Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Qualificazioni Russia 2018: Primo punto storico per il Kosovo ma c’è il rischio di un incidente diplomatico

Si è conclusa la prima giornata di qualificazioni per i Mondiali di Russia 2018. L’Italia di Ventura ha sconfitto un indomito Israele imponendosi per 3 a 1 ad Haifa.

Ma il centro del palcoscenico, ieri sera, è stato tutto per la nazionale del Kosovo. Alla prima apparizione in una competizione ufficiale, infatti, la squadra dello stato balcanico resosi indipendente dalla Serbia nel 2008, ma non riconosciuto da molti Paesi dell’ONU, è riuscita a strappare un pareggio storico contro la Finlandia, proprio in terra scandinava. Con il risultato di 1 a 1 è arrivato il primo punto per la neonata nazionale: dopo il momentaneo vantaggio finnico, a portare la gara in equilibrio ci ha pensato Valon Berisha con un calcio di rigore.

Una partita piena di difficoltà già prima del fischio di inizio con la Fifa intenta a valutare la possibilità o meno di convocare giocatori che, prima della nascita della Federazione kosovara, avevano vestito maglie di altre nazionali. Hetemaj, conosciuto in Italia per la sua militanza nel Chievo Verona, ha ottenuto di non prendere parte al match, in quanto giocatore della Finlandia ma nativo di Sbrica, in Kosovo. Altri problemi si andranno a creare nelle eventuali occasioni in cui la compagine dovrà affrontare nazionali i cui Stati non riconoscono l’indipendenza della regione, da molti considerata ancora territorio serbo. Tra queste, per l’appunto, figura l’Ucraina, inserita nel suo stesso gruppo, che dovrà decidere come comportarsi: un’eventuale partita a Kiev tra l’Ucraina e il Kosovo, de facto, rappresenterebbe l’accettazione dell’esistenza di uno Stato indipendente dalla Serbia.
Attendiamo sviluppi.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

41 anni di Zimbabwe: il calcio al tempo dell’Apartheid Il 18 aprile 1980 lo Zimbabwe, nuovo nome della colonia dell’ex Rhodesia Meridionale, otteneva l’indipendenza...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

La rivincita di Igor Akinfeev Compie oggi 35 anni Igor Akinfeev, il portiere russo che agli ultimi Mondiali si è preso una rivincita attesa...

Altri Sport

A tu per tu con Giovanni “Johnny” Pellielo, la Leggenda del Tiro a Volo Fasi decisive per il mondo dello sport in generale che...

Calcio

Il calcio ai tempi di Francisco Franco Il 28 Marzo 1939 finiva la Guerra Civile Spagnola, vedendo come vincitore Francisco Franco che instaura il...

Calcio

Le partite degli altri: l’ultima volta della DDR Aggrappati a un gol, impensabile ancor più che imprevisto, di Jürgen Sparwasser, quando le spartane maglie...

Calcio

Il paradiso e l’inferno in un colpo solo: la Nigeria ai Mondiali 1998 La Nigeria a Francia ’98: quel sogno infranto dal poker danese....

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 20 marzo 1990 moriva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Inchieste & Focus

Perché il Calcio non c’entra niente con lo Ius Soli Negli ultimi giorni è tornata in auge la questione Ius Soli, con le dichiarazioni...

Calcio

Miodrag Belodedić, libero alla frontiera L’unica certezza era il Danubio. Sentenza e dato di fatto al tempo stesso, lo scorrere del grande fiume che...

Calcio

Velibor Vasovic, il guardiano del vento Il 4 marzo 2022 moriva Velibor Vasovic, il calciatore serbo capitano dell’Ajax di Cruijff. Diverso dagli altri giocatori...

Calcio

El Maestro Tabarez e le Origini della Garra Charrua Compie oggi 74 anni Oscar Tabarez, l’allenatore dell’Uruguay che incarna perfettamente lo spirito della squadra...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro