Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Più forte della sfortuna: la luce fuori dal Tunnel di Santi Cazorla

C’era una volta Santi Cazorla. E ci sarà ancora.

8 operazioni chirurgiche, un trapianto di pelle prelevata direttamente dal braccio (dove aveva, peraltro, un vistoso tatuaggio, che ora campeggia solo in parte nei pressi del suo tendine d’Achille) ed il rischio, per fortuna ormai scongiurato, di perdere addirittura un arto inferiore.

No, non si tratta di un bollettino medico post-bellico ma di ciò che è accaduto al centrocampista dell’Arsenal Santi Cazorla.

L’ultima gara disputata dal talentuoso fantasista ex Villarreal risale addirittura ad ottobre 2016; un match di Champions League tra i londinesi e il Ludogorets finito con il tennistico punteggio di 6-0 per i Gunners.

Da qual momento in poi, l’inferno.

Già dal lontano 2013, Cazorla giocava praticamente con una caviglia sola: quella sinistra. La destra, infatti, era semplicemente a pezzi. Tutta colpa di un infortunio occorso quell’anno in un’amichevole tra la sua Spagna e il Cile.

Nonostante il dolore, il centrocampista non ha voluto fermarsi e ha proseguito l’attività agonistica anche nei mesi successivi. “Non ero in grado nemmeno di piangere. Continuando a giocare, le ferite si aprivano praticamente sempre. Agendo così, non si cicatrizzavano e, anzi, si infettavano pure. Era un incubo. Tuttavia, lì ho capito chi contasse veramente nella mia vita. Ho ricevuto tanti messaggi: Iniesta, David Silva e Villa, ad esempio, mi scrivevano ogni giorno”.

Nel 2015, poi, l’operazione per la rottura del legamento esterno del ginocchio destro; quello che sarebbe poi divenuto soltanto il primo di 8 interventi nel giro di due anni. 

Lo scorso maggio, l’operazione più grave e rischiosa.

Cazorla finisce ancora sotto i ferri, con un’infezione che ha comportato il rischio di amputazione del piede: “L’infezione mi aveva praticamente mangiato 8 centimetri del tendine d’Achille”.


 

Ora, però, il peggio sembra passato.

Il ragazzo sta provando il recupero completo a Salamanca e, con l’avvento del nuovo anno, potrebbe tornare ad allenarsi normalmente con i compagni di club.

“In Inghilterra, dopo un’operazione, il medico mi disse che se fossi riuscito a tornare a camminare in giardino con mio figlio avrei già potuto ritenermi soddisfatto”.

La vita, per fortuna, adesso sembra poter riuscire a restituire a Santi Cazorla ben più di quanto prospettato.

Buena suerte, Santi.

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

L’Atlético Madrid ha usurpato l’identità dell’Athletic Bilbao? Oggi nella Liga spagnola si incontreranno Atletico Madrid e Athletic Bilbao, una delle sfide più antiche del...

Calcio

Christian Pulisic, l’oro americano scoperto ‘per sbaglio’ Compie oggi 23 anni Christian Pulisic, giovane talento statunitense, per anni gemma preziosa del Borussia Dortmund, oggi...

Calcio

La nascita della Coppa dei Campioni E’ iniziata ieri la 30esima edizione della Champions League. Per l’occasione vi raccontiamo la storia del glorioso trofeo...

Inchieste & Focus

Il 13 Settembre 2007, la FIA condanna la McLaren al pagamento di una multa di 100 milioni di dollari e l’azzeramento dei punti nel...

Altri Sport

Perché corro alla Maratona di New York Il 13 settembre 1970 si correva la prima edizione della Maratona di New York, quest’anno di nuovo...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Motori

Monza e la Ferrari: un Matrimonio e sei figli “speciali” Si corre domenica il Gran Premio D’Italia a Monza. Un circuito la cui storia...

Calcio

Roberto Donadoni, gli Usa e una simulazione ‘da Oscar’ Compie oggi 58 anni Roberto Donadoni, splendido centrocampista d’attacco del Milan imbattibile, oggi allenatore. Per...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Calcio

Roberto Rosato, “Faccia d’angelo” rossonera Piemontese, nato il 18 agosto 1943. Campione d’Italia, d’Europa e del mondo con il Milan. Ma non è Gianni...

Pugilato

Manny Pacquiao, il Re delle Filippine Gli aneddoti che potrebbe raccontare sulla sua infanzia nelle Filippine sono più numerosi dei metri quadri delle ville...

Calcio

Paolo Montero: perché i cattivi, poi così cattivi non sono mai Dedicato ai cattivi, che poi così cattivi non sono mai. Così recita una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro