Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Professionismo contro Dilettantismo: se in Italia esiste lo Sport di Serie A e Serie B

La definizione di Sport della Commissione Europea definisce che “qualsiasi forma di attività fisica che, mediante una partecipazione organizzata o meno, abbia come obiettivo il miglioramento delle condizioni fisiche e psichiche, lo sviluppo delle relazioni sociali o il conseguimento di risultati nel corso di competizioni a tutti i livelli”…è Sport.

E allora perché qualche giorno fa il Presidente dello CSEN, il più grande Ente di Promozione Sportiva italiano, ha dichiarato che si cerca di “istituzionalizzare”, di rendere stabile, il convincimento che esista una “superiorità” oserei dire “genetica”, concettuale, culturale delle Federazioni e delle Discipline Associate nei confronti degli Enti di Promozione Sportiva, quasi quest’ultimi rappresentassero il movimento sportivo di serie B “ quando alla luce della definizione di Sport della Commissione Europea citata precedentemente e in pratica la base associativa di chi fa Sport è largamente e solidamente appannaggio degli Enti di Promozione.

Il Coni, organo supremo dello Sport in Italia, centro di tutte le dinamiche del mondo dello sport italiano, decide quali sono gli sport “ufficiali” e questa scelta ha come conseguenza pratica quella di poter fruire delle agevolazioni fiscali tipiche dell’associazionismo sportivo e quindi va a impattare su migliaia di operatori e milioni di fruitori delle discipline sportive. E’ di pochi giorni fa la notizia che lo Yoga è stato inserito, seppur tardivamente, nell’elenco.

“Il CONI insiste ad elaborare e a mettere in pratica norme in tema di promozione  sportiva, in regime, passatemi il termine, di assoluta autoreferenzialità, inaudita altera parte; si ha, insomma, la netta sensazione che gli Uffici preposti perseguano una politica “federo-centrica” creando una simbiosi Uffici/Commissioni (e qui il mio pensiero, è palese a tutti!, necessariamente, corre a quella fiscale) che ha scontentato tutti finendo per mettere in crisi l’intero sistema sportivo nazionale” dichiara ancora il Presidente Proietti.

Siamo sicuri che la difesa dello sport italiano debba passare da un elenco di sport riconosciuti? Non è un’attività sportiva in sé che ha il bollino di onestà, utilità, qualità ma come viene svolta e gestita l’attività, come non è possibile catalogare un lavoratore sportivo come dilettante o al contrario professionista a seconda dell’attività sportiva che svolge.

Purtroppo non è così. Per poter fruire delle norme agevolative l’associazione sportiva deve essere riconosciuta dal Coni e quindi far parte degli sport “ufficiali”. Tutto questo è folle. Servirebbero dei criteri il più oggettivi possibili ma cercando di non “togliere” ad alcune attività sportive per fare in modo che a beneficiarne siano solo alcune sulla base di una presunta superiorità ontologica che favorisce in modo sfacciato lo sport competitivo in confronto a quello che competitivo non è.

 

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Sandro Campagna: a tu per tu con la Leggenda della pallanuoto azzurra Nell’universo dello sport italiano le ondate cicliche si susseguono senza...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Il governo mette in crisi l’autonomia dello Sport Italiano e il CIO richiama ufficialmente il Coni E’ un momento particolare per la...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] L’altro sogno delle ragazze mondiali Bravissime ed emozionanti, la nazionale di calcio femminile di ritorno ai Mondiali dopo 20 anni, raggiunge i...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] [VIDEO] Roma Anno Zero, Antonio Padellaro: “Ora Ricominciamo” Le considerazioni del Direttore Antonio Padellaro sulle parole di Francesco Totti nella conferenza fiume...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Il sacrificio umano della Roma dal Fatto Quotidiano del 18 Giugno 2019 Il lutto si addice ad Elettra ma anche alla Roma...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Caos e delirio in Serie B: il quadro della situazione e i probabili prossimi capitoli 20 punti di penalizzazioni al Palermo che...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Serie C, cronache di un’altra stagione deludente tra disorganizzazione e fallimenti L’appena conclusa regular season della Serie C, che ha visto la...

Calcio

Calcio e Diritti Tv: la Serie A punterà sui giovani per amore dei soldi Come abbiamo avuto modo di scrivere, la riforma del Coni,...

Calcio

Ci siamo. Domani sarà il B-day il giorno in cui il Collegio di Garanzia del CONI, ultimo grado di giudizio, una Cassazione sportiva, si...

Inchieste & Focus

Dopo Burian, arriva Malagò. Il grande gelo che ha paralizzato la Lega Calcio si è sciolto, complice l’operato del presidente del Coni. In quaranta...

Altri Sport

Non voglio essere blasfemo però dopo il Convegno sullo Sport organizzato pochi giorni fa ad Assisi dal Centro Sportivo Italiano, uno dei più importanti...

Calcio

Come diceva l’aforisma? La speranza è l’ultima a morire. E anche se calcisticamente siamo annegati nell’oblio di quelle Nazionali che per almeno un anno finiranno...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro