Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

Psicologia e Azzardo: “Ambiente incentivante è un pericolo per i giovani”

 A Cura di Marzia Serena Terragni, psicologa dello sport, psicoterapeuta relazionale, esperta in età evolutiva di Calcio Profiler

Abbiamo intervistato Roberta Smaniotto, psicologa, psicoterapeuta sistemico-relazionale e Presidente dell’Associazione AND (Azzardo e Nuove Dipendenze)

Ciao Roberta, ormai da anni ti occupi, con l’Associazione AND, di gioco d’azzardo. In che forme il tuo lavoro si interfaccia col mondo dello sport?

Grazie per la domanda, tanto semplice, quanto complessa. Il mio lavoro, che spazia dalla cura delle persone che hanno perso il controllo su un comportamento di gioco d’azzardo, alla prevenzione su che cosa sia l’azzardo (che non è un gioco) si interfaccia con il mondo dello sport in modi diversi. Il mondo dello sport, ed in particolare quello del calcio, è “impregnato” anche d’azzardo: è infatti possibile scommettere su qualsiasi evento sportivo (compresi quelli virtuali!), ma la scommessa non è sport! Lo sport è una pratica impegnativa, faticosa, dove più ti alleni più puoi migliorare la tua performance, dove ti metti in gioco in prima persona, dove impari. L’azzardo è altra cosa: scommettere vuol dire puntare del denaro su un evento il cui esito dipende esclusivamente o principalmente dal caso.

Quali sono i segnali che non bisogna sottovalutare se si è un allenatore o un familiare?

I primi segnali di allarme rispetto alla possibilità di sviluppare un problema con il gioco d’azzardo sono due: il fatto di mentire rispetto alla propria attività di azzardo (scommetto, ma nascondo le ricevute; uso i soldi che mi servono per altro mentendo su dove sono finiti) e il fatto di aumentare la posta (cerco di rincorrere le perdite precedenti). E’ altrettanto importante per un adulto/educatore riflettere sul proprio rapporto con l’azzardo: è un fattore di rischio per i nostri ragazzi frequentare adulti che a loro volta scommettono.

Quali sono i fattori di rischio che possono spingere verso una patologia di questo tipo?

Vorrei iniziare con il porre l’attenzione su alcuni fattori: la prossimità con un ambiente incentivante l’azzardo (le pubblicità dilaganti e martellanti di siti di scommesse, fatte, ahimè, anche da campioni dello sport…), la “familiarità” con questo tipo di atteggiamento (i ragazzi vengono avvicinati all’azzardo casualmente e, senza cognizione, anche dai propri adulti di riferimento – nonni che fanno grattare ai propri nipoti “gratta e vinci”, ad esempio, senza conoscere la pericolosità di un simile comportamento; fratelli maggiori o amici che scommettono nella speranza di ritrovarsi con qualche soldo extra da spendere e non dover giustificare.

In che modo si può intervenire quando in una squadra di calcio alcuni elementi hanno un problema di questo tipo?

Quando un componente o alcuni componenti di una squadra hanno un problema di perdita di controllo sull’azzardo/sulla scommessa, è fondamentale non prestare soldi e facilitare l’avvicinamento ad un percorso di cura. E’ importante che alla cura si affacci sia chi ha il problema sia i familiari: insieme si può affrontare questa malattia.

Esistono progetti preventivi e cosa secondo te sarebbe ancora necessario attuare, soprattutto a partire dai settori giovanili?

Un progetto preventivo educativo che sarebbe necessario mostrare a tutti i nostri ragazzi a partire dai settori giovanili (indicativamente dagli alunni di terza media) è il video “Il caso, Lucky, non si può influenzare”, realizzato dall’Università Canadese. E’ un breve video di una ventina di minuti che tratta i temi principali del gioco d’azzardo: le probabilità di perdita, l’indipendenza delle puntate, il fatto che il banco vince sempre.

Sarebbe altresì fondamentale che i nostri campioni dello sport non accettassero di pubblicizzare aziende che offrono azzardo (per non aumentare la confusione già esistente tra gioco/sport e azzardo), e che le società sportive non accettassero sponsorizzazioni da parte di società che offrono azzardo.

A cura di

Clicca per commentare

0 Comments

  1. nevio zampieri

    Febbraio 19, 2017 at 7:26 pm

    Il gioci d’azzardo va semplicemente abolito punto!!!
    Ah già dimenticavo le entrate fiscali, che sono meno di quello che si spende per curare la dipendenza. Ma allora, se uno/a si vuole rovinare la vita, lasciamoli fare cosi non c’è più bisogno di psicologi, medici ecc.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Azzardo

Il grande inganno dei Bonus di Benvenuto: quando il “regalo” è utile solo ai Bookmaker Sono messi in grandissima mostra, scritti grandi e con...

Calcio

Giornata mondiale del Gioco: La “Sindrome di Ronaldo” Domani 28 maggio si celebrerà la Giornata mondiale del Gioco. Qualcosa che andrebbe ricordato anche mentre...

Altri Sport

Velokhaya: i pedali d’oro dell’Accademia che toglie i bambini dalle strade del Sudafrica Khayelitsha. Sudafrica. Anno 2003. In pochi possono immaginare che la Velokhaya...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Altri Sport

Ride bene chi ride ultimo: i Campioni che hanno vinto la battaglia contro il Bullismo In occasione della Giornata nazionale contro il Bullismo e...

Azzardo

Conviene utilizzare i pronostici in rete prima di scommettere? Quello del betting è un mondo particolarmente ricco ed articolato, che nel corso degli anni...

Azzardo

Dal vecchio Totocalcio al web: storia della tanto amata schedina Una ‘vecchietta’ che ha abbondantemente passato i 75 anni di età e che negli...

Azzardo

Slot e giochi, cosa aspettarsi dal 2021 Il banco piange, è proprio il caso di dirlo; non siamo ad un tavolo di poker ma...

Azzardo

Come l’AAMS sta regolamentando il gioco in Italia Un comparto sempre borderline che si muove in perfetto equilibrio tra lecito ed illegale e che...

Azzardo

Scommesse sportive: come il confronto delle quote può aiutare gli appassionati Le quote sono alla base delle scommesse sportive e chiunque scommetta, esperto o...

Calcio

Alcuni validi motivi per seguire ancora il calcio In Italia, da che mondo è mondo, il calcio è lo sport più amato e seguito...

Calcio

Se anche il Calcio fa i conti con il rischio default È sempre più concreto il rischio default per il calcio italiano: se fino...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro