Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Più forte della sfortuna: la luce fuori dal Tunnel di Santi Cazorla

C’era una volta Santi Cazorla. E ci sarà ancora.

8 operazioni chirurgiche, un trapianto di pelle prelevata direttamente dal braccio (dove aveva, peraltro, un vistoso tatuaggio, che ora campeggia solo in parte nei pressi del suo tendine d’Achille) ed il rischio, per fortuna ormai scongiurato, di perdere addirittura un arto inferiore.

No, non si tratta di un bollettino medico post-bellico ma di ciò che è accaduto al centrocampista dell’Arsenal Santi Cazorla.

L’ultima gara disputata dal talentuoso fantasista ex Villarreal risale addirittura ad ottobre 2016; un match di Champions League tra i londinesi e il Ludogorets finito con il tennistico punteggio di 6-0 per i Gunners.

Da qual momento in poi, l’inferno.

Già dal lontano 2013, Cazorla giocava praticamente con una caviglia sola: quella sinistra. La destra, infatti, era semplicemente a pezzi. Tutta colpa di un infortunio occorso quell’anno in un’amichevole tra la sua Spagna e il Cile.

Nonostante il dolore, il centrocampista non ha voluto fermarsi e ha proseguito l’attività agonistica anche nei mesi successivi. “Non ero in grado nemmeno di piangere. Continuando a giocare, le ferite si aprivano praticamente sempre. Agendo così, non si cicatrizzavano e, anzi, si infettavano pure. Era un incubo. Tuttavia, lì ho capito chi contasse veramente nella mia vita. Ho ricevuto tanti messaggi: Iniesta, David Silva e Villa, ad esempio, mi scrivevano ogni giorno”.

Nel 2015, poi, l’operazione per la rottura del legamento esterno del ginocchio destro; quello che sarebbe poi divenuto soltanto il primo di 8 interventi nel giro di due anni. 

Lo scorso maggio, l’operazione più grave e rischiosa.

Cazorla finisce ancora sotto i ferri, con un’infezione che ha comportato il rischio di amputazione del piede: “L’infezione mi aveva praticamente mangiato 8 centimetri del tendine d’Achille”.


 

Ora, però, il peggio sembra passato.

Il ragazzo sta provando il recupero completo a Salamanca e, con l’avvento del nuovo anno, potrebbe tornare ad allenarsi normalmente con i compagni di club.

“In Inghilterra, dopo un’operazione, il medico mi disse che se fossi riuscito a tornare a camminare in giardino con mio figlio avrei già potuto ritenermi soddisfatto”.

La vita, per fortuna, adesso sembra poter riuscire a restituire a Santi Cazorla ben più di quanto prospettato.

Buena suerte, Santi.

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Altri Sport

Lou Gehrig, lo Sportivo che ci ha fatto conoscere la SLA Per la Giornata Mondiale per la lotta alla Sla che si celebra oggi,...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il 19 Giugno 1986 una overdose di cocaina interrompe il...

Basket

Dirk Nowitzki: quando il Basket incontrò la matematica Compie oggi 43 anni Dirk Nowitzki, il fenomeno tedesco che in NBA ha fatto la storia...

Motori

Kevin Schwantz, il “kamikaze” che ha reso pazzo il motociclismo Compie oggi 57 anni Kevin Schwantz, pilota iconico del Motociclismo a cavallo tra gli...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

Gli Europei e le scorie della Guerra Fredda Nel 1991 ho accompagnato la nazionale di calcio under 21 dell’allora Unione Sovietica in una delle...

Motori

Fratelli di Montreal: quando il Gp del Canada parlava italiano Se non ci fosse stato il Covid-19, oggi in Formula Uno si sarebbe disputato...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro