Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Peppe Mascara: “A Catania, anni fantastici. Importante riportare la squadra nella categoria che le compete”

E’ stato uno dei volti chiave del Catania degli anni di gloria. Lui è Giuseppe Mascara, noto anche come Mascarinho. Indimenticabile il suo gol durante il derby nello stadio del Palermo, con un tiro al volo da 50 metri. Per questa rete, in occasione del Golden Goal 2009, ha ricevuto il premio per il Miglior Goal dell’anno. Una prodezza che, solo due giornate dopo, ha riproposto contro l’Udinese con un pallonetto da 35 metri finito in rete alla sinistra del portiere. Una carriera variegata, fatta di successi e anche una presenza in Nazionale. E adesso la storia con il Catania continua. Infatti, dopo tanti anni da calciatore, Mascara ritorna nella società etnea e  ricomincia dalla panchina. Sarà infatti allenatore dei Giovanissimi Nazionali, ovvero gli Under 15. «La mia intenzione è quella di fare esperienza per poi prendere il patentino ed allenare i ragazzi più grandi». E sul suo ruolo di allenatore ha già le idee chiare: «I ragazzi devono imparare a camminare da soli e a fare esperienza».

Tu sei stato un po’ il simbolo del Catania. Molti hanno criticato e continuano ad attaccare la società per ciò che è successo nel 2014 e che è costato alla squadra non solo la retrocessione in Lega pro, ma anche diversi punti di penalizzazione. Tu che sei stato uno dei protagonisti del Catania in serie A, da ex giocatore e tifoso, come l’hai vissuta?

«Quando succedono queste cose c’è sempre l’amaro in bocca. Ho giocato nel Catania per tanti anni e l’aver contribuito a portarlo in alto è ciò che voglio ricordare. Sicuramente, quello che è successo alla squadra è qualcosa che non fa piacere. E comunque appartiene al passato ed è giusto, soprattutto per la squadra, scrivere la parola fine a questa storia. Adesso l’importante è riuscire a ricostruire tutto il buono che è stato fatto in passato riportando il calcio Catania nella categoria che gli compete».

Tanti anni da calciatore. E adesso?

«Adesso sto cercando di lavorare con i bambini facendo l’educatore. La mia intenzione è quella di fare esperienza per poi prendere il patentino ed allenare i ragazzi più grandi».

Quanto sei grato al Catania e che ricordo hai della squadra?

«L’ho sempre detto e sostenuto: ho vissuto degli anni magnifici sia con il Direttore che con il Presidente. Anni che mi hanno permesso di crescere come uomo, imparando poi ad affrontare i momenti difficili della mia carriera di calciatore. La cosa più bella, di sicuro, è stata affrontare tutto questo insieme e avere oggi la consapevolezza di aver portato il Catania ad altissimi livelli».

Cosa consiglieresti ad un giovane che vuole avvicinarsi al calcio?

«Innanzitutto consiglierei di lasciare i genitori. In questo momento la vera rovina del settore giovanile sono i genitori perché sono troppo apprensivi, stanno troppo dietro e questo non va bene. Ognuno di noi è stato ragazzino. E’ davvero un momento particolare per il settore giovanile. I ragazzi devono imparare a camminare da soli e a fare esperienza».

Come si fa a dire ad un ragazzo che non è portato per il calcio e quindi a non illuderlo?

«Oggi gira tutto intorno al dio denaro. Tante scuole calcio vanno avanti solo per questo. I bambini percepiscono tutto, bisogna essere leali e soprattutto onesti. Bisogna avere un rapporto diretto senza illusioni facendo credere chissà che cosa. Sono del parere che bisogna sempre dire la verità».

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Ferdinando “Fefè” De Giorgi, il timoniere dell’ItalVolley Campione d’Europa Rivivendo il film di questa lunga ed incredibile estate sportiva...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (nona giornata) Dai big match che hanno chiuso la domenica di campionato escono due...

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Si gioca oggi alle ore 18 all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita...

Calcio

Streaming illegale e IPTV: ecco come funziona il “Pezzotto” e quanto è facile abbonarsi Lo streaming illegale delle IPTV torna d’attualità con l’intervento della...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A a cura di Paolo Valenti (ottava giornata) Il Napoli tiene, la Juve rilancia. E’ la sintesi delle...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Calcio

Falcao, l’addio, la politica e il Papa Compie oggi 68 anni Paulo Roberto Falcao, l’ottavo Re di Roma, rimasto nella memoria dei tifosi giallorossi...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 10 Ottobre 1991 moriva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Nils Liedholm: c’era una volta il “Barone” Avrebbe compiuto ieri 99 anni Nils Liedholm, indimenticabile Barone svedese del calcio italiano. Personaggio unico e inimitabile...

Interviste

A Tu per Tu con Paolo Scalera, direttore di GPOne. Paolo, che oltre ad essere giornalista, è laureato in giurisprudenza, è stato anche atleta...

Calcio

Etoro in Serie A: scopriamo perché il broker punta sul calcio italiano Da ormai qualche anno a questa parte, eToro è uno dei nomi...

Calcio

Tommaso Maestrelli, l’allenatore che parlava agli uomini Il 7 ottobre 1922 nasceva a Pisa Tommaso Maestrelli, l’allenatore il cui valore andava ben oltre il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro