Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il paradiso e l’inferno in un colpo solo: la Nigeria ai Mondiali 1998

Il paradiso e l’inferno in un colpo solo: la Nigeria ai Mondiali 1998

La Nigeria a Francia ’98: quel sogno infranto dal poker danese. La truppa di Bora tramortita sul più bello. Il gitano Milutinovic, coach di ben cinque nazionali diverse in  altrettante rassegne iridate, stava combinando uno scherzetto mica male agli occhi del pianeta pallonaro.

Gli ingredienti c’erano tutti: Jay-Jay Okocha la ciliegina sulla torta. Lui, artista degno numero 10 cresciuto tra Francia e Inghilterra, ad orchestrare un manipolo di ottimi interpreti. Da Taribo West a Finidi e Babangida passando per Kanu, la punta interista simile ad una affascinante giraffa.

Pronti via e la Spagna scivola 3-2. Il match è pirotecnico. Adepoju risponde a Hierro. Raul, al volo di sinistro, raddoppia. Poco dopo Zubizarreta si addormenta sul centro di Lawal. La sassata di Oliseh sottoscrive il tris biancoverde.

Lagos sogna ad occhi aperti. Al cospetto della Bulgaria di Hristo Stoichkov, nobile decaduta distante dalla gloria del 1994, Ipkeba chiude con un tocco docile un fraseggio con i compagni di reparto. Gli africani staccano il pass per gli ottavi. Perdere l’ultima del girone contro il Paraguay non è mai stato così indolore.

La Nigeria viaggia con il vento in poppa. Il peccato di sottovalutare l’ostacolo chiamato Danimarca, però, è dietro l’angolo. Il team scandinavo merita rispetto. I fratelli Laudrup non scherzano. Senza dimenticare il portierone Schmeichel, il terzino a cavallo tra Udinese e Milan Helveg, oltre a Martin Jorgensen.

I biancorossi ne fanno quattro. Una batosta netta e improvvisa. La terza rete di Sand è apparecchiata dall’assist capolavoro dell’ex Lazio e Juventus Michael Laudrup. I danesi volano ai quarti. I ragazzi di Bora, invece, soccombono ed escono in religioso silenzio.

Rimane indigesta la cena per i compagni del divino Jay-Jay. Okocha, nella disfatta generale, è di fatto l’unico a salvarsi con dribbling degni di miglior fortuna.

Da non perdere

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Il calcio è una chiave per vincere il dolore di un bambino mai nato Ci sono molti modi per esorcizzare il dolore. C’è chi...

Calcio

Milan-Roma: la distanza non è solo nei chilometri Oggi alle ore 18.30 si sfideranno a San Siro due squadre che rappresentano due città così...

Calcio

Wimbledon ’88, la gloria dei bastardi Per i 57 anni compiuti oggi da Vinnie Jones, vi raccontiamo in FA Cup della squadra più scorretta di...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Il 4 Gennaio 1998 il calcio riconosceva la grandezza di Ronaldo il Fenomeno, consegnandogli il primo Pallone d’Oro...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Avrebbe compiuto ieri 93 anni uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone,...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Altri Sport

“Non ci credo ma…”: le cinque scaramanzie (e furbate) più strane nel mondo dello sport Qualunque atleta in qualunque sport farebbe qualsiasi cosa pur...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro