Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Prova Tv contro la Discriminazione

Finché l’arbitro non vede, i giocatori in campo possono sostanzialmente dirsi tutto, o meglio, di tutto. Non esiste un dato che quantifichi gli insulti, e non ne conosciamo la gravità finché non vediamo un giocatore andare in escandescenza. Nel campo senza microfoni, lontani dall’occhio della sanzione, può scappare qualche parola che sfugge allo scalpore. Questi termini scottanti sono spesso e volentieri associati alla discriminazione, l’ultimo labiale di Daniele De Rossi nei confronti del croato Mandzukic è uno degli esempi più recenti. Ma quanti «zingaro di m…a» saranno passati inosservati?

A ben guardare le cronache di calcio, il razzismo in campo non è all’ordine del giorno. Gli episodi più eclatanti degli ultimi anni nascono sempre dagli spalti, si ricordi il caso di Boateng nell’amichevole contro la Pro Patria, quando pose fine alla partita dopo circa un quarto d’ora di gioco per i continui ululati di una frangia di tifosi bustocchi. Anni prima, nel 2005, fu il difensore del Messina Marc-Andrè Zoro a sospendere la partita, mentre l’episodio più recente risale allo scorso turno infrasettimanale, Koulibaly in Lazio-Napoli

Nelle passate stagioni, la continua discriminazione territoriale nei confronti di Napoli provocò diverse gare a curve chiuse. Quando le forme discriminatorie si sono presentate in maniera eclatante, le conseguenze non si sono mai fatte attendere, così come le sanzioni. Allo stesso tempo, mentre in campo sono più volte fioccati cartellini rossi per comportamenti antisportivi, tuttavia l’insulto, veloce e inizialmente inosservato, può sfuggire alla pena. In Turchia, un caso Emre Belözoglu aveva fatto parlare di sé, con il giocatore che punzecchiò Zokora per tutta la durata del match tra Fenerbahce e Trabzonspor.

Il potenziamento delle telecamere a bordocampo diventa uno strumento per controllare le condotte discriminatorie meno percettibili come labiali silenziosi e offese nascoste. La notizia diffusa da Tuttomercatoweb.com annuncia l’introduzione della prova-tv anti-discriminazione dal 1° luglio 2016. C’è da chiedersi se il rischio della sanzione possa influire sulla condotta dei giocatori.

A ben vedere, la lamentela per un insulto a sfondo razzista, etnico o religioso non osservato dall’arbitro non si verifica abitualmente, sebbene non siano mancati sporadici episodi. Lo «zingaro di m…a» di De Rossi è passato impunito poiché non rilevato dall’arbitro, ed in tal senso non riguarda la competenza della procura. Con la prova televisiva anti-discrimine, viene disciplinata l’offesa a carattere etnico, razzista, religioso o riguardante il sesso, con una squalifica che può raggiungere le 10 giornate per i calciatori e 4 mesi per gli altri tesserati, come sarebbe accaduto, ad esempio, nel battage Sarri-Mancini.

Siamo allo storico passaggio della completa eliminazione delle condotte discriminatorie nel mondo del calcio? Basterà una telecamera per cancellare l’insulto o per eliminare labiali che snellirebbero il lavoro di moviola e ridurrebbero il calcio da pettegolezzo? Il banco di prova apre il 1° luglio 2016, il comportamento dei giocatori potrebbe subire una modifica importante.

FOTO: www.contrastotv.it

social banner

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ezio Sclavi, il portiere senza ruolo Quando nel 1919 il quattordicenne Fulvio Bernardini arrivò al campo della Lazio (sarebbe poi diventato un’icona giallorossa da...

Calcio

Mexico ’86, 22 Giugno: Maradona racconta la “Mano de Dios” Il 22 Giugno 1986 durante in Mondiali in Messico Diego Armando Maradona segna il...

Calcio

L’Orlando City e i seggiolini arcobaleno in memoria della strage del Pulse Il 12 Giugno 2016 nel locale Pulse di Orlando, punto d’incontro della...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 10 giugno 1946 moriva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Altri Sport

Dutee Chand, l’atleta che corre per la libertà in India Il 19 Maggio 2019 la sprinter Dutee Chand  fa coming out, diventando la prima...

Calcio

Omosessualità e Sport: nel calcio nessuno è “libero” di amare davvero Il 17 maggio si celebra la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Compie oggi 66 anni Claudio Garella, iconico portiere del Napoli Campione d’Italia, famoso per il suo modo...

Calcio

16 Maggio 1976: una “Scheggia” e una salvezza per l’ultimo atto della Lazio di Maestrelli Reso famoso dall’incipit di uno dei romanzi più celebri...

Calcio

St. Pauli: i Pirati tedeschi che giocano contro l’odio Il 15 Maggio 1910 ad Amburgo nasceva un club che si è reso famoso negli...

Calcio

Don Mario De Ciantis: un prete al calciomercato Una preghiera e una trattativa. Don Mario De Ciantis: dall’altare alle stanze del calciomercato. Signore e...

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro