Connect with us

Cerca articoli

Doping

Il pugno duro della Wada risparmia il calcio russo

[themoneytizer id=”27127-1″]

Il pugno duro della Wada risparmia il calcio russo

Non c’è pace per la Russia sulla questione doping. C’è però una buona notizia: non verrà estromessa da Euro 2020 come nazione ospitante in questo primo torneo itinerante anche qualora dovesse essere sanzionata, secondo la richiesta dell’agenzia internazionale anti-doping (WADA), con il divieto per quattro anni di ospitare grandi eventi sportivi a seguito dello scandalo doping (doping di Stato) che ha coinvolto il paese.

Il paese non perderà, in caso di nuova sanzione, neanche il diritto di ospitare la finale di Champions League del 2021 poichè come riporta il Telegraph qualsiasi divieto riguarderà solamente i campionati mondiali in relazioni a sport individuali. Quindi la Champions League anche se è una competizione riguardante un solo sport, il calcio, e solo a livello europeo e non mondiale, quindi non rientra in questo divieto. Stesso discorso ovviamente per Euro 2020 con San Pietroburgo che ospiterà tre partite della fase a gironi e un quarto di finale.

Potrebbe restare valido, invece, il divieto per il paese di sventolare la propria bandiera nelle principali competizioni ma la decisioni del comitato esecutivo della Wada sono attese per il nove dicembre. A rischio la partecipazione a Tokyo 2020.

Insomma la WADA vorrebbe applicare il pugno duro contro un paese che reiteratamente e sistematicamente con la connivenza anche dei vertici dello Stato ha violato i principi dello sport, pugno duro che però pian piano si sta aprendo e diventando sempre più un buffetto davanti al solito dio denaro e gli interessi commerciali.

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Da non perdere

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

E così, dopo quattro anni, il gran circo dei mondiali torna a varcare l’Atlantico. Per la prima volta sopra la linea del Rio Grande,...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La chiamarono la Guerra del Calcio Il 14 Luglio 1969 iniziava quella che viene definita la “Guerra del Calcio” tra Honduras e El Salvador....

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

Ai mondiali qualche (relativa) sorpresa è ancora possibile: sembra questo il senso dell’edizione di Germania 2006 nella quale si erge a protagonista la squadra...

Calcio

La C2 del Licata e le origini di “Zemanlandia” Dilectissima. Così nel XIII° secolo Federico II di Svevia appellò Licata, cittadina in provincia di...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro