Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Papu Gomez: se essere social questa volta vale più di un Pallone D’Oro

Nel mondo calcistico moderno essere social vale più di un 7 in pagella a fine partita. E dal campo passare alla rete (quella di Internet si intende) è un attimo. Non è un caso che infatti i giocatori prestino sempre più attenzione alle loro attività sull’etere, facendole diventare in pratica un secondo lavoro. E non vengono risparmiate le critiche da quelli che, a torto o a ragione, vorrebbero l’uomo calciatore confinato nel rettangolo verde o al massimo in qualche gossippata dell’ultima ora. Tra coloro che stanno riscuotendo maggior successo nella comunità virtuale c’è senza ombra di dubbio Alejandro Gomez, il Papu, che tra un diretta con la moglie e qualche “litigata” con i compagni di squadra si è costruito letteralmente un personaggio che va di pari passo con le magie che ogni domenica regala in campo. Per distacco, quella che ha riscosso maggior viralità è la sua esultanza, una sorta di ballo di stampo sudamericano con il quale il Papu omaggia i suoi tifosi e i tanti follower dei sui vari profili social. Il tutto è cominciato con un video negli spogliatoi della Dea ma poi il movimento ondulatorio ha contagiato tutti. Un impatto talmente devastante da farla diventare una hit musicale grazie alla collaborazione di Dj Matrix e del trio comico degli Autogol.

E allora “Baila come el Papu” da fenomeno social si è trasformato in fenomeno musicale, e il video ha ottenuto 30 milioni di visualizzazioni su Youtube e un disco d’oro che nessuno si sarebbe mai aspettato potesse essere dato ad un calciatore. Negli Stati Uniti molti sono gli sportivi che si sono cimentati al microfono, come Shaq o Shumpert, e anche nel calcio non mancano esempi, ultimo tra tutti Osvaldo che ha addirittura lasciato il calcio (anche) per bere, fumare e fare musica (ipse dixit). Quindi niente di nuovo per il Papu. Se non fosse che i proventi derivanti dalla canzone andranno all’Associazione Insuperabili Onlus, che in collaborazione con la Reset Academy si prende cura di ragazzi con disabilità intellettive grazie alla creazione di scuole calcio sparse in tutto il territorio italiano e che ha tra i suoi testimonial personaggi d’eccezione del mondo del calcio come Marcello Lippi, Buffon, Giorgio Chiellini e tanti altri tra cui appunto il Papu, che ha messo anche all’asta una cena fuori insieme con il suo amico e compagno di squadra Petagna con l’intento di raccogliere fondi.


“Siete un esempio di vita per tutti e sarà un onore condividere il campo con voi” queste le parole dell’argentino quando un anno fa accettava la “sfida” di Gioele, giovane calciatore della Scuola Calcio degli Insuperabili. E così il Papu ha messo a disposizione il suo sorriso e la sua simpatia per ragazzi che, pur nelle difficoltà, hanno come unico desiderio quello di giocare e non sentirsi emarginati. E non è un caso che nel fulcro degli insegnamenti che vengono forniti dai professionisti che operano nella Onlus c’è quello di considerare questi giovani in tutto e per tutto uguali agli altri bambini che non hanno avuto la sfortuna di incappare in un destino beffardo. Senza pietismi ma sempre provando ad ottenere il massimo, come ci aveva raccontato il fondatore Davide Leonardi. E dai 4 iscritti nella prima Scuola Calcio fondata a Torino 5 anni fa, si è passati a 400 iscritti e 13 scuole sparse in tutta Italia.

E allora bailamo tutti come el Papu che, come lui stesso ha scherzosamente mostrato su Instagram, forse non vincerà mai il Pallone d’Oro ma un Disco d’Oro se lo è appeso al muro. Un metallo già nobile di suo, figuriamoci per una causa così importante. E se non dovesse arrivare quello di platino, nessun problema, il miglior premio, spesso, si cela dentro il sorriso di un bambino che rincorre un pallone.

 E TU CHE FAI, NON BALLI?

 

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 34 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Calcio

Rod Stewart ama il Calcio alla follia Rod Stewart compie oggi 76 anni. L’ eterno musicista britannico in carriera ha venduto più di 100...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 34 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato tre anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

La Leggenda Eusebio: quando la Pantera Nera sbranò la Corea del Nord Il 5 Gennaio 2014 moriva Eusebio, fenomenale giocatore portoghese Pallone d’Oro nel...

Motori

Tanti auguri Schumi, Keep Fighting Michael Schumacher: 52 anni oggi e ultimi 8 compleanni vissuti fra silenzio, angosce e speranze. Sono trascorsi sei anni...

Pugilato

Bruno Arcari, la concretezza del Campione riservato di una Boxe che non esiste più In un’epoca in cui la spettacolarizzazione dello sport è all’ordine...

Calcio

Ad un passo dalla morte fino alla Premier League: la storia di Shane Duffy Compie oggi 29 anni Shane Duffy, il calciatore irlandese la...

Sport & Diritti

Pubblicata online la brochure del progetto SAFE! La brochure deI progetto SAFE, realizzato da LAZIOCREA S.p.A. di concerto con la Regione Lazio – Direzione Cultura...

Calcio

La partita di Natale: quando il calcio sconfisse la Grande Guerra Il freddo di dicembre mi riporta in mente uno degli episodi che descrivono...

Altri Sport

Ultime Frontiere: Come fanno Sport al Polo Nord? “La forza dei popoli artici deriva dal Grande Freddo, si fa ghiaccio indistruttibile nelle difficoltà, acqua...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 17 Dicembre 1963 Lev Yashin, fenomenale portiere russo, vinceva il Pallone d’Oro davanti a Gianni Rivera e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro