Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Quando il campo di calcio è ‘fantozziano’: il caso degli argentini dei Liniers

Sembra una storia proveniente da qualche film comico, una disavventura di fantozziana memoria; invece è la pura e vera realtà.

Un club argentino di quinta divisione, i Liniers, è stato allertato dalla federazione del proprio paese: “Dovete mettere a posto il vostro campo da gioco perché non è regolamentare oppure non potrete più scendere sul rettangolo verde”. La ‘curiosità’ riguarda il fatto che la suddetta squadra gioca le proprie partite casalinghe su quel terreno da circa trent’anni (1987) e nessuno mai prima aveva mosso un dito.

I problemi sono evidenti e sostanziali: una metà campo è largamente più piccola dell’altra, ad esempio. Se entro il 15 dicembre non verranno effettuati lavori di ristrutturazione, la federazione argentina ha promesso di chiudere l’impianto.

Il presidente dei Liniers Marcelo Gomez ha affermato che gli ufficiali della federazione argentina si sono resi conto dell’incredibile struttura del terreno di gioco soltanto dopo aver visto delle immagini aeree provenienti dal sito Google Maps. Pazzesco.

L’allenatore Cesar Aguirre, dal canto suo, prova a difendere la propria società e ritiene che non si tratti di problemi che possano danneggiare il regolare svolgimento delle partite:

Sia noi sia i nostri avversari scendiamo in campo qui da una vita, ormai ci siamo abituati tutti a certe stranezze! Certo, i nostri opponenti hanno bisogno di qualche minuto in più per adattarsi durante una sfida ma tatticamente non cambia poi molto“.

Il vice-presidente dei Liniers Miguel Narvaez ha invece spiegato il motivo per il quale il rettangolo di gioco proprio tanto rettangolo poi non si possa definire: “Si tratta di una storia ormai risalente a trent’anni fa. Nel corso della stagione 1984-85, una coppia di investitori acquistò oltre sette ettari di terreno e fece iniziare i lavori per costruire un campo di calcio”.

Ai tempi, non era possibile usare dei laser, così il lavoro venne svolto essenzialmente grazie ai soli occhi degli uomini impiegati sul posto. C’è poco da fare. Ora dobbiamo muoverci per sistemare il tutto“.

Eh si, bisogna farlo e presto; il regolamento della Fifa, infatti, prevede che le linee che delimitano il campo debbano creare un rettangolo e debbano essere tracciate con un segno continuo che non comporti pericoli per gli atleti.

In tema di campi assurdi, non si può, inoltre, non citare il famoso caso di Easter Road, casa degli scozzesi dell’Hibs. Il problema? Si trova in pendenza…

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

El Clásico de Avellaneda: Rivalità, manichini e la maledizione dei sette gatti neri Lo scorso fine settimana si è giocata una delle partite più...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro