Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Quando Nemanja Matic salvò un paese in Serbia

Quando Nemanja Matic salvò un Paese in Serbia

Spesso i giocatori vengono considerati milionari interessati solo al portafoglio. In alcuni casi, dei piccoli gesti per loro, grandissimi per altri, rimangono nella storia del calcio come esempi da seguire.

Il calciatore che dà il buon esempio questa volta proviene dalla Serbia. Gioca in Inghilterra, e veste la maglia del Manchester United. E’ un centrocampista, ha 33 anni, compiuti oggi, e si chiama Nemanja Matic. La sua è la classica storia da raccontare. Ma non quella del calciatore ricco che finisce di nuovo sulle pagine dei giornali per aver guidato in stato di ebbrezza oppure, per essere stato pizzicato (alla Mario Balotelli per intenderci) a sparare proiettili di gomma nel pieno centro di una grande città (Milano ai tempi in cui giocava nell’Inter).  O ancora per essere rimasto coinvolto in una rissa fuori da un locale (come quel genio e sregolato talento di Paul Gascoigne). Non è insomma il dramma di uno dei “calcio-attori” del vecchio e nuovo millennio che oltre ad essere uomini di sport sono diventati e diventano per troppe volte ancora soprattutto personaggi di un triste spettacolo.

E’ piuttosto la storia di un ragazzo arrivato al grande calcio da un paesino della Serbia. Che una volta raggiunto l’apice della carriera, e giunto ad indossare una maglia prestigiosa come quella del Chelsea prima (con annessi e connessi in fatto di celebrità e lauti guadagni) e dello United poi, non si è dimenticato delle proprie origini. Non si è scordato della gente con la quale è cresciuto. Non si è scordato del fatto, come gli avranno raccontato fin da quando era un bambino, che un campione molte volte è tale più per come si comporta fuori che dentro al rettangolo di gioco. Che la “giocata” più importante, quella che resta impressa anche nella menta di chi non ti acclama, può essere un gesto tanto semplice quanto nobile.

Come quello di correre in soccorso di chi sta vivendo un momento di difficoltà (in questo caso economiche). E scegliere di aiutarlo senza chieder nulla in cambio. Così è stato per Nemanja Matic che nel 2016 ha scelto di sostenere non un amico, né una singola persona ma un intero villaggio nel quale crebbe dopo essere nato a Ub il primo agosto del 1988. Decidendo così di pagare i debiti che i cittadini avevano nei confronti di alcuni negozi e supermercati di Vrelo, un paesino della Serbia di appena 1600 anime. Consentendo a questa piccola località di prendere (economicamente) una boccata d’ossigeno, pagando anche i debiti di gioco contratti dagli abitanti. Tutto questo ogni volta che ritorna nel luogo in cui è cresciuto. Con l’ulteriore promessa di proseguire con “il piano di risanamento” anche in futuro.

Finanziando, come riportò il tabloid britannico The Mirror, anche la costruzione di una fontana davanti alla chiesa. E, dulcis in fundo, di pagare anche la scuola che frequentò quando era un bambino. Come dichiarò il preside della scuola Bosko Saric, Matic ha pagato il rifacimento del campo sportivo dell’Istituto. Erano i primi anni Novanta e in Serbia erano anni difficili per tanti giovani ragazzi. C’era anche il piccolo Nemanja tra di loro. Era ancora un bambino che sognava di diventare grande. Vent’anni dopo, di lui, si racconterà che è diventato un grande calciatore. Ma prima di tutto, un grande uomo.

 

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn In occasione dei 103 anni dalla sua nascita, il nostro tributo al leggendario capitano del Grande Torino. Tulèn,...

Calcio

Qualche mese fa Mimmo Carratelli ha scritto sul Guerin Sportivo che il Napoli era sulle tracce di Anguissa già sei anni fa ma che...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Pugilato

Muhammad Ali, in principio fu la bicicletta Quale ragazzino, negli anni Cinquanta, non avrebbe desiderato una bicicletta Schwinn? Una di quelle così belle e...

Calcio

Il calcio al tempo di Tito: Jugoslavia, una Nazionale per sei Stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti Il 14 Gennaio 1953...

Calcio

Franco Citti: l'”Accattone” che amava il calcio Il 14 gennaio 2016 moriva a 80 anni il grande Franco Citti. Per ricordarlo vi raccontiamo la...

Calcio

Luciano Castellini, il Giaguaro dal cuore tenero Il 16 maggio 1976 Claudio Baglioni festeggiava un quarto di secolo, Rosario Fiorello compiva sedici anni e...

Pugilato

Carlos Monzon, la strada della violenza L’8 gennaio 1995 moriva Carlos Monzon, il pugile argentino campione del mondo dei pesi medi che con il...

Pugilato

Jarry Quarry, bianco per caso Vederlo davanti ad Ali, con i suoi passi prevedibili progressivamente invischiati nella ragnatela del più grande di tutti, fa...

Altri Sport

Charlie Chaplin: storia di un atleta diventato il più grande comico di sempre Il 25 Dicembre 1977 moriva quel genio artistico di Charlie Chaplin,...

Motori

Michele Alboreto, signor pilota, pilota signore Chi l’ha detto che si debba sempre cominciare dall’inizio? Peraltro quelli bravi, o che vogliono apparire tali, cominciano...

Pugilato

Dover essere ricordati per forza in relazione all’epoca in cui si sono compiute le proprie imprese; non soltanto in ragione di esse: una delle...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro