Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Paul Scholes contro il Calcio Business e difende l’Italia

Paul Scholes, leggenda del calcio inglese e mondiale, si schiera contro il Calcio business. L’ex centrocampista del Manchester United, attraverso un libro pubblicato a puntate sul Guardian, Class of 92: Out of our League, fa una panoramica della situazione attuale del Football inglese e non solo, condannando il nuovo modo di intendere lo sport come un serbatoio per ingaggi faraonici, contratti di sponsorizzazione spietati e calcoli di bilancio cervellotici.

Un cambiamento culturale e sociale che ha portato le società ad essere più di servizio che di calcio, con i presidenti attenti solo ai profitti e sempre meno al risultato sportivo. Per questo, il Fergie boy dichiara di preferire i campi di periferia, le partite delle minors, dove si respira il calcio giocato, quello vero, e i tifosi sono ancora tifosi e non solo spettatori. Nello specifico non risparmia in primo luogo la Premier League, sfatando il mito del miglior campionato al mondo che, secondo la sua testimonianza, è almeno due anni che non lo esalta. Il problema secondo l’inglese è riconducibile alla noia e mancanza di spettacolo dovuti alla eccessiva prudenza degli allenatori che temono di perdere il posto, e alle intenzioni di business dei proprietari di club. Preferisce di gran lunga il calcio spagnolo o quello tedesco.

Ci regala, poi, un abbraccio metaforico, difendendo il campionato italiano, troppo spesso indicato come spazzatura, dicendo che Oltremanica spesso e volentieri la gente parla al riguardo senza avere cognizione di causa. Per questo prende ad esempio la Juventus e la vittoria facile contro il Manchester City dello scorso anno. Una squadra, quella di Torino, in grado di dominare ampiamente la Premier League.
Infine una battuta sul suo Manchester e il ritorno di Pogba in maglia Red Devils:”Io non credo che Pogba valga 101 milioni di euro. A quel prezzo va preso un giocatore in grado di segnare 50 gol in una stagione, come Ronaldo o Messi. E Pogba non lo è di certo”.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La promessa di Rafael Alkorta Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Compie oggi 53 anni Rafael Alkorta, l’ex calciatore basco che in carriera ha...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Avrebbe compiuto oggi 101 anni l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Milan, Napoli e Roma in testa a un campionato che parla toscano Due tonfi segnano la terza giornata di campionato: quello dell’Atalanta, che viene...

Calcio

Ha compiuto ieri 59 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni”...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Con l’Armistizio firmato da Badoglio l’8 settembre del 1943, iniziava...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 Settembre 1989 moriva Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Paolo Montero: perché i cattivi, poi così cattivi non sono mai Dedicato ai cattivi, che poi così cattivi non sono mai. Così recita una...

Calcio

“We will Ruud you”: il calcio ai tempi di Gullit Se Marco Van Basten è la fiaba da raccontare ai figli la sera mentre...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (seconda giornata) Diversi, come sempre, i temi della giornata. Ma quello che, inevitabilmente, svetta...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Il 28 agosto 1981 moriva a Vienna Bela Guttmann, leggendario allenatore ungherese, che dopo aver...

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Una squadra che da più di un anno deve porre rimedio all’addio al...

Calcio

Col posticipo serale Sampdoria-Milan di lunedì, la prima giornata della Serie A 2021-22 è andata in archivio. Il calcio “vero”, quello dei tre punti...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro