Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

Paradosso italiano: Vietato giocare, legale scommettere

Due amici al bar. Che si siedono a un tavolo, mettono un euro sul tavolo e scommettono un caffè. Col gioco che meglio credono. Per l’elenco dei giochi proibiti (Regio Decreto), un’illuminante enciclopedia dell’attività ludica italiana, un caleidoscopio luminescente, stanno azzardando, dunque sono passibili di una denuncia a piede libero da parte delle autorità di polizia. Contraddizione di uno stato schizofrenico che invece metaforicamente elogia l’azzardopata di slot (magari malato di compulsività ossessiva, disturbo del comportamento) che a un metro di distanza dai due infila freneticamente monetine dentro la videolottery, dunque è un benefattore dello Stato, contribuendo, sia pure in minima parte, a iscrivere il proprio sicuro debito (la perdita) nel bilancio ordinario che al momento registra un deficit di 2215 miliardi.

I primi sono colpevoli di praticare un’attività sociale, ludica, giocosa, strategica, comunicazionale, ma rischiano l’ammenda amministrativa. Invece il terzo soggetto è perfettamente in regola, anzi asseconda la politica spinta dell’azzardo praticata indistintamente da tutti i Governi della Repubblica Italiana in una linea di continuità dal 2003 in avanti. Peccato, perché, sia che stiano giocando a rubamazzo, a zibidè, a scopa con carte bresciane o pugliesi, i primi due attingono alla più profonda delle tradizioni popolari in Italia. E se qualcuno vincerà un caffè sarà per propria abilità strategica e non solo per fortuna.

Mentre, nell’altro caso, è una macchina che meccanicamente e in modalità random, distribuisce l’impronosticabile vincita in una partita solitaria, che non mette in moto sinapsi e neuroni dell’interessato, saremo portati a dire del malcapitato. E allora vale la pena di ricordare che l’azzardo è proibito in Italia e che nella filiera, a cui appartengono in una complessa partita di giro Ministero dell’Economia-Monopoli-Dogane-Sogei, concessionari, gestori, la parola è ipocritamente impronunciabile. Nel loro lessico si dovrà dire “gioco di alea con posta in denaro”. Una parafrasi centrifuga per evitare di affermare che lo Stato, schizofrenicamente, predica e pubblicizza una pratica proibita devastando coscienze, matrimoni e patrimoni, attentando allo sviluppo dell’economia.

Perché nel 2015 sono stati movimentati su quello che invece noi scientemente e consapevolmente chiamiamo azzardo circa 90 miliardi di euro da cui lo Stato per propria incapacità tecnica ne ha ricavati solo 8, mettendo a disposizione la propria icona a mafiosi e criminali. Quando si legge infatti che una cordata mafiosa ricava dall’on line 11 milioni al giorno (fa quattro miliardi in un anno) si deve ammettere che l’assenza di una legge quadro ha permesso una giungla illegale in cui evasione fiscale, contraffazione e corruzione dominano indisturbate al di là di ogni perbenismo. Lo sfacelo è testimoniato da un milione e duecentomila minorenni che azzardano in spregio alla legge (rapporto Università Cattolica di Milano). Uno scandalo a cielo aperto a cui nessuno mette riparo.

Guarda l’intervista sulla Ludopatia

social banner

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Claudio

    Gennaio 19, 2016 at 5:33 am

    Governi sostenuti da pregiudicati producono questo disordine. Il peggiore è ora.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Azzardo

Sanzioni agli operatori di gioco online. Italia modello virtuoso nel 2020 Sanzioni per gli operatori di gioco in sensibile aumento: sono circa cinquanta i...

Azzardo

Bookmakers italiani e stranieri: l’importanza della regolamentazione Un tema un bel po’ complesso e per il quale si rende necessaria un po’ di chiarezza;...

Azzardo

Dal vecchio Totocalcio al web: storia della tanto amata schedina Una ‘vecchietta’ che ha abbondantemente passato i 75 anni di età e che negli...

Azzardo

Slot e giochi, cosa aspettarsi dal 2021 Il banco piange, è proprio il caso di dirlo; non siamo ad un tavolo di poker ma...

Azzardo

Come l’AAMS sta regolamentando il gioco in Italia Un comparto sempre borderline che si muove in perfetto equilibrio tra lecito ed illegale e che...

Azzardo

Scommesse sportive: come il confronto delle quote può aiutare gli appassionati Le quote sono alla base delle scommesse sportive e chiunque scommetta, esperto o...

Calcio

Se anche il Calcio fa i conti con il rischio default È sempre più concreto il rischio default per il calcio italiano: se fino...

Azzardo

Quanto manca al Natale? Le migliori slot in tema Quando arriva novembre, non si può che pensare che il Natale sta arrivando, tutto intorno...

Azzardo

Il concetto di gioco d’azzardo, che da sempre affascina la natura umana Un fenomeno che potrebbe ormai essere definito di massa, che cresce di...

Azzardo

Come l’AAMS (ora ADM) ha cambiato il mercato del gioco online in Italia Quando si parla di casinò pensiamo subito a Las Vegas o...

Varie

Partite sicure sulle quali scommettere? Facciamo chiarezza sui pericoli della rete Un mondo denso di rischi, che da sempre attrae per la sua stessa...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro