Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Panchine roventi: se un “Sì” mette nei guai l’allenatore

[themoneytizer id=”27127-28″]

Panchine roventi: se un “Sì” mette nei guai l’allenatore

Nel calcio le grandi rivalità sono rilevanti, ma non hanno sempre influenzato le scelte dei tesserati.

Il passaggio di Antonio Conte è stato ufficializzato da poche ore. E’ un matrimonio che sta generando inevitabilmente reazioni contrastanti nella tifoseria juventina e in quella interista. La Curva Nord nerazzurra ha diramato un comunicato criticato da molti (Mentana in primis) in cui critica non troppo velatamente la scelta della società di puntare su una ex bandiera della Juventus, con un passato di “sospetti giudiziari” e che fino a qualche anno fa era schierato più o meno apertamente contro la sentenza di Calciopoli. I tifosi della Juventus, dal canto loro, chiedono che venga tolta la stella allo Juventus Stadium che porta il nome di Antonio Conte. Il salentino ha sposato subito la causa interista perché ha messo al primo posto l’aspetto professionale ed economico, una scelta in linea con il calcio moderno.

Qualcosa del genere potrebbe accadere con Maurizio Sarri, allenatore idolo della tifoseria napoletana che in questi giorni è al centro di voci di mercato che lo indicano come papabile nuovo tecnico della Juventus. I sostenitori partenopei hanno già lanciato un messaggio a Sarri per cercare di dissuaderlo esponendo uno striscione. Ad ogni modo difficilmente la scelta personale dell’allenatore toscano sarà influenzata dai suoi trascorsi sulla panchina del Napoli: Sarri vorrebbe rimanere al Chelsea, ma certamente non disdegnerebbe in caso di divorzio dai Blues la destinazione bianconera. Un caso simile sta riguardando Sinisa Mihajlovic e la Roma, con i tifosi giallorossi che dopo il forzato addio di De Rossi contesterebbero duramente la scelta del club di consegnare la panchina a un laziale dichiarato.

La storia del calcio, in realtà, è intrisa di trasferimenti più o meno discussi e contestati. Come il caso di un altro ex bianconero come Marcello Lippi che si accasa all’Inter senza successo. Meno scalpore fece il passaggio di Giovanni Trapattoni sulla panchina dei nerazzurri, un totem di tutto il calcio rispettato per il suo curriculum e l’abnegazione in campo e in panchina. Filò liscio anche il passaggio dell’ex romanista Sven Goran Eriksson sulla panchina della Lazio; il tecnico svedese vinse quasi tutto con i biancocelesti mentre un altro ex romanista di nome Tommaso Maestrelli guidò la Lazio verso il primo scudetto della sua storia.

Tra i calciatori è impossibile non ricordare il tumultuoso passaggio dell’ex laziale Lionello Manfredonia alla Roma, osteggiato per mesi dalla curva romanista. Una vicenda che mise in risalto la rivalità più sentita in Italia, quella della capitale. Contestazioni veementi si alzarono dalla tifoserie fiorentina anche quando Roberto Baggio, campioncino che sarebbe diventato uno dei giocatori più forti al mondo, passò all’odiata Juventus. Tra i grandi rifiuti si può citare proprio Baggio che nel 1995 si oppose al suo trasferimento all’Inter (deciso da Moggi che puntava su Alessandro Del Piero) perché preferiva il Milan perché i rossoneri in quel periodo erano sulla cresta dell’onda.

Per motivi familiari Antonio Di Natale rifiutò di indossare la maglia della Juventus e restò a Udine diventando un’icona della storia udinese. La Vecchia Signora fu rifiutata anche da Marek Hamsik che preferì non tradire i tifosi del Napoli e da Domenico Berardi che non aveva intenzione di accomodarsi troppe volte in panchina con il club piemontese. Un rifiuto storico nei confronti dei bianconeri fu quello di Gigi Riva che decise di restare al Cagliari, una scelta che gli valse un posto tra gli immortali nella storia del club sardo.

[themoneytizer id=”27127-28″]

 

Antonio D Avanzo
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Pasolini e il calcio. L’intellettuale che voleva essere un’ala sinistra Il 5 marzo 1922 nasceva a Bologna, quartiere Santo Stefano, Pier Paolo Pasolini, uno...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

Velibor Vasovic, il guardiano del vento Il 4 marzo 2022 moriva Velibor Vasovic, il calciatore serbo capitano dell’Ajax di Cruijff. Diverso dagli altri giocatori...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

Tostão, O Rei Branco Negli anni ’80, un abitante della zona ovest di Belo Horizonte con problemi alla vista, si sarebbe potuto facilmente imbattere...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Pugilato

Chuck Wepner: Storia del vero Rocky Balboa Per gli 82 anni compiuti oggi, vi raccontiamo la storia di Chuck Wepner, il vero Rocky Balboa....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro