Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Peppe Mascara: “A Catania, anni fantastici. Importante riportare la squadra nella categoria che le compete”

E’ stato uno dei volti chiave del Catania degli anni di gloria. Lui è Giuseppe Mascara, noto anche come Mascarinho. Indimenticabile il suo gol durante il derby nello stadio del Palermo, con un tiro al volo da 50 metri. Per questa rete, in occasione del Golden Goal 2009, ha ricevuto il premio per il Miglior Goal dell’anno. Una prodezza che, solo due giornate dopo, ha riproposto contro l’Udinese con un pallonetto da 35 metri finito in rete alla sinistra del portiere. Una carriera variegata, fatta di successi e anche una presenza in Nazionale. E adesso la storia con il Catania continua. Infatti, dopo tanti anni da calciatore, Mascara ritorna nella società etnea e  ricomincia dalla panchina. Sarà infatti allenatore dei Giovanissimi Nazionali, ovvero gli Under 15. «La mia intenzione è quella di fare esperienza per poi prendere il patentino ed allenare i ragazzi più grandi». E sul suo ruolo di allenatore ha già le idee chiare: «I ragazzi devono imparare a camminare da soli e a fare esperienza».

Tu sei stato un po’ il simbolo del Catania. Molti hanno criticato e continuano ad attaccare la società per ciò che è successo nel 2014 e che è costato alla squadra non solo la retrocessione in Lega pro, ma anche diversi punti di penalizzazione. Tu che sei stato uno dei protagonisti del Catania in serie A, da ex giocatore e tifoso, come l’hai vissuta?

«Quando succedono queste cose c’è sempre l’amaro in bocca. Ho giocato nel Catania per tanti anni e l’aver contribuito a portarlo in alto è ciò che voglio ricordare. Sicuramente, quello che è successo alla squadra è qualcosa che non fa piacere. E comunque appartiene al passato ed è giusto, soprattutto per la squadra, scrivere la parola fine a questa storia. Adesso l’importante è riuscire a ricostruire tutto il buono che è stato fatto in passato riportando il calcio Catania nella categoria che gli compete».

Tanti anni da calciatore. E adesso?

«Adesso sto cercando di lavorare con i bambini facendo l’educatore. La mia intenzione è quella di fare esperienza per poi prendere il patentino ed allenare i ragazzi più grandi».

Quanto sei grato al Catania e che ricordo hai della squadra?

«L’ho sempre detto e sostenuto: ho vissuto degli anni magnifici sia con il Direttore che con il Presidente. Anni che mi hanno permesso di crescere come uomo, imparando poi ad affrontare i momenti difficili della mia carriera di calciatore. La cosa più bella, di sicuro, è stata affrontare tutto questo insieme e avere oggi la consapevolezza di aver portato il Catania ad altissimi livelli».

Cosa consiglieresti ad un giovane che vuole avvicinarsi al calcio?

«Innanzitutto consiglierei di lasciare i genitori. In questo momento la vera rovina del settore giovanile sono i genitori perché sono troppo apprensivi, stanno troppo dietro e questo non va bene. Ognuno di noi è stato ragazzino. E’ davvero un momento particolare per il settore giovanile. I ragazzi devono imparare a camminare da soli e a fare esperienza».

Come si fa a dire ad un ragazzo che non è portato per il calcio e quindi a non illuderlo?

«Oggi gira tutto intorno al dio denaro. Tante scuole calcio vanno avanti solo per questo. I bambini percepiscono tutto, bisogna essere leali e soprattutto onesti. Bisogna avere un rapporto diretto senza illusioni facendo credere chissà che cosa. Sono del parere che bisogna sempre dire la verità».

Angela Failla
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Rossella Fiamingo Abbiamo avuto il piacere di intervistare Rossella Fiamingo, campionessa di scherma nella specialità spada. Medaglia d’argento alle...

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Interviste

A tu per tu con Manuel Poggiali, il “Titano” del motociclismo Abbiamo avuto il piacere di intervistare Manuel Poggiali, campione del mondo di motociclismo....

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 18 Gennaio 2021 si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day,...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Altri Sport

A tu per tu con Luigi Mastrangelo, il “Muro” azzurro Abbiamo avuto il grande piacere di intervistare Luigi Mastrangelo, grandissimo ex pallavolista azzurro. Di...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Pugilato

Chi era Jackie McCoy, eroe silenzioso nel rumoroso mondo della boxe Il 15 gennaio del 1997 moriva di cancro Jackie McCoy, per quarantasei lunghi...

Altri Sport

Momenti difficili per tutto il comparto degli sport invernali che stanno vivendo sulle loro spalle i danni causati dalla seconda brusca ondata di Covid...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro