Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Quando il campo di calcio è ‘fantozziano’: il caso degli argentini dei Liniers

Sembra una storia proveniente da qualche film comico, una disavventura di fantozziana memoria; invece è la pura e vera realtà.

Un club argentino di quinta divisione, i Liniers, è stato allertato dalla federazione del proprio paese: “Dovete mettere a posto il vostro campo da gioco perché non è regolamentare oppure non potrete più scendere sul rettangolo verde”. La ‘curiosità’ riguarda il fatto che la suddetta squadra gioca le proprie partite casalinghe su quel terreno da circa trent’anni (1987) e nessuno mai prima aveva mosso un dito.

I problemi sono evidenti e sostanziali: una metà campo è largamente più piccola dell’altra, ad esempio. Se entro il 15 dicembre non verranno effettuati lavori di ristrutturazione, la federazione argentina ha promesso di chiudere l’impianto.

Il presidente dei Liniers Marcelo Gomez ha affermato che gli ufficiali della federazione argentina si sono resi conto dell’incredibile struttura del terreno di gioco soltanto dopo aver visto delle immagini aeree provenienti dal sito Google Maps. Pazzesco.

L’allenatore Cesar Aguirre, dal canto suo, prova a difendere la propria società e ritiene che non si tratti di problemi che possano danneggiare il regolare svolgimento delle partite:

Sia noi sia i nostri avversari scendiamo in campo qui da una vita, ormai ci siamo abituati tutti a certe stranezze! Certo, i nostri opponenti hanno bisogno di qualche minuto in più per adattarsi durante una sfida ma tatticamente non cambia poi molto“.

Il vice-presidente dei Liniers Miguel Narvaez ha invece spiegato il motivo per il quale il rettangolo di gioco proprio tanto rettangolo poi non si possa definire: “Si tratta di una storia ormai risalente a trent’anni fa. Nel corso della stagione 1984-85, una coppia di investitori acquistò oltre sette ettari di terreno e fece iniziare i lavori per costruire un campo di calcio”.

Ai tempi, non era possibile usare dei laser, così il lavoro venne svolto essenzialmente grazie ai soli occhi degli uomini impiegati sul posto. C’è poco da fare. Ora dobbiamo muoverci per sistemare il tutto“.

Eh si, bisogna farlo e presto; il regolamento della Fifa, infatti, prevede che le linee che delimitano il campo debbano creare un rettangolo e debbano essere tracciate con un segno continuo che non comporti pericoli per gli atleti.

In tema di campi assurdi, non si può, inoltre, non citare il famoso caso di Easter Road, casa degli scozzesi dell’Hibs. Il problema? Si trova in pendenza…

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La chiamarono la Guerra del Calcio Il 14 Luglio 1969 iniziava quella che viene definita la “Guerra del Calcio” tra Honduras e El Salvador....

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

La C2 del Licata e le origini di “Zemanlandia” Dilectissima. Così nel XIII° secolo Federico II di Svevia appellò Licata, cittadina in provincia di...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Calcio

Rachid Mekhloufi e la squadra del Fronte di Liberazione Nazionale Algerino Siamo alla fine degli anni Cinquanta e Rachid Mekhloufi è un centrocampista che...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro