Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Quando Nemanja Matic salvò un paese in Serbia

Quando Nemanja Matic salvò un Paese in Serbia

Spesso i giocatori vengono considerati milionari interessati solo al portafoglio. In alcuni casi, dei piccoli gesti per loro, grandissimi per altri, rimangono nella storia del calcio come esempi da seguire.

Il calciatore che dà il buon esempio questa volta proviene dalla Serbia. Gioca in Inghilterra, e veste la maglia del Manchester United. E’ un centrocampista, ha 32 anni, compiuti oggi, e si chiama Nemanja Matic. La sua è la classica storia da raccontare. Ma non quella del calciatore ricco che finisce di nuovo sulle pagine dei giornali per aver guidato in stato di ebbrezza oppure, per essere stato pizzicato (alla Mario Balotelli per intenderci) a sparare proiettili di gomma nel pieno centro di una grande città (Milano ai tempi in cui giocava nell’Inter).  O ancora per essere rimasto coinvolto in una rissa fuori da un locale (come quel genio e sregolato talento di Paul Gascoigne). Non è insomma il dramma di uno dei “calcio-attori” del vecchio e nuovo millennio che oltre ad essere uomini di sport sono diventati e diventano per troppe volte ancora soprattutto personaggi di un triste spettacolo.

E’ piuttosto la storia di un ragazzo arrivato al grande calcio da un paesino della Serbia. Che una volta raggiunto l’apice della carriera, e giunto ad indossare una maglia prestigiosa come quella del Chelsea prima (con annessi e connessi in fatto di celebrità e lauti guadagni) e dello United poi, non si è dimenticato delle proprie origini. Non si è scordato della gente con la quale è cresciuto. Non si è scordato del fatto, come gli avranno raccontato fin da quando era un bambino, che un campione molte volte è tale più per come si comporta fuori che dentro al rettangolo di gioco. Che la “giocata” più importante, quella che resta impressa anche nella menta di chi non ti acclama, può essere un gesto tanto semplice quanto nobile.

Come quello di correre in soccorso di chi sta vivendo un momento di difficoltà (in questo caso economiche). E scegliere di aiutarlo senza chieder nulla in cambio. Così è stato per Nemanja Matic che nel 2016 ha scelto di sostenere non un amico, né una singola persona ma un intero villaggio nel quale crebbe dopo essere nato a Ub il primo agosto del 1988. Decidendo così di pagare i debiti che i cittadini avevano nei confronti di alcuni negozi e supermercati di Vrelo, un paesino della Serbia di appena 1600 anime. Consentendo a questa piccola località di prendere (economicamente) una boccata d’ossigeno, pagando anche i debiti di gioco contratti dagli abitanti. Tutto questo ogni volta che ritorna nel luogo in cui è cresciuto. Con l’ulteriore promessa di proseguire con “il piano di risanamento” anche in futuro.

Finanziando, come riportò il tabloid britannico The Mirror, anche la costruzione di una fontana davanti alla chiesa. E, dulcis in fundo, di pagare anche la scuola che frequentò quando era un bambino. Come dichiarò il preside della scuola Bosko Saric, Matic ha pagato il rifacimento del campo sportivo dell’Istituto. Erano i primi anni Novanta e in Serbia erano anni difficili per tanti giovani ragazzi. C’era anche il piccolo Nemanja tra di loro. Era ancora un bambino che sognava di diventare grande. Vent’anni dopo, di lui, si racconterà che è diventato un grande calciatore. Ma prima di tutto, un grande uomo.

 

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Armin Zöggler: a tu per tu con il Cannibale del ghiaccio In questa anno balordo il momento  delicato dovuto alla seconda ondata Covid  ha...

Calcio

Dieci e non più dieci Germogliano i fiori, in mezzo ai rifiuti,  Per ogni rimbalzo che resta immacolato; Tra terra battuta, tra il fango e...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Motori

Vittorio Brambilla, un pilota da film Sbucano sempre da qualche parte, i ricordi più rari. Quando meno te lo aspetti, sembrano materializzarsi dal nulla,...

Calcio

Illustrazione di David Diehl Oleg Blokhin, l’oro dell’URSS Compie oggi 68 anni Oleg Blokhin, leggenda del calcio sovietico e pallone d’oro del 1975. Per...

Calcio

Marco Van Basten: l’eterno volo del Cigno Compie oggi 56 anni Marco van Basten, il fenomenale quanto sfortunato giocatore olandese che abbiamo avuto l’onore...

Eventi

Yuliya Mayarchuk torna al cinema con “Mai per sempre”, il nuovo film di Fabio Massa «L’amore è la cosa più importante della mia vita»....

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Spesso mando ciò che scrivo a una mia carissima amica. Le chiedo di dare un’occhiata perché di lei...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro