Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Premier League: Arresto e daspo a vita al tifoso razzista

[themoneytizer id=”27127-1″]

Premier League: Arresto e daspo a vita al tifoso razzista

Brutto gesto durante il derby di Manchester tra City e United. Un tifoso del City, inquadrato dalle telecamere, ha mimato il gesto del gorilla a Fred (Manchester United) intento a battere un calcio d’angolo.

Oltre all’insulto razziale, cospicuo lancio di oggetti tra cui bottigliette e accendini nella direzione del giocatore. L’arbitro ha interrotto il gioco al minuto numero 68 intimando l’intervento degli stewards.

Dopo la diffusione del video, diventato virale sui social,  il giornale the Guardian riporta che la polizia ha arrestato il tifoso 41enne per offese razziste aggravate dalla minaccia dell’ordine pubblico.

Anche il Manchester City, non ha tardato a rispondere diramando un comunicato: «Il City è a conoscenza di un video in circolazione sui social media che sembra mostrare un tifoso che fa gesti razzisti durante la partita contro lo United. I nostri funzionari stanno lavorando con la polizia al fine di aiutarla a identificare le persone coinvolte. Il City applica una politica di tolleranza zero in materia di discriminazione di qualsiasi tipo e chiunque venga ritenuto colpevole di abusi razziali sarà bandito dal club a vita».

Insomma la tecnologia moderna permette di identificare uno a uno gli autori dei misfatti ed evitare come in passato manovre anti-costituzionali e anti-garantiste come il Daspo di gruppo.

Nonostante sia lodevole la prontezza di risposta dei club sul tema, emettere un Daspo a vita è esagerato perchè le sanzioni devono essere rieducative e non punitive, con la ratio di aiutare nella comprensione dell’errore.

Escludere a vita quel tifoso dallo stadio lo porterà ad essere ancora più rancoroso e trasgressivo e domenica prossima farà lo stesso se non peggio al pub invece che allo stadio.

Ma la domanda è sostanzialmente una e ognuno ha la propria risposta: le società e  le televisioni vogliono davvero “rieducare” i tifosi o vogliono solo rimuoverli dai loro impianti e dalle inquadrature per essere sereni di vendere un prodotto politically correct?

[themoneytizer id=”27127-28″]

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Facebook

Da non perdere

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Il 2 Maggio 2016, in virtù del pareggio tra Chelsea e Tottenham, il...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 30 aprile 1989 ci lasciava uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone....

Calcio

Strage di Hillsborough, 32 anni dopo: le verità scomode di una tragedia evitabile Il 15 Aprile 1989 allo stadio Hillsborough di Sheffield, avvenne una...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Calcio

Top of the Kop Il 15 Marzo 1892 è la data di fondazione di uno dei club più famosi e prestigiosi d’Inghilterra, il Liverpool....

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Via del Campo: Nemmeno Roy Keane ha fermato gli Haaland Haaland, Haaland, Haaland. Negli ultimi giorni, il web si è riempito del...

Calcio

Wimbledon ’88, la gloria dei bastardi Ci sono storie di sport che stupiscono; altre commuovono. Di altre ancora si può dire che abbiano molto...

Calcio

Sadio Mané, i pantaloncini più belli che (non) avevo – Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Tutto comincia in una zona borghese di Brema nel 1923, nella quale il giovane Bernhard...

Calcio

6 febbraio 1958 – Monaco di Baviera, fiori rossi nella neve Ce la farò, padre? Io credo di sì. Mi avete dato due volte...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro