Connect with us

Cerca articoli

Calcio

“Paperoni” o “Paperini”? Calciatori e pensioni, quell’assist dalla legge Fornero

C’è un nome nel governo che fu di Mario Monti, l’esecutivo che avrebbe “salvato” il Paese dalla bancarotta, che fatica ad essere dimenticato. E’ quello di Elsa Fornero, professoressa di macroeconomia allora ministra del Lavoro, passata alla storia per la riforma delle pensioni che prenderà il suo nome. Inserita nel cosiddetto decreto “Salva Italia”: quel pacchetto di norme grazie alle quali sarebbe stata garantita di fronte ai mercati internazionali la sostenibilità finanziaria del Paese.

Nello spirito di chi l’ha pensata la riforma delle pensioni, doveva essere una riforma di “equità”, “semplificazione” e “armonizzazione”, con “abbattimento di privilegi”per quasi tutte le categorie di lavoratori. Proprio come scritto nel comma 1 dell’articolo 24 del decreto emanato il 6 dicembre del 2011.  Ma allo stato dei fatti sarà soprattutto una riforma “di lacrime e sangue”. Che farà piangere, nel vero senso della parola, anche la stessa ministra Fornero il giorno in cui sarà chiamata ad annunciarla agli italiani. Tra le principali modifiche previste nel decreto, l’allungamento dell’età pensionabile e il cambio del sistema di calcolo che da retributivo o “misto” passerà a contributivo per tutti. Tradotto: per molti l’assegno pensionistico sarà molto più basso rispetto all’ultimo reddito da lavoro. La pensione,  per molti cittadini, diventerà così un ulteriore motivo di preoccupazione. Un incubo, per tutti coloro i quali, per ricevere l’assegno, saranno costretti a lavorare anche fino (se non oltre) i settanta anni. Eppure la vita sarà dura ma non per tutti. E parole come “equità” o “abbattimento dei privilegi” rischiano di essere tali ma solo nella teoria.

Perché nella pratica, la realtà sembra molto diversa. E l’impressione è che alla fine i privilegi per alcune categorie di lavoratori, anziché diminuire, aumentino. Tra questi, come ricorda anche Il Giornale, ci sono gli stessi calciatori i quali, insieme ai professionisti dello spettacolo, ai marittimi e al personale addetto ai pubblici servizi di trasporto, godono di uno specifico regime di armonizzazione. Per i quali la riforma Fornero, traccia un percorso “speciale” di accesso alla pensione che a conti fatti rischia di essere, almeno per quanto riguarda l’età pensionabile, molto più agevole rispetto alle altre categorie di lavoratori. Infatti, grazie alle norme previste nel decreto Monti-Fornero, i calciatori come gli attori, potranno andare in pensione molto tempo prima rispetto a tutti gli altri. E se è vero come è vero che la carriera di un calciatore è molto più corta rispetto a quella di un attore o di un altro lavoratore in generale, è pur vero che è anche minore l’onere in termini contributivi: per un’aliquota che non può salire oltre il 33%, la base di calcolo non può superare i 92 mila euro lordi di stipendio annui. Significa che un calciatore che guadagna cifre milionarie, per una società avrà sempre un costo previdenziale che supererà di poco i 30 mila euro annui. In questo caso il contrappasso è che un calciatore, da “paperone” quando era in attività arrivi a trasformarsi in “paperino” una volta divenuto pensionato. Ad esempio se un calciatore di serie A potrebbe aspirare ad avere un vitalizio di 3000 euro lordi, per un collega delle serie minori le cifre sono notevolmente inferiori (tra 1800 e i 2000 euro). Ma a differenza di altre categorie lavorative i calciatori potranno ricevere l’assegno pensionistico molti anni prima.

Nello specifico, secondo la riforma Fornero un calciatore potrà andare in pensione 5 anni prima rispetto alla precedente soglia di età pensionabile fissata in 60 anni. E dunque, potrà ricevere l’assegno pensionistico quando avrà compiuto 53 anni e 7 mesi di età, che diventano 50 e 7 mesi nel caso delle donne. Mentre per tutti gli altri lavoratori, l’età pensionabile prevista dal testo della Fornero, è salita a 66 anni e 7 mesi. Chissà che Elsa Fornero, prima di mettersi a piangere di fronte ai giornalisti, non abbia pensato anche a questo.

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare In occasione della Giornata della Memoria che si celebra oggi, vi raccontiamo la storia di...

Motori

Luca Badoer, “lo Stachanov del volante” Compie oggi 51 anni Luca Badoer, l’uomo nell’ombra della Ferrari che vinceva i Mondiali. Il nostro tributo allo...

Altri Sport

Chamonix 1924: le Olimpiadi dei Soldati Il 25 gennaio 1924 a Chamonix, in Francia iniziavano le Olimpiadi invernali, la prima edizione della storia dei...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (ventitreesima giornata) Per l’Inter sono prove di fuga: mentre il Milan non riesce ad...

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon Compie oggi 59 anni Hakeem Olajuwon, fenomenale cestista di origini nigeriane, due volte campione NBA con gli Houston...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Ventiduesima giornata spezzettata come al solito (questa sera si disputeranno Bologna-Napoli, Milan-Spezia e Fiorentina-Genoa). La prima tranche verteva sul posticipo serale tra Atalanta e...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (ventunesima giornata) Covid ancora protagonista in campionato. Dopo le decisioni asimmetriche delle ASL è...

Calcio

Rod Stewart ama il Calcio alla follia Rod Stewart compie oggi 77 anni. L’eterno musicista britannico in carriera ha venduto più di 100 milioni...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Ieri si ricordava la morte, datata 1982, di Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 35 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato quattro anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro