American Journal of Medicine, ha mostrato che per ogni 5 kg che un giocatore guadagna dal liceo all’università e dall’università al professionismo aumenta del 14% la possibilità di avere un attacco cardiaco. 

Purtroppo nella biologia del fisico umano, per essere sempre più forti non basta più essere solo muscolosi ma bisogna aggiungere anche del grasso, e solo mangiando in continuazione si ha l’energia per sollevare più kg in allenamento ed essere più potenti sul campo. E se a un uomo dici di poter mettere su grasso liberamente, anzi di venir pagato milioni di dollari per farlo, lo inviti a nozze e comincerà a mangiare pizza surgelata anche prima di andare a dormire.

Secondo alcuni medici che svolgono regolarmente le analisi a ex giocatori di football americano, questo tipo di vita non è più “vivere ma è sopravvivere”, e molto spesso non si può neanche intervenire chirurgicamente per il troppo peso e perché il cuore non reggerebbe all’intervento.

A tutto questo va aggiunta l’aggravante, da sempre troppo tollerata nel mondo NFL, dell’uso di steroidi e non solo. Non è un segreto infatti che prima delle gare i famosi lineman, i giocatori più grossi sul campo, che già di loro hanno problemi a respirare, quando indossano anche l’armatura sono costretti a prendere delle “bombe” bronco dilatatori per non morire di apnea proprio sul terreno di gioco.

Insomma il Football Americano è uno degli sport più popolari d’America che ne rispecchia però anche una delle più grandi piaghe di questo paese ovvero quella dell’obesità e di tutte le malattie collegate ad essa. 

Gli studi pubblicati dall’American Journal of medicine dovrebbero far riflettere tutti quanti sui pro e i contro dell’essere sì agiati economicamente ma poi dover vivere il resto della vita, molto corta se non si prendono provvedimenti immediati, afflitti da dolori e sofferenze per se stessi e per chi ci circonda.

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Si è festeggiato ieri negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, per celebrare...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Altri Sport

In campo e dalla Legge: la vita in fuga di O. J. Simpson Il 12 Gennaio 1995 a Los Angeles iniziava quello che in...

Basket

Conrad McRae, “Icaro Mangiafuoco” della palla a spicchi Avrebbe compiuto oggi 51 anni Conrad McRae, lo sfortunato cestista che nel Basket Europeo ha lasciato...

Calcio

Pier Luigi Nervi, l’architettura al servizio dello sport Il 9 Gennaio 1979 moriva un maestro indiscusso della storia dell’architettura italiana, Pier Luigi Nervi, un innovatore nell’ambito...

Altri Sport

La poesia “sbagliata” di Miguel: storia del desaparecido che amava correre e sognare Dei trentamila desaparecidos che l’Argentina degli orrori ha strappato alla vita...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il primo gennaio 1863 nasceva Pierre De Coubertin, l’uomo al...

Calcio

Kyle Rote Jr, storia (dimenticata) della stella che non sapeva di esserlo Provate a chiedere a Kyle Rote Jr, oggi distinto sessantottenne residente in...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 26 Dicembre 1908 Jack Johnson diventa il primo pugile afroamericano della storia...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro