Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il paradiso e l’inferno in un colpo solo: la Nigeria ai Mondiali 1998

Il paradiso e l’inferno in un colpo solo: la Nigeria ai Mondiali 1998

La Nigeria a Francia ’98: quel sogno infranto dal poker danese. La truppa di Bora tramortita sul più bello. Il gitano Milutinovic, coach di ben cinque nazionali diverse in  altrettante rassegne iridate, stava combinando uno scherzetto mica male agli occhi del pianeta pallonaro.

Gli ingredienti c’erano tutti: Jay-Jay Okocha la ciliegina sulla torta. Lui, artista degno numero 10 cresciuto tra Francia e Inghilterra, ad orchestrare un manipolo di ottimi interpreti. Da Taribo West a Finidi e Babangida passando per Kanu, la punta interista simile ad una affascinante giraffa.

Pronti via e la Spagna scivola 3-2. Il match è pirotecnico. Adepoju risponde a Hierro. Raul, al volo di sinistro, raddoppia. Poco dopo Zubizarreta si addormenta sul centro di Lawal. La sassata di Oliseh sottoscrive il tris biancoverde.

Lagos sogna ad occhi aperti. Al cospetto della Bulgaria di Hristo Stoichkov, nobile decaduta distante dalla gloria del 1994, Ipkeba chiude con un tocco docile un fraseggio con i compagni di reparto. Gli africani staccano il pass per gli ottavi. Perdere l’ultima del girone contro il Paraguay non è mai stato così indolore.

La Nigeria viaggia con il vento in poppa. Il peccato di sottovalutare l’ostacolo chiamato Danimarca, però, è dietro l’angolo. Il team scandinavo merita rispetto. I fratelli Laudrup non scherzano. Senza dimenticare il portierone Schmeichel, il terzino a cavallo tra Udinese e Milan Helveg, oltre a Martin Jorgensen.

I biancorossi ne fanno quattro. Una batosta netta e improvvisa. La terza rete di Sand è apparecchiata dall’assist capolavoro dell’ex Lazio e Juventus Michael Laudrup. I danesi volano ai quarti. I ragazzi di Bora, invece, soccombono ed escono in religioso silenzio.

Rimane indigesta la cena per i compagni del divino Jay-Jay. Okocha, nella disfatta generale, è di fatto l’unico a salvarsi con dribbling degni di miglior fortuna.

Da non perdere

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Calcio

La rivincita di Igor Akinfeev Compie oggi 35 anni Igor Akinfeev, il portiere russo che agli ultimi Mondiali si è preso una rivincita attesa...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Altri Sport

A tu per tu con Giovanni “Johnny” Pellielo, la Leggenda del Tiro a Volo Fasi decisive per il mondo dello sport in generale che...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Uno slogan per entrare nell’immaginario collettivo. Nando Martellini da Roma è riuscito in questa piccola grande...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro