Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

Putin e il Judo: un rapporto controverso

In occasione di questa estate di sport la Russia non sfoggia il suo abito buono.

Gli Europei di calcio e le Olimpiadi rientrano in quel genere di manifestazione che, nello stesso luogo e tempo, riesce a portare ad un sano confronto diversi paesi. Questa è retorica ma è già qualcosa, è quel “qualcosa” che ci piace provare una volta ogni quattro anni e, anche se solo a parole, ci dà la sensazione che un punto di contatto esista.

E la Russia? La Russia, tra gli scontri di Marsiglia e la possibile esclusione dalle gare di atletica a Rio per doping di Stato, sembra, contro ogni retorica possibile, dare la sensazione di non aver voluto cogliere lo spirito di tali eventi.

A questi fatti sono seguiti, come logico aspettarsi, lamentele e indignazione da parte delle istituzioni e degli atleti del paese interessato.

La donna dei record Yelena Isinbayeva, due volte medaglia d’oro ai Giochi Olimpici, vedendo minacciata la sua partecipazione a Rio, arriva a parlare di violazione dei diritti umani.

Anche Putin, tramite il suo portavoce, si è espresso rifiutando le accuse sul coinvolgimento del Cremlino, trovando ingiusto punire atleti puliti e augurandosi che si faccia chiarezza il prima possibile.

Cerchiamo di capire come questo paese sia arrivato a tale situazione, considerando il rapporto che il suo primo ministro ha con lo sport.

Vladimir Putin, rispetto ad altri leader della terra, non si limita a fare una corsetta la mattina prima dei suoi impegni istituzionali, lui è più di uno sportivo, è un judoka.

Pratica l’arte marziale giapponese dall’età di 14 anni. Conosciuto nell’ambiente come Harai Goshi, nome di una tecnica del judo, è attualmente il presidente del dojo di San Pietroburgo dove ha iniziato come allievo (Dojo Yawara).

Decide di raccontare la sua esperienza e diventa un teorico della disciplina come coautore di un libro, Judo con Vladimir Putin, pubblicato nel 2003.

Il risultato più importante che ottiene è nel 2012, quando, ospite nella famosa sede del judo, Kodokan, a Tokyo, gli viene consegnato l’ottavo dan, guadagnando, con questo, il primato di leader ad aver raggiunto livelli avanzati nella disciplina.

Quindi, se il primo ministro è un vero judoka, la filosofia che è alla base dell’arte marziale dovrebbe non solo essergli nota ma esser diventata parte della sua vita, tanto da condizionare comportamenti e decisioni.

Il judo affonda le proprie radici nel Bushido, codice di condotta adottato dai Samurai, dal quale riprende i precetti morali ai quali ogni judoista dovrebbe aspirare non solo nella pratica della disciplina ma anche nella vita di tutti i giorni.

Queste norme si articolano in sette principi fondamentali, qui semplicemente elencati:

Gi: onestà e giustizia

Yu: eroico coraggio

Jin: compassione

Rei: gentile cortesia

Makoto: completa generosità

Meiyo: onore

Chugi: dovere e lealtà

Senza spingersi in cavillose analisi, non è difficile notare che sono molte le norme che Vlad fatica a rispettare.

Sarebbe sufficiente e sin troppo semplice pensare alla natura del suo terzo mandato per mettere in discussione il suo senso dell’onore e dell’onestà. Se a questo aggiungiamo le accuse di peculato e le sue leggi “omofobe” del 2013, al judoka Putin sembra rimanga solo la tecnica.

E così, alla luce dei fatti di questi giorni, salta agli occhi un parallelismo tra le accuse di una perdita dell’etica sportiva in un grande paese e l’incapacità del suo leader di apparire come un esempio da seguire.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Indipendenza Kosovo: l’oro di Majlinda, la gloria dopo il sangue e la sofferenza Il 17 Febbraio 2008, il Governo provvisorio del Kosovo proclama unilateralmente...

Altri Sport

E’ notizia di qualche giorno fa l’appello disperato di Gianni Maddaloni, “O’ Mae'” per tutti, colui che ha avuto il coraggio di aprire una...

Inchieste & Focus

L’esclusione del judoka El Shehaby è la notizia degli ultimi giorni che ha fatto il giro del mondo. L’atleta egiziano si era rifiutato di...

Calcio

Nelle Olimpiadi più tormentate degli ultimi anni, dissestate dai problemi organizzativi e rese sempre più tese dalle continue dispute sui casi di doping, lo...

Altri Sport

Nel 1992, nel corso dell’estate olimpica che restituiva a nuova vita la città di Barcellona e la Spagna stessa, in una energica folata prima...

Altri Sport

Giornata ricca di medaglie per l’Italia. Spiccano su tutte quelle della delegazione del Judo azzurro. Un gruppo di giovanissimi atleti venuti a Rio per...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro