Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Patric, il sostituto che divenne certezza

Il pubblico laziale è una platea difficile. Tante, troppe volte il popolo biancoceleste non ha avuto pazienza con i propri calciatori, surclassandoli di critiche alla prima partita sbagliata. In altre occasioni è andata ancora peggio, con il malcapitato di turno dileggiato e criticato fin dal suo approdo a Formello senza magari essere mai sceso in campo. Questo è il caso di Patricio Gabarron, in arte Patric, terzino destro scuola Barcellona che è arrivato alla Lazio a parametro zero tra lo scetticismo generale. Il suo acquisto, un anno e mezzo fa, fu oggetto di critiche preventive e risate di scherno da parte del sempre esigente pubblico laziale, poco incline ad attendere con pazienza il responso del campo.

All’inizio della sua avventura con la maglia dell’aquila, il biondo spagnolo è stato per diversi mesi un oggetto misterioso, quando il suo mancato utilizzo aumentò la sfiducia nei suoi confronti da parte dei supporters biancocelesti. Le prime presenze del giovane spagnolo si registrarono solamente sul finire del campionato, quando scese in campo in diverse occasioni fornendo prestazioni sufficienti. Troppo poco però per far cambiare idea al malfidato pubblico di fede laziale, che ha continuato a ritenere inadatto il calciatore scuola Barca invocandone la cessione estiva. Patric non si è però arreso e ha iniziato l’attuale stagione sportiva col pigio giusto, dimostrando a tutti il suo reale valore.

Adattatosi al campionato italiano, Patricio Gabarron finora è sceso in campo con discreta continuità sostituendo Basta al meglio e riuscendo più di una volta a fornire prestazioni decisamente superiori al compagno di reparto serbo. Intelligenza tattica, buona tecnica, capacità di proporsi in avanti e attenzione in quella difensiva: sono queste le caratteristiche che il buon Patric ha dimostrato di possedere, conquistando poco a poco la fiducia di tutto l’ambiente. Per un calciatore proveniente dal calcio spagnolo non è mai facile imporsi in Italia, soprattutto se il ruolo ricoperto è quello del terzino e le maggiori lacune del ragazzo si palesano in fase difensiva. Ma l’impegno, lo spirito di abnegazione e la voglia di convincere gli scettici hanno permesso all’ex capitano del Barcellona B di lavorare duramente e di migliorare giorno dopo giorno, sino a trasformare i fischi in applausi e passare dal ruolo di semplice riserva a quello di certezza assoluta.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra Tra le storie dimenticate della Serie A, c’è sicuramente quella di Luigi...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Quando il “Falco” Marcelo Otero rifilò quattro goal alla Fiorentina Per celebrare i 50 anni compiuti oggi da Marcelo Otero vi proponiamo il racconto...

Calcio

Lo scorso 6 aprile è stato il trentesimo anniversario dal primo ritorno di Roberto Baggio a Firenze da avversario. Il ‘Divin Codino’ alla Juventus...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Calcio

Gaizka Mendieta, dai 90 miliardi ai dischi in finale di Champions League Ha compiuto ieri 47 anni Gaizka Mendieta, il centrocampista basco che dopo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro