Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Paulo Sousa non lo sa

“Paulo non lo sa, chi governerà, sa soltanto che vuole un amore che gli scaldi l’anima ed il cuore, che gli dia la mano in riva al mare” Brunori Sas – Paolo

Beh, a giudicare dalla prima squadra che si è interessata al tecnico portoghese, nella Ruhr non troverebbe alcuna riva, né sabbia né sassi su cui sedersi per assaporare un bel tramonto con gabbiani e navi che partano per lunghi viaggi.

LA CHIAMAVANO LENINGRADO – Storia diversa quella di San Pietroburgo, che con i suoi colori sgargianti ed un lusso quasi impareggiabile potrebbe rappresentare la giusta via per ritrovare lo splendore.

Nel calcio però, è cosa risaputa, contano altri orizzonti ed è impossible negare che entrambe le squadre abbiano progetti molto ambiziosi ormai da anni: l’azzurro dello Zenit ed il cristallo dei talenti gialloneri firmati Borussia Dortmund possono risvegliare senza ombra di dubbio il talento di un allenatore che negli ultimi mesi ha perso quasi tutta la brillantezza con cui si era presentato al Franchi di Firenze.

ss

SOGNO BIANCONERO? – Se l’ipotesi di una permanenza in viola sembra ormai tramontata, ne sono una prova gli accordi verbali presi con Di Francesco ed i pranzi forse casuali con Luciano Spalletti, continua a parlarsi di una possible avventura bianconera: sicuri che si tratti di un’opzione tangibile? Plausibile? Premesso che difficilmente Massimiliano Allegri lascerà la panchina dello Juventus Stadium, una semifinalista di Champions potrebbe davvero puntare su un tecnico che sta faticando a portare la propria squadra in Europa League?

COME UNA MATRIOSKA – Se si ha avuto la fortuna ed il privilegio di stare, anche solo per un minuto, con Paulo Sousa, si è compresa fin da subito la voglia straripante di stupire, inventare e parlare che anima ogni giorno il portoghese. D’accordo, a volte non riuscire a frenare i sentimenti, parlare in maniera troppo diretta e talvolta poco comprensibile può farti passare dall’altra parte dello steccato, ma non bisogna dimenticarsi quanto di buono Sousa abbia fatto con la Fiorentina al suo primo anno in Serie A. Ricadendo uno sull’altro, i momenti migliori hanno fatto spazio a delusioni difficili da digerire. Si è partiti con un primo posto in 6 giornate ed oggi si rischia di terminare con un campionato anonimo; nel mezzo alcune vittorie esaltanti, quasi a separare proprio quei cattivi momenti e capaci di mantenere viva la speranza di Europa fino all’ultima giornata. Se non sarà con la Fiorentina probabilmente sarà con un’altra squadra, probabilmente molto ricca e senza dubbio molto ambiziosa. La speranza però è l’ultima a morire, e un amante delle massime come Paulo dovrebbe saperlo bene. Una speranza viola, ultima banderuola a cui aggrapparsi prima che cali il sipario.

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Lo scorso 6 aprile è stato il trentesimo anniversario dal primo ritorno di Roberto Baggio a Firenze da avversario. Il ‘Divin Codino’ alla Juventus...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 4 Aprile 1968 veniva assassinato a Memphis, Martin Luther King. Nello stesso periodo,...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

#Prequel, prima del Professionismo: Intervista ad Arrigo Sacchi  Per i 74 anni compiuti oggi da Arrigo Sacchi, vi riproponiamo l’intervista al “profeta” del calcio...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Calcio

Cesare Prandelli: il coraggio di fermarsi e il tempo che non torna più “No, il tempo non torna più. E ieri non eri tu,...

Calcio

Eraldo Pecci, la classe di “Piedone” Esordio in Serie A sul campo della Juventus, campione d’Italia sui bianconeri, due secondi posti a una lunghezza...

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più L’11 Marzo 1990 ci lasciava uno dei primi allenatori pugliesi saliti...

Calcio

113 anni di Inter, la squadra (quasi) mai stata in B Il 9 Marzo 1908 nasceva il Foot-Ball Club Internazionale, meglio conosciuto come Inter. La squadra...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro