Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Panchine nel pallone: il meglio (o il peggio) di quello che accade a bordo campo

[themoneytizer id=”27127-1″]

Panchine nel pallone: il meglio (o il peggio) di quello che accade a bordo campo

La panchina: luogo per gli allenatori per modificare le loro tattiche, per i possibili sostituti per sostenere i loro compagni di squadra e prepararsi ad affrontare una gara in cui inventarsi un impatto decisivo.

Teatro, però, anche di uno straordinario numero di bizzarrie nella storia del nostro caro calcio.

Tutto partì nel 2017 quando durante la vittoria per 2-0 del Manchester United di Mourinho sull’Arsenal di un sempre più contestato Wenger, le telecamere di Sky Sport UK hanno raccolto immagini di un pacchetto di noccioline amabilmente condiviso sulla panchina dei Gunners.

Un evento banale, che, comunque, ha scatenato grossa ironia tra i media e gli utenti social del mondo britannico (e non solo).

Ecco, allora, che i cugini anglosassoni si sono divertiti a raccogliere le storie più strane mai viste sulle panchine delle squadre di calcio:

Diego Costa e la ceretta a Xabi Alonso

Coppa del Mondo 2014 in Brasile. La Spagna è già stata eliminata dalla competizione dopo un avvio nel girone disastroso. Diego Costa e Xabi Alonso sono seduti fianco a fianco per vedere l’ultimo match previsto dal calendario contro l’Australia.

Cosa altro fare, a causa della noia, se non ‘cerettare’ un proprio compagno di squadra pensa l’attaccante oggi al Chelsea? Così avviene che Diego Costa usi il nastro adesivo sulla pelle di un non troppo convinto (e colto di sorpresa) Xabi Alonso.

La reazione del centrocampista basco non fu delle migliori.

Lo spuntino di Wayne Shaw

Il Sutton United al quinto turno della FA Cup di questa stagione è stato uno dei momenti più chiacchierati nel mondo del calcio. Una favola stupenda. Un gruppo di ragazzotti di non-league catapultati a giocare contro l’Arsenal. Uno su tutti colpisce l’attenzione dei media: il portiere di riserva del Sutton United, Wayne Shaw, non proprio un tipico peso da calciatore.

La magica serata contro l’Arsenal arriva e, dopo che il Sutton si avvia all’ampiamente prevedibile sconfitta, Shaw viene colto in flagrante mentre addenta una fetta di torta salata. L’ilarità sul web esplode ma, ben presto, il divertimento lascia spazio allo sgomento.

Infatti, erano state pubblicizzate le possibilità di scommettere proprio su tale, strambo, avvenimento. Una banale mossa di marketing per guadagnare (e far guadagnare) dei soldi.

Alla fine, Shaw è costretto a rescindere con il Sutton e a chiedere pubblicamente scusa.

L’igiene personale di Joachim Low

Joachim Low, tecnico della Germania Campione del Mondo, è unanimemente riconosciuto come un allenatore brillante, un tattico superbo ma anche un prolifico ‘ispezionatore’ del proprio naso.

Una faccenda ben nota in Italia grazie all’attenzione posta sull’argomento dalla sempre dissacrante Gialappa’s Band.

In un’occasione, Low è addirittura passato da un ‘controllo’ ad una stretta di mano con Cristiano Ronaldo. Memorabile.

Non solo il naso, però: a Euro 2016, Low è stato ripreso dapprima mentre posava la propria mano nei pantaloni e poi annusava il tutto allegramente.

“Ho visto le immagini e ovviamente a volte le cose vengono fatte inconsciamente. È accaduto e mi dispiace” disse Low in quella circostanza.

Il caffè di Marcelo Bielsa

“Il più bravo allenatore sulla faccia della terra”, parola di Pep Guardiola, non certo l’ultimo arrivato: l’argentino Marcelo Bielsa ha gestito club e nazionali in tutto il mondo.

Durante il suo periodo a Marsiglia, Bielsa, però, è passato soprattutto alla storia per essersi seduto, a bordo campo, su un piccolo frigorifero portatile, mentre era in corso un match della sua squadra.

Fin qui, più o meno tutto normale, non fosse che un membro dello staff aveva appena lasciato il caffè per il mister in una tazza di carta.

Potete immaginare la tranquilla reazione di un personaggio noto nel mondo del calcio col soprannome di ‘Loco’.

Il giubbotto di Tony Adams

Tony Adams è stato una vera leggenda dell’Arsenal e, nel 2017, è stato nominato come nuovo tecnico del Granada, in Spagna, nel disperato tentativo di salvare la squadra dalla retrocessione. Missione, però, non riuscita.

L’ex capitano dei Gunners, comunque, è stato posto in risalto dai media spagnoli per un giacchetto di dubbio gusto indossato in panchina durante la partita disputata contro il Real Madrid.

Secondo un giornale iberico, il calciatore madrileno Isco avrebbe addirittura a gridato dalla panchina: “Ehi, cameriere, una Coca Cola!” , ad un certo punto della sfida.

Bravo Isco; hai fatto bene a non usare certe frasi in un confronto diretto come calciatore contro il buon Adams.

Qualche anno fa, sul rettangolo di gioco, probabilmente la voglia di scherzare sarebbe passata in breve tempo al talentino di casa Real!

[themoneytizer id=”27127-28″]

Matteo Luciani
A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Pugilato

Max Baer, la vera storia del “cattivo” antagonista di Cinderella Man Il 21 Novembre 1959 moriva Max Baer, il pugile statunitense divenuto famoso per...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il 15 novembre 1988 finiva tragicamente la fuga di Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo,...

Altri Sport

We are Marshall! Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra L’11 novembre 1918 il primo conflitto mondiale giunse finalmente al termine con la...

Calcio

Derby della Lanterna, al solito posto Cominciare con Fabrizio De André sarebbe stato troppo facile, difficile però non farlo. Citare Crêuza de mä, canzone...

Calcio

Il giorno in cui Roma e Lazio giocarono con la stessa maglia in onore di Paparelli Il 28 Ottobre 1979 durante il derby della...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore ad aver vinto il Pallone...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Calcio

La nascita della Coppa dei Campioni E’ iniziata ieri la fase a gironi della Champions League 2020-21. Per l’occasione vi raccontiamo la storia del...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro