Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Per la Fifa il Razzismo è estinto? Chiusa la Task Force

Sembrano ormai lontani i tempi in cui il maggior organo calcistico mondiale, la Fifa, veniva travolta dallo scandalo della corruzione nei piani alti della dirigenza. Al posto dell’eterno presidente Blatter è arrivato Gianni Infantino che da segretario della Uefa ha sostituito il colonnello svizzero sulla poltrona più prestigiosa del football. Una svolta che faceva auspicare finalmente un cambiamento all’interno dell’organo di potere, abbandonando i retaggi di un passato che ha avuto più ombre che luci.

Arriva, invece, oggi, la notizia che riporta all’attenzione l’operato della Fifa: a margine di una cerimonia che si è tenuta a Manchester per la presentazione di un premio sulla diversità, la Federazione Mondiale ha annunciato di aver smantellato la task force anti razzismo messa in piedi proprio da Blatter tre anni fa. I membri della commissione sono stati avvertiti attraverso lettera di ringraziamento che li sollevava dall’incarico, e chi si è visto s’è visto. Le motivazioni date a questa scelta sono riconducibili semplicemente al fatto che per la Fifa il loro lavoro in merito al razzismo è finito.

“Perplessità e preoccupazione” queste le prime reazioni da parte dell’osservatorio inglese “Kick Out” che nelle sue mansioni ha proprio il monitoraggio di atteggiamenti legati al razzismo. In particolare, in vista dei Mondiali del 2018 in Russia, paese, secondo l’organo di controllo, “noto per razzismo e abusi sulle minoranze“. Il tempismo nell’eliminare la task force ha il sapore della beffa: stasera infatti la partita tra il Rostov e il PSV si disputerà in uno stadio mezzo vuoto a causa dei cori offensivi dei tifosi russi in occasione del preliminare con l’Ajax. Oltre a Kick Out, contro questa decisione ha tuonato anche il Principe Al bin Al Hussein , candidato alla Presidenza Fifa e uscito sconfitto proprio contro Infantino. Per lui il percorso contro il razzismo è ancora lungo e ha trovato questa scelta vergognosa.

Dalla Federazione arrivano le prime difese che sottolineano come la commissione sia stata eliminata ma il suo programma è stato inglobato all’interno del piano generale elaborato da Infantino. Sempre a conforto è intervenuta anche la segretaria generale, la senegalese Fatma Samoura che ha commentato così: “Sono la prova vivente che sul razzismo applichiamo tolleranza zero“.
Staremo a vedere se la Fifa riuscirà a tirarsi fuori dall’ennesima bufera che l’ha travolta.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Si è festeggiato ieri negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, per celebrare...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Ieri si ricordava la morte, datata 1982, di Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa...

Altri Sport

Andrej Kuznecov, ricordo di una stella cadente È una notte come tante sull’autostrada A14. E come tante altre volte, il silenzio è rotto dal...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 26 Dicembre 1908 Jack Johnson diventa il primo pugile afroamericano della storia...

Calcio

Ciao Madiba: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni Il 5 Dicembre 2013 ci lasciava Nelson Mandela, uno degli uomini più...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il 31 ottobre 2002 allo Stade Mahamasina di Antananarivo, Madagascar,...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Calcio

La Strage allo Stadio Lenin di Mosca e l’insabbiamento del regime Il 20 Ottobre 1982 allo Stadio Lenin di Mosca, durante una partita di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro