Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Una piccola storia ignobile

Una piccola storia ignobile

Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di commettere fallo ai suoi danni. Tentare, perché non sempre riescono a prenderlo. Per ogni volta che va giù, o che accenna una protesta nei confronti dell’arbitro, partono dagli spalti dello stadietto una serie di “buuu”. Inequivocabili. Sono i genitori degli avversari. Quelli che poi vanno a parlare con i professori dei figli senza ascoltare ciò che viene detto loro; che fanno la morale a questo o a quello durante i discorsi al bar; che non sono andati a votare perché tanto – Sò tutti uguali… -.

Siamo nella zona dei Castelli Romani, più o meno dalle parti di Marino, più o meno qualche sabato fa. Una partita tra under 17, una di quelle con i papà che cercano di sovrastare i consigli degli allenatori dall’alto delle loro competenze tattiche; con le mamme che non sembrano stare guardando uno sport di squadra, ma l’esibizione in singolo del loro cucciolo, che sarebbe il migliore se gli passassero la palla.

– La squadra ideale è una squadra di orfanellidiceva Aldo Agroppi.

Il ragazzo senegalese ha un modo di giocare esuberante, anche plateale. A qualcuno potrebbe far pensare a Balotelli; a qualcun altro, anche tra quelli che non fanno buu quando prende palla, forse viene da pensare che così facendo provoca ed è per quello che viene preso di mira. E chi lo pensa non si rende conto di ragionare come quelli che trovano in un abbigliamento succinto l’attenuante per una molestia sessuale. O forse, semplicemente, pensano entrambe le cose.

Non c’è traccia dei riflettori sul viso indignato di Koulibaly, non c’è nemmeno lui e soprattutto non ci sarebbero quelli che appoggiano le sue rivendicazioni sacrosante. Non ci sono, anzi; perché i genitori degli avversari, qualche papà in particolare, continuano a vomitare tutte quelle u, mentre i genitori dei compagni di squadra del ragazzo nero tacciono, come se non avessero orecchie o come se, in fondo, la cosa non li riguardasse e comunque è meglio far finta di niente. Impassibile, l’arbitro pensa solo a fischiare ciò che deve, ignorando ciò che sente. Solo qualche compagno del senegalese invita quest’ultimo a non farci caso, a giocare e basta. Se un giorno diventerà importante come Koulibaly, allora potrà far vedere la sua rabbia, la sua indignazione. Ma ora no, meglio lasciar perdere, mentre più di un cinquantenne continua a ululare contro un adolescente nero colpevole di essere più bravo del figlio.

A cura di

Romano, 47 anni, voce di Radio Radio; editorialista; opinionista televisivo; scrittore, è autore di libri sulle leggende dello sport: tra gli altri, “Villeneuve - Il cuore e l’asfalto”, “Senna - Prost: il duello”, “Muhammad Ali - Il pugno di Dio”. Al mattino, insegna lettere.

Da non perdere

Calcio

Il giorno in cui Roma e Lazio giocarono con la stessa maglia in onore di Paparelli Il 28 Ottobre 1979 durante il derby della...

Calcio

Un Ufo alla partita di calcio: quando lo Stadio Franchi sembrò Roswell Il 27 ottobre 1954 le cronache del tempo raccontano che, durante una...

Calcio

Vasilis Chadzipanagis: il Maradona Greco che ha dovuto combattere con il destino Compie oggi 67 anni Vasilis Chadzipanagis è un nome che potrebbe non...

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Si gioca oggi alle ore 18 all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita...

Pugilato

Thomas Hearns, un macigno sui trampoli Compie oggi 63 anni Thomas Hearns, uno dei pugili più forti della storia, protagonista insieme a Marvin Hagler...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Jean-Marie Pfaff, un sorriso tra i guanti Sai che c’è? C’è che se da ragazzino passi il tempo in una roulotte, nel centro di...

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Altri Sport

10Cosa significa essere Gianni Mura Avrebbe compiuto ieri 76 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che ci ha lasciato lo scorso...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro