Connect with us

Cerca articoli

Tennis

Paolo Lorenzi: un’estate che lascia il segno

Si può senz’altro dire che il 2016 di Paolo Lorenzi, 34enne tennista senese, sia degno di nota e tennisticamente parlando, tra i migliori risultati fatti registrare dai vari tennisti professionisti italiani.

Analizzando un po’ la sua stagione, qualche mese fa ha raggiunto il culmine e il sogno di una carriera: il 23 luglio 2016 Lorenzi diventa il più anziano tennista ad aggiudicarsi per la prima volta in carriera un torneo del circuito ATP. Infatti, sulla terra rossa di Kitzbühel il tennista italiano, sconfigge in finale il più quotato georgiano Basilashvili con il punteggio di 6-3, 6-4. In virtù di questo risultato Lorenzi raggiunge anche il suo best ranking, la 41a posizione. Questo risultato viene ulteriormente migliorato il 1° agosto, arrivando al 40° posto mondiale e contemporaneamente diventando il nuovo numero uno del tennis azzurro, scavalcando persino Fabio Fognini.

Un altro grande risultato lo ha messo a segno agli Us Open appena conclusi. Sul cemento newyorchese raggiunge per la prima volta in carriera il terzo turno in uno Slam. Dopo aver battuto al primo turno l’argentino Carlos Berlocq in tre set, al secondo turno elimina con una prova magistrale durata 4 ore e 54 minuti, la testa di serie numero 30 Gilles Simon per 3-6, 6-2, 6-2, 6-7, 7-6. Dopo questa vera e propria impresa a discapito dei pronostici, al terzo turno si scontra con il numero due al mondo, Andy Murray neo campione olimpico. L’atleta senese vorrebbe ripetersi e compiere un altro capolavoro. In parte ci riesce, complicando la vita, e non poco, al britannico che riesce a spuntarla dopo quattro set per 7-6, 5-7, 6-2, 6-3. Questo match ha dimostrato un calo fisico e mentale di Andy, che infatti ha avuto conferma nei quarti di finale, eliminato al quinto set dal promettente Key Nishikori. Il britannico, che per gli esperti avrebbe dovuto essere il probabile finalisti contro Djokovic, dopo mesi dove ha fatto registrare numeri da capogiro, ha ceduto lasciando il passo ad un solido e mai domo Nishikori.

Per Paolo Lorenzi quest’estate è sicuramente un momento che difficilmente dimenticherà e che gli darà la forza per continuare, nonostante l’età non più rosea, a divertirsi e a faticare con racchetta e pallina.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Walter Bonatti: la solitudine e la grandezza del “Re delle Alpi” Nella notte tra il 30 e il 31 luglio 1954 veniva raggiunta la...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Compie oggi 48 anni Andrea Gaudenzi, il tennista italiano che ci ha fatto vivere una delle serate...

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione Ognuno di noi, che ne sia conscio o meno, ha una missione, un obiettivo che diventa il...

Calcio

Borgonovo e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 27 giugno 2013 ci salutava Stefano Borgonovo. La causa della morte...

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Compie oggi 65 anni il fenomeno del Tennis Bjorn Borg. Un uomo di ghiaccio che nascondeva una...

Altri Sport

A tu per tu con Daniele Masala, il Professore del Pentathlon italiano A poco più di due mesi dall’inizio delle Olimpiadi di Tokyo dà...

Storie di Sport

L’amore di Andre per Steffi Per i 51 anni compiuti oggi dal leggendario tennista Andre Agassi, vi raccontiamo un episodio che spiega bene il...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Salute e Benessere

Prodotti legali a base di CBD: ecco tutto quello che c’è da sapere sui loro benefici I prodotti derivati della pianta di Cannabis sono...

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più Il 3 aprile 2016 ci lasciava Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio...

Calcio

Azeglio Vicini, ad avercene Il 30 gennaio 2018 ci salutava per sempre Azeglio Vicini, storico allenatore dell’Italia ai Mondiali 90. Un grande uomo, le...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro