Connect with us

Cerca articoli

Invasione di Campo

Per Brindisi, per ripartire: scuole calcio a costo zero

La notizia, apparsa su brindisioggi.it e riportata da infoazionariatopopolare, è di circa un mese fa, e riporta un’iniziativa del tutto innovativa, soprattutto per una città che il calcio ormai non lo mastica da tempo. Il calcio a Brindisi non è lo sport primario. Geograficamente compressa tra Bari e Lecce, costantemente soppiantata dalla solida realtà del basket, la squadra biancazzurra non ha mai saputo imporsi nel panorama calcistico pugliese, e ha dovuto imbattersi più volte in presidenze sciagurate.

In venticinque anni, dal 1990 al 2015, si contano cinque fallimenti, l’ultimo quest’estate, con la chiusura del Città di Brindisi dopo l’inchiesta Dirty Soccer, e la fondazione della A.S.D. Brindisi, nata con l’acquisizione del piccolo team Real Paradiso. Oggi il Brindisi disputa il campionato di Prima Categoria, ma con uno spirito tutto nuovo, prendendo le distanze dallo sfortunato passato degli ultimi due decenni. Una nascita, e non una ri-nascita, come illustrato nel video di presentazione del nuovo Brindisi, a cura di telebrindisi.tv.

In compartecipazione con il Real Paradiso, è nata Per Brindisi, iniziativa di azionariato popolare, tramutatasi in Polisportiva, che si prefigge l’obiettivo di restaurare il moribondo calcio brindisino, ormai orfano anche della sua icona più rappresentativa. l’ex attaccante Cosimo Francioso, nativo di Brindisi, dove ha concluso la sua carriera da calciatore, prima di un breve periodo al Grottaglie, sedendosi poi in panchina nel 2012 senza raggiungere successi.

“Per Brindisi” ha preso la questione calcio sul serio, rompendo col passato e portando una ventata di novità, la più importante, la scelta di ripartire dal territorio, dai cittadini di Brindisi, in particolare dai più giovani. Prende corpo l’idea di aprire una scuola calcio a costo zero, «offrendo la possibilità di fare sport con una nuova scuola calcio gratuita, per aiutare le famiglie in difficoltà economiche». Ma l’obiettivo ancora più nobile ha connotati sociali e una mission che spetterebbe agli Assessorati di competenza: «togliere i bambini dalle strade, permettendogli di praticare calcio e di allenarsi gratis», dando valore al senso sociale della rifondazione della squadra, secondo un principio inclusivo di tutti i cittadini.

È solo l’inizio, ma le idee sembrano già chiare, soprattutto per l’organizzazione atletica, con l’utilizzo della struttura adiacente allo stadio Fanuzzi e l’aiuto di esperti preparatori. In quartieri critici come la pluridocumentata Scampia, ci sono giocatori che inseguendo un pallone sono sfuggiti alle difficoltà del loro quartiere, basti pensare alla storia di Armando Izzo, oggi titolare in Serie A con il Genoa.

“Per Brindisi” agisce con il duplice obiettivo di salvare dalle intemperie della strada giovani ragazzi che potrebbero avere un talento inespresso, e di ricostituire, o meglio, creare da zero l’orbita del calcio attorno alla quale Brindisi non ha mai gravitato. Per fortuna il tifo non è mai mancato, come dimostra questo video risalente al 2011, ma la mancanza di programmazione, di progettualità e di una semplice presidenza non ricca ma perlomeno stabile, ha sempre tarpato le ali ai brindisini che vogliono tifare la squadra di calcio della propria città. Un amore da ultimi romantici che personalmente mi commuove e mi affascina.  Spazio quindi al nuovo corso, che sembra voler concretamente lavorare Per Brindisi.

FOTO: www.brindisimagazine.it

social banner

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Antonio

    Gennaio 28, 2016 at 4:24 pm

    Tutto vero e molto bello peccato pero’ che appena scaleremo fino alla serie D poi ci vorra’ una vera società ricca e tutti si faranno da parte…chissà perche qst sfortuna capita solo a noi…mai un imprenditore grosso o una società ,anche da fuori,che faccia un progetto per tornare nei professionisti e restarci a lungo…eppure il bacino d’utenza c’è…non vediamo una terza serie (c1 /legapro) dal 90 per una squadra che vanta anche sei campionati di B negli anni 70…

  2. Avatar

    Nunzio

    Febbraio 24, 2016 at 11:07 am

    Mai stato a Brindisi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Calcio

A tu per tu con Eleonora Cristiani, tra social calcio e Cosenza Abbiamo intervistato Eleonora Cristiani, volto noto della Serie B. Eleonora, tifosissima del...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Para e basta. Para più che puoi. La parte del corpo coinvolta non conta: para ed esulta....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro