Connect with us

Cerca articoli

Doping

Il pugno duro della Wada risparmia il calcio russo

[themoneytizer id=”27127-1″]

Il pugno duro della Wada risparmia il calcio russo

Non c’è pace per la Russia sulla questione doping. C’è però una buona notizia: non verrà estromessa da Euro 2020 come nazione ospitante in questo primo torneo itinerante anche qualora dovesse essere sanzionata, secondo la richiesta dell’agenzia internazionale anti-doping (WADA), con il divieto per quattro anni di ospitare grandi eventi sportivi a seguito dello scandalo doping (doping di Stato) che ha coinvolto il paese.

Il paese non perderà, in caso di nuova sanzione, neanche il diritto di ospitare la finale di Champions League del 2021 poichè come riporta il Telegraph qualsiasi divieto riguarderà solamente i campionati mondiali in relazioni a sport individuali. Quindi la Champions League anche se è una competizione riguardante un solo sport, il calcio, e solo a livello europeo e non mondiale, quindi non rientra in questo divieto. Stesso discorso ovviamente per Euro 2020 con San Pietroburgo che ospiterà tre partite della fase a gironi e un quarto di finale.

Potrebbe restare valido, invece, il divieto per il paese di sventolare la propria bandiera nelle principali competizioni ma la decisioni del comitato esecutivo della Wada sono attese per il nove dicembre. A rischio la partecipazione a Tokyo 2020.

Insomma la WADA vorrebbe applicare il pugno duro contro un paese che reiteratamente e sistematicamente con la connivenza anche dei vertici dello Stato ha violato i principi dello sport, pugno duro che però pian piano si sta aprendo e diventando sempre più un buffetto davanti al solito dio denaro e gli interessi commerciali.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Da non perdere

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Calcio

La rivincita di Igor Akinfeev Compie oggi 35 anni Igor Akinfeev, il portiere russo che agli ultimi Mondiali si è preso una rivincita attesa...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro