Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Paul Scholes contro il Calcio Business e difende l’Italia

Paul Scholes, leggenda del calcio inglese e mondiale, si schiera contro il Calcio business. L’ex centrocampista del Manchester United, attraverso un libro pubblicato a puntate sul Guardian, Class of 92: Out of our League, fa una panoramica della situazione attuale del Football inglese e non solo, condannando il nuovo modo di intendere lo sport come un serbatoio per ingaggi faraonici, contratti di sponsorizzazione spietati e calcoli di bilancio cervellotici.

Un cambiamento culturale e sociale che ha portato le società ad essere più di servizio che di calcio, con i presidenti attenti solo ai profitti e sempre meno al risultato sportivo. Per questo, il Fergie boy dichiara di preferire i campi di periferia, le partite delle minors, dove si respira il calcio giocato, quello vero, e i tifosi sono ancora tifosi e non solo spettatori. Nello specifico non risparmia in primo luogo la Premier League, sfatando il mito del miglior campionato al mondo che, secondo la sua testimonianza, è almeno due anni che non lo esalta. Il problema secondo l’inglese è riconducibile alla noia e mancanza di spettacolo dovuti alla eccessiva prudenza degli allenatori che temono di perdere il posto, e alle intenzioni di business dei proprietari di club. Preferisce di gran lunga il calcio spagnolo o quello tedesco.

Ci regala, poi, un abbraccio metaforico, difendendo il campionato italiano, troppo spesso indicato come spazzatura, dicendo che Oltremanica spesso e volentieri la gente parla al riguardo senza avere cognizione di causa. Per questo prende ad esempio la Juventus e la vittoria facile contro il Manchester City dello scorso anno. Una squadra, quella di Torino, in grado di dominare ampiamente la Premier League.
Infine una battuta sul suo Manchester e il ritorno di Pogba in maglia Red Devils:”Io non credo che Pogba valga 101 milioni di euro. A quel prezzo va preso un giocatore in grado di segnare 50 gol in una stagione, come Ronaldo o Messi. E Pogba non lo è di certo”.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Omosessualità e Sport: nel calcio nessuno è “libero” di amare davvero Il 17 maggio si celebra la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Compie oggi 66 anni Claudio Garella, iconico portiere del Napoli Campione d’Italia, famoso per il suo modo...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Sarà poi vero che abbiamo tutti una vita? La domanda appare scontata, se non addirittura...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Avrebbe compiuto ieri 80 anni Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro tributo...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Il 2 Maggio 2016, in virtù del pareggio tra Chelsea e Tottenham, il...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Compie oggi 60 anni Oleksandr Zavarov, l’uomo scelto dalla Juve per rimpiazzare Platini,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro