Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Web e Tecnologia

Da Playboy alla fibromialgia: Veronica Sofia porta sul web la sua battaglia

Da Playboy alla fibromialgia: Veronica Sofia porta sul web la sua battaglia

Oggi raccontiamo la storia di Veronica Sofia, modella e scrittrice che ha tra le sue pubblicazioni riviste come Playboy, Gq e Volo. È in uscita anche con un libro e scrive recensioni di libri e serie TV per Sky. Da qualche tempo Veronica Sofia sta portando avanti in rete una battaglia contro la fibromialgia, la cosiddetta ‘malattia invisibile’ ma invalidante, dalla quale è affetta da diversi anni.

Ad oggi la fibromialgia non è ancora riconosciuta dal Sistema Sanitario Nazionale, è considerata una sindrome reumatica non tipica, e non compare nelle linee guida dell’Inps in merito al riconoscimento dell’invalidità. Di seguito, la testimonianza di Veronica.

Ciao Veronica e benvenuta. Hai quasi 100.000 followers su Instagram e sei stata pubblicata da Playboy Italia. Come mai hai iniziato a parlare di fibromialgia?

Ciao a tutti. Sono una modella di nudo, ma prima di ogni cosa un essere umano. Parlo di fibromialgia sui social, in particolare sul mio profilo Instagram (https://www.instagram.com/veronicasofianuvola/), perché ne sono affetta. Ho iniziato a parlarne tardi rispetto alla diagnosi, avevo troppa paura di mostrarmi vulnerabile, debole, avevo paura che parlarne non mi avrebbe fatto più lavorare o mi avrebbe resa meno sexy agli occhi del pubblico. Insomma avevo mille paure, ma poi la malattia è diventata talmente invadente che ho deciso di rischiare e mi sono aperta e sono molto felice di averlo fatto.”

Un percorso complesso quindi. Hai detto che hai iniziato a parlarne tardi rispetto a quando ti è stata diagnosticata. Da quanto tempo sei malata?

Mi è stata diagnosticata nove anni fa, dopo un anno trascorso tra ortopedici che non ne capivano nulla una neurologa mi consigliò di andare da un reumatologo. Così feci. Ricordo che quando il medico me la diagnosticò io risposi ‘io ho cosa?’. Non sapevo quanto mi avrebbe cambiato la vita. Purtroppo fu lo stesso primo reumatologo a spiegarmi nel dettaglio di cosa si trattasse e di quanto fosse grave. Io e mia madre uscimmo da lì stravolte, ci andammo a sedere al bar dell’ospedale e scoppiammo a piangere assieme.”

Come ti sei accorta che qualcosa non andava? Quale fu il primo sintomo?

Lavoravo come barista in un pub del centro di Bologna. Spinavo le birre e mentre ne stavo appunto preparando una il polso destro fece un sinistro click, poi avvertii un dolore acutissimo e senza senso alcuno. Da quel preciso giorno il mio polso non ha mai smesso di peggiorare. Quel polso è poi diventato un’intera mano dolente, un altro polso, un’altra mano, la caviglia destra, la caviglia sinistra e così via fino ad interessare l’intero organismo.”

Che terapie fai per combattere i sintomi? Funzionano?

Potrei stare ore ad elencare tutte le terapie che ho fatto e che tuttora faccio. La verità è che nulla funziona. Il dolore a volte è talmente forte da farmi fare pensieri orribili. Ho addirittura l’istinto di tagliarmi in modo tale da provare a spostare il dolore. Ultimamente prendo farmaci molto pesanti con tutti gli effetti collaterali del caso.”

Il nostro è un giornale con un forte focus su sport e salute. L’attività fisica ti aiuta? Riesci a praticarla?

L’attività fisica può aiutare molto i fibromialgici, ma attività morbida come pilates, ginnastica dolce, yoga.”

Tu li pratichi quindi?

Ci provo, ma spesso mi è impossibile a causa del dolore, comunque mi ci impegno parecchio.”

Cosa vorresti ottenere con questa tua battaglia?

Che la fibromialgia venisse riconosciuta dal sistema sanitario, che venissero quindi passate a noi fibromialgici visite ed esami e che la ricerca progredisca nella speranza di una cura che migliori sensibilmente le nostre vite.”

Avatar
A cura di

Facebook

Da non perdere

Calcio

Intervista a Giorgio Martino, autore del libro “Rossi, Rossi, Rossi” Due chiacchiere con Giorgio Martino, per farci raccontare come è germogliato il progetto di...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

Gli Europei e le scorie della Guerra Fredda Nel 1991 ho accompagnato la nazionale di calcio under 21 dell’allora Unione Sovietica in una delle...

Altri Sport

A tu per tu con Inés Trocchia, tra Sport e Moda A Tu per Tu con Inés Trocchia, modella di successo. Ines ha avuto...

Motori

Fratelli di Montreal: quando il Gp del Canada parlava italiano Se non ci fosse stato il Covid-19, oggi in Formula Uno si sarebbe disputato...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Altri Sport

State of Origin, la “guerra” che ferma l’Australia Inizia domani in Australia  quello che può essere definito l’evento sportivo dell’anno. Una “guerra” che ferma...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Compie oggi 65 anni il fenomeno del Tennis Bjorn Borg. Un uomo di ghiaccio che nascondeva una...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro