Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Play off Scudetto per la Serie A: la soluzione per uscire dalla noia del calcio italiano

[themoneytizer id=”27127-1″]

Play off Scudetto per la Serie A: la soluzione per uscire dalla noia del calcio italiano

E’ una domanda che l’uomo si pone da quando “Dio inventò il gioco del calcio”. Il campionato lo vince la squadra più forte o quella più continua, capace di far fronte a momenti positivi e negativi e agli infortuni? Un quesito che divide da sempre ma che ha trovato la sua isola pregna di equilibrio nell’affermazione che “La squadra più continua è la squadra più forte”.

Certo è che il calcio europeo sta stagione dopo stagione strizzando sempre di più l’occhio alle super leghe professionistiche d’oltreoceano come NBA e NFL, almeno dal punto di vista del modello economico. Però queste leghe, forse, hanno questa forza economica anche perchè sono eque e incerte fino all’ultimo istante. E soprattutto hanno tutti un sistema, anche quella calcistica della MLS, che si basa sui play-offs.

Pensate che bello se invece di “ultima giornata” si parlasse di “finale”. Strano vero? Però ormai ci abituiamo a tutto e, almeno nel caso del campionato italiano, non ci sarebbe lo scudetto assegnato già ad agosto quando la Juve continua a prendere super campioni e gli altri stanno a guardare di fronte a uno strapotere organizzativo ed economico dei bianconeri. Insomma si dovrebbe sperare nella classica “la palla è rotonda” per uccidere la noia e vedere trionfare qualcun altro. Un sistema che in Serie B per esempio sta facendo molto bene sia a livello di presenze allo stadio, sia a livello di hype televisivo e dell’evento. 

Qualche giorno fa proprio il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha lanciato la sua provocazione: “Play-offs per le prime dieci della classifica, magari con gara secca in casa di chi si è piazzato meglio, e play-out per la parte sinistra della classifica, le rimanenti dieci squadre”. Lo stesso Gravina ha asserito di parlare di “fantascienza” ma intanto ha gettato il sasso per quello che sarebbe davvero una super rivoluzione del nostro campionato.

D’altronde ci si lamenta sempre che gli stadi sono mezzi vuoti, in questo modo le ultime inutili partite tra squadre senza obiettivi non ci sarebbero più perchè ogni posizione conterebbe eccome ai fini del piazzamento finale e  ci sarebbe tanto hype televisivo, con i tifosi che andrebbero in trasferta in massa perchè comunque 10 squadre, quindi ad oggi anche il Sassuolo, si potrebbero giocare lo scudetto che disterebbe solo 3/4 partite. 

Dentro o fuori o come dicono gli americani “Win or Go Home”. La palla è rotonda è deve fare solo una cosa: rotolare. Hai visto mai che riesca a vincere la noia rivitalizzando il nostro calcio…

E voi che dite, meglio l’ultima giornata di Serie A o la finale della Serie A?

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Il futuro del calcio: i digital fans Il calcio in questo momento è in uno spartiacque internazionale tra un sempre più faticoso romanticismo e...

Calcio

Maxim Tsigalko: il più grande talento della storia che nessuno ha mai visto Mancano pochi giorni alla chiusura del mercato invernale e i club...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare In occasione della Giornata della Memoria che si celebra oggi, vi raccontiamo la storia di...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Lo Sport spesso è stato strumento di resistenza alle ingiustizie e atrocità. Anche...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Ieri, 23 gennaio, ricadeva l’anniversario della morte, datato 1939, avvenuta in circostanze misteriose di Matthias Sindelar, il fenomeno...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (ventitreesima giornata) Per l’Inter sono prove di fuga: mentre il Milan non riesce ad...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Ventiduesima giornata spezzettata come al solito (questa sera si disputeranno Bologna-Napoli, Milan-Spezia e Fiorentina-Genoa). La prima tranche verteva sul posticipo serale tra Atalanta e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro