Connect with us

Cerca articoli

Motori

Perez in Red Bull: una scelta che fa soprattutto gli interessi della Formula 1

Perez in Red Bull: una scelta che fa soprattutto gli interessi della Formula 1

Pecunia non olet, dicevano gli antichi. Il denaro non ha odore. O forse a volte ne ha troppo per poter essere ignorato. Come nel caso dell’approdo di Sergio Perez in Red Bull nel 2021 al posto di Alexander Albon, fuoco d’artificio nel cielo di uno dei mondiali più spenti di sempre.

Un riconoscimento al bel finale di campionato del pilota messicano, che col secondo posto nel Gran Premio di Turchia e il primo successo della carriera in quello di Sakhir si è preso la quarta posizione della classifica generale. Da futuro disoccupato. Perché la Racing Point prossima Aston Martin, ingaggiato Sebastian Vettel per la prossima stagione, gli aveva preferito il compagno di squadra, nonché figlio del proprietario, Lance Stroll. Nonostante tra i due in questo biennio non ci sia mai stata storia con Perez sempre davanti. Sia in qualifica (27 a 8) che al traguardo (177 punti a 96).

Possono dunque esser state sufficienti due gare nelle ultime quattro – fino a Istanbul il miglior risultato di Perez erano due quarti posti – per folgorare l’ammiraglia “bibitara” al punto da farla recedere dalla sua decennale filosofia di piloti costruiti in casa? A fronte anche dell’onesto campionato di Albon, ora retrocesso a tester, autore di due terzi posti e sesto in classifica a soli venti punti da chi gli prenderà il posto? Il team principal Chris Horner è di quest’avviso: “Credo che la scelta di Sergio evidenzi ancora di più la nostra determinazione nel mettere in campo una squadra competitiva contro la Mercedes per la prossima stagione. Ovviamente vogliamo che le performance dei nostri piloti siano di livello, ma il nostro obiettivo non è la lotta tra loro, ma cercare di colmare il divario rispetto alla Mercedes” ha dichiarato a “Motorsport.com”. Però, alla luce dello strapotere delle Frecce d’Argento, pensare che il gap tra esse e la Red Bull dipenda dal secondo pilota ha le sembianze di un bel fuoripista. Oppure legittima il dubbio che la bevanda che mette le ali alteri la percezione della realtà. Anche perché l’avvicendamento ha sconfessato un altro dogma della scuderia anglo-austriaca: gli ingaggi low-cost. Quest’anno Perez ha guadagnato 4 milioni di euro, il doppio di Albon, destinati ad aumentare col suo sbarco in una squadra di vertice.

Già, i soldi. Intorno a quest’operazione ne orbitano molti altri. Come i 26 milioni di dollari assicurati dagli organizzatori del Gran Premio del Messico a “Liberty Media”, la società che gestisce la Formula 1, per la sua presenza nel calendario iridato. Un gettito sempre gradito, ma a forte rischio dopo la notizia che Perez sarebbe rimasto senza volante. Perché se dalle parti di “Mexico City” i motori sono molto popolari, l’autodromo è intitolato ai fratelli Rodriguez (piloti Ferrari negli anni Sessanta) e la gente è scesa in strada per celebrare la vittoria di “Checo”, è altrettanto innegabile che il ritorno d’immagine e i guadagni siano indubbiamente maggiori con un connazionale al via.

Tutti aspetti non indifferenti alla cabina di regia del Circus. Dal suo rientro in calendario (2015) il Gran Premio del Messico, grazie alla media sugli spalti di oltre 300.000 persone, è una delle tre corse con la maggior affluenza. Una ricchezza irrinunciabile per uno sport che, oltre a essere competizione e massima espressione della tecnologia automobilistica, è anche business. Lo ha confermato di recente pure il suo futuro numero uno, Stefano Domenicali, in un’intervista a “La Gazzetta dello Sport”. E in questo drammatico 2020, tra campionato iniziato in ritardo, annullamento di molti appuntamenti remunerativi (Asia e America), drastica riduzione degli introiti (l’organizzazione di un gran premio è scesa a 4-5 milioni), assenza di pubblico e rarefazione degli sponsor, sono andati in fumo troppi denari. Ora devono essere recuperati. Come? Intanto attraverso chi è sempre stato certezza d’incasso. Come il Gran Premio del Messico dove è probabile il tutto esaurito se l’idolo di casa guiderà una Red Bull che parte con chances di vittoria. Poi con l’aggiunta di nuovi e munifici partner. Tipo l’Arabia Saudita, maggior produttore mondiale di petrolio, che sul circuito di Jeddah ospiterà per la prima volta la Formula 1 in un calendario, Covid permettendo, allungato a 23 prove. Un record e un’enormità. Le squadre saranno perennemente in giro per il mondo con pochi giorni di riposo a disposizione oppure non li avranno quando i gran premi saranno consecutivi. Ma come dicevano gli antichi, pecunia non olet.

A cura di

Classe 1982, una laurea in "Giornalismo" all'università "La Sapienza" di Roma e un libro-inchiesta, "Atto di Dolore", sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, scritto grazie a più di una copertura, fra le quali quella di appassionato di sport: prima arbitro di calcio a undici, poi allenatore di calcio a cinque e podista amatoriale, infine giornalista. Identità che, insieme a quella di "curioso" di storie italiane avvolte dal mistero, quando è davanti allo specchio lo portano a chiedere al suo interlocutore: ma tu, chi sei?

Da non perdere

Motori

Nuvolari, quel giorno d’agosto Il 16 novembre 1892 nasceva Tazio Nuvolari, il leggendario pilota automobilistico che correva negli anni in cui salire su una...

Motori

“Non sarò mai Felipe”: Massa e quel Mondiale perso ben prima di Interlagos “Felipazo”. Ovvero il “Maracanazo” della Formula-1. Dal 2008 per i brasiliani...

Motori

Messico e Favole: la prima vittoria in F1 di Berger e della Benetton Si corre domenica il Gran Premio del Messico, un circuito che...

Motori

10 anni senza il Sic 23 ottobre 2011. Dieci anni fa si interrompe la corsa di Marco Simoncelli. Sepang, Malesia. Marco vuole vincere e...

Motori

François Cevert: una folata di vento Il 6 ottobre 1973 perdeva la vita a causa di un incidente durante il Gran Premio degli Stati...

Motori

“Incidente all’Orient Kermesse”: Singapore e il “CrashGate” del 2008 Si corre oggi il Gran Premio di Turchia, valevole per il 16esimo turno del Mondiale...

Motori

Dal coma al ritorno in pista: la vittoriosa battaglia di Mika Hakkinen Compie oggi 53 anni Mika Hakkinen, leggendario pilota finlandese di Formula Uno,...

Inchieste & Focus

Il 13 Settembre 2007, la FIA condanna la McLaren al pagamento di una multa di 100 milioni di dollari e l’azzeramento dei punti nel...

Motori

Monza 1988, l’incredibile doppietta rossa in ricordo di Enzo Ferrari Si corre oggi il Gp di Monza, un circuito che nel 1988 fece da...

Motori

Monza e la Ferrari: un Matrimonio e sei figli “speciali” Si corre domenica il Gran Premio D’Italia a Monza. Un circuito la cui storia...

Motori

Jochen Rindt: Campione oltre il destino Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la...

Motori

La Formula-1 e la “maledizione” di Zandvoort Si scrive Zandvoort, si legge canto del cigno. Di ambizioni e di vittorie. Domenica prossima, dopo trentasei...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro