Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Play off Scudetto per la Serie A: la soluzione per uscire dalla noia del calcio italiano

[themoneytizer id=”27127-1″]

Play off Scudetto per la Serie A: la soluzione per uscire dalla noia del calcio italiano

E’ una domanda che l’uomo si pone da quando “Dio inventò il gioco del calcio”. Il campionato lo vince la squadra più forte o quella più continua, capace di far fronte a momenti positivi e negativi e agli infortuni? Un quesito che divide da sempre ma che ha trovato la sua isola pregna di equilibrio nell’affermazione che “La squadra più continua è la squadra più forte”.

Certo è che il calcio europeo sta stagione dopo stagione strizzando sempre di più l’occhio alle super leghe professionistiche d’oltreoceano come NBA e NFL, almeno dal punto di vista del modello economico. Però queste leghe, forse, hanno questa forza economica anche perchè sono eque e incerte fino all’ultimo istante. E soprattutto hanno tutti un sistema, anche quella calcistica della MLS, che si basa sui play-offs.

Pensate che bello se invece di “ultima giornata” si parlasse di “finale”. Strano vero? Però ormai ci abituiamo a tutto e, almeno nel caso del campionato italiano, non ci sarebbe lo scudetto assegnato già ad agosto quando la Juve continua a prendere super campioni e gli altri stanno a guardare di fronte a uno strapotere organizzativo ed economico dei bianconeri. Insomma si dovrebbe sperare nella classica “la palla è rotonda” per uccidere la noia e vedere trionfare qualcun altro. Un sistema che in Serie B per esempio sta facendo molto bene sia a livello di presenze allo stadio, sia a livello di hype televisivo e dell’evento. 

Qualche giorno fa proprio il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha lanciato la sua provocazione: “Play-offs per le prime dieci della classifica, magari con gara secca in casa di chi si è piazzato meglio, e play-out per la parte sinistra della classifica, le rimanenti dieci squadre”. Lo stesso Gravina ha asserito di parlare di “fantascienza” ma intanto ha gettato il sasso per quello che sarebbe davvero una super rivoluzione del nostro campionato.

D’altronde ci si lamenta sempre che gli stadi sono mezzi vuoti, in questo modo le ultime inutili partite tra squadre senza obiettivi non ci sarebbero più perchè ogni posizione conterebbe eccome ai fini del piazzamento finale e  ci sarebbe tanto hype televisivo, con i tifosi che andrebbero in trasferta in massa perchè comunque 10 squadre, quindi ad oggi anche il Sassuolo, si potrebbero giocare lo scudetto che disterebbe solo 3/4 partite. 

Dentro o fuori o come dicono gli americani “Win or Go Home”. La palla è rotonda è deve fare solo una cosa: rotolare. Hai visto mai che riesca a vincere la noia rivitalizzando il nostro calcio…

E voi che dite, meglio l’ultima giornata di Serie A o la finale della Serie A?

[themoneytizer id=”27127-28″]

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Quando il “Falco” Marcelo Otero rifilò quattro goal alla Fiorentina Per celebrare i 50 anni compiuti oggi da Marcelo Otero vi proponiamo il racconto...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

Lo scorso 6 aprile è stato il trentesimo anniversario dal primo ritorno di Roberto Baggio a Firenze da avversario. Il ‘Divin Codino’ alla Juventus...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro