Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Presidenziali Francia: Macron – Le Pen, opposti anche nella visione dello Sport

La politica come lo sport è una disciplina che nasconde tanti rischi ed insidie. Ne è un esempio la corsa per l’Eliseo che in questa tornata elettorale è stata particolarmente spietata. Due ex presidenti e tre ex primi ministri, eliminati dalla concorrenza al primo turno non fanno che confermare tutto questo. Di certo lo Sport non è centrale nelle campagna elettorali, ma può darci delle indicazioni concrete su chi siano i due candidati che si sfideranno il prossimo 7 Maggio. Emmanuel Macron e Marine Le Pen, oltre che nella loro visione politica della società e dell’economia, hanno due approcci totalmente differenti verso lo Sport. Vediamo allora quali potrebbero essere le loro idee da applicare una volta diventati inquilini dell’Eliseo.

Valorizzare lo sport professionistico – Il quarto dei cinque punti del programma  per lo sport indicato da Emmanuel Macron, è quello di “promuovere lo sport professionistico”. Macron insiste sul fatto che lo sport professionistico debba fare il cosi detto salto di qualità: “Faremo in modo che entro la cinque anni, tutti gli atleti di punta francesi abbiano un ingaggio”. L’ex ministro dell’economia francese ha dichiarato anche di voler supportare pienamente la candidatura di Parigi per ospitare i Giochi 2024 che vede come una spinta enorme per la Francia oltre che una possibilità concreta di pianificare e costruire nuovi impianti sportivi. In passato Macron ha anche dichiarato di essere un appassionato di calcio e tifosissimo dell’Olimpique Marsiglia “Delle volte sogno ancora il viso di Basilio Boli e i dribbling di Chris Waddle”. Dunque Macron ha un approccio verso lo sport più competitivo con una prospettiva di crescita dello sport professionistico francese, quasi ad ogni costo, pronto a scendere a patti con le strutture dello sport moderno fatto di sponsorizzazioni ed eventi milionari.

Francesizzare lo sport – Di tutt’altro registro e visione sono le idee dell’altra candidata all’Eliseo, Marine Le Pen. In due dei suoi “144 impegni presidenziali” per quello che riguarda lo sport, si legge di “voler sostenere i piccoli club per consentire la presenza di un massimo di giocatori francesi” e di voler “lottare contro il finanziamento a tutti i costi dello sport professionistico “. Un disegno totalmente opposto rispetto a quello suo rivale Macron che vede nella crescita economica il vero obiettivo dello sport professionistico e non solo. Marine Le Pen nel suo programma vuole anche “imporre il rigoroso rispetto della laicità e della neutralità in tutti i club sportivi”. Una volontà che entra anche nel quadro più grande della stretta all’immigrazione con la proposta inserita nel programma, di tassare tutti i contratti dei lavoratori stranieri, compresi quelli europei. Una proposta a cui non sfuggirebbero neanche i contratti degli atleti stranieri e che quindi indirettamente andrebbe ad aiutare quel processo di francesizzazione che Marine Le Pen vorrebbe iniziare una volta vinte le elezioni presidenziali. Totalmente differenti anche gli sport di cui Le Pen è appassionata: Grazie al marito Louis Aliot che ha giocato a Rugby per molti anni, lei è una grande appassionata della palla ovale, oltre che di tennis  e di vela. Gusti totalmente opposti rispetto a Macron calciofilo della prima ora.

Due avversari con due visioni dello sport totalmente agli opposti: se per Macron lo sport deve essere legato ad una crescita finanziaria, aprendosi a tutti i tipi di mercati  mondiali, per Marine Le Pen lo sport, invece, deve tornare al suo spirito iniziale cercando di cancellare il fattore economico dalla competizione agonistica. Inoltre è proprio dallo sport che si deve partire per poter recuperare e conservare la scuola francese cercando di scoraggiare l’ingaggio di atleti stranieri che toglierebbero spazio a quelli di casaDovremo aspettare solo fino al 7 Maggio per saper epoi quali delle due visioni dello sport sarà quella che prevarrà in Francia nei prossimi anni.

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Pugilato

Billy Collins e quel pugno “dopato” che ha distrutto la sua vita Il 21 settembre 1961 nasceva il pugile di origini irlandesi Billy Collins,...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, l’uomo al...

Calcio

Gutendorf – Pfannenstiel: il giro del mondo in 80 squadre Quando Jules Verne pensò di raccontare l’impresa del gentiluomo inglese che voleva circumnavigare l’intero...

Azzardo

Il grande inganno dei Bonus di Benvenuto: quando il “regalo” è utile solo ai Bookmaker Sono messi in grandissima mostra, scritti grandi e con...

Pugilato

Un bicchiere con Jean-Claude Bouttier Nel giugno del 2019 sono stato a Strasburgo, per la sessione estiva del Consiglio d’Europa, organismo presso cui rappresento...

Calcio

Lo Sport secondo Andrea Camilleri Il 17 luglio del 2019 ci lasciava il grande scrittore siciliano Andrea Camilleri. Nato il 6 settembre 1925 a...

Calcio

Rachid Mekhloufi e la squadra del Fronte di Liberazione Nazionale Algerino Siamo alla fine degli anni Cinquanta e Rachid Mekhloufi è un centrocampista che...

Calcio

Sport Criminale: quando gli atleti sono vittime di agguati Quando parliamo di giocatori vittime di agguati non possiamo non cominciare da quello che, purtroppo,...

Altri Sport

Lo Sport secondo Ernest Hemingway Il 2 luglio 1961 si suicidava, a poco più di 60 anni di età, lo scrittore americano Ernest Miller...

Calcio

Svezia 1958, il Mondo ai piedi di O’Rei Pelé Il 29 giugno 1958 al Rasundastadion di Stoccolma il Brasile si impone per 5 a...

Calcio

Borgonovo e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 27 giugno 2013 ci salutava Stefano Borgonovo. La causa della morte...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro