Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Palestina – Arabia Saudita in Cisgiordania: il penultimo caso in cui la geopolitica entra nel rettangolo verde

[themoneytizer id=”27127-1″]

Palestina – Arabia Saudita in Cisgiordania: il penultimo caso in cui la geopolitica entra nel rettangolo verde

Lo sport e la politica, almeno secondo la maggior parte delle persone, dovrebbero essere due ambiti totalmente distinti tra loro. Purtroppo o per fortuna però, dipende dai punti di vista, non è sempre così e ci sono determinate situazioni in cui queste due sfere trovano più di qualche legame in comune.

Pochi giorni fa ad esempio è avvenuto un fatto che è stato descritto come una decisione di importanza storica. Ad usare queste parole è stato, per l’esattezza, Jibril Rajoub, presidente della Palestinian Football Association (l’organo sportivo responsabile dell’amministrazione del calcio nello Stato di Palestina) e dirigente dell’Autorità Nazionale Palestinese.

L’evento che viene definito in questo modo rientra, a pieno titolo, nel mondo del pallone medio-orientale. Il 15 ottobre difatti si giocherà nello stadio della città di Al-Ram in Cisgiordania, a metà strada fra Ramallah e Gerusalemme, l’incontro di calcio tra Palestina ed Arabia Saudita valevole per le qualificazioni ai mondiali di Qatar 2022.

Oltre alla partita in sé per sé questo evento rappresenterà un importante messaggio politico per Israele che, da più di 70 anni, sta conducendo una estenuante guerra contro lo stesso popolo palestinese. Nel messaggio che lo stesso Rajoub ha voluto mandare al re saudita, Salmān bin ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd, e a suo figlio, il principe ereditario Mohammad bin Salman Al Sa’ud, si legge che questa decisione del governo di Riyad “riflette l’impegno di quel Paese a favore della Palestina e costituisce un messaggio alla occupazione, che ribadisce che i palestinesi non sono soli”. Insomma anche il calcio viene usato da palestinesi per mettere pressione ai loro vicini sionisti. Una storia che si ripete dal 1948 e che, noi di Io Gioco Pulito, vi abbiamo raccontato in un pezzo pubblicato poche settimane fa.

La politica, però, non interviene solamente nell’ambito del pallone medio-orientale. Ci sono anche altre zone del globo che vedono mischiati i due ambiti sovra-descritti: una di queste è sicuramente la penisola balcanica che, durante gli anni ’90 del XX secolo, fu teatro di una sanguinosa guerra civile.

Una delle varie questioni non risolte è quella tra Serbia e Kosovo. Mentre i primi considerano i secondi una semplice provincia meridionale del loro stato, a maggioranza albanese però, i secondi si considerano come un vero e proprio paese indipendente, auotonomo dal 17 febbraio 2008 e con una propria capitale: Pristina.

Pochi giorni fa si doveva disputare la gara valida per i sedicesimi della Coppa nazionale tra una delle squadra della capitale serba di Belgrado, la Stella Rossa, e il team del Kosovo del Nord del FK Trepča che milita nella terza divisione del campionato serbo. Questo incontro calcistico, però, non si è mai disputato.

La causa è stata un impedimento politico. Una volta giunto al confine serbo-kosovaro, al team serbo è stato impedito l’ingresso in Kosovo.

Tutto ciò è avvenuto per un volere emanato dallo stesso governo di Pristina che così facendo è andato contro il volere della Uefa e della Fifa. Nei giorni precedenti, infatti, i due organi calcistici si erano dette favorevoli allo svolgimento del match nonostante le tensioni sempre esistenti.

Dopo l’annullamento della partita, forti critiche sono arrivate sia dai dirigenti della Stella Rossa ma anche dallo stesso governo di Belgrado che, di conseguenza, ha chiesto l’immediata esclusione del Kosovo da Fifa e Uefa.

Chissà come finirà questa storia, visto che il ritorno si disputerà presso il quartier generale della Federcalcio serba (Fss) a Stara Pazova, a pochi km da Belgrado. Di sicuro ci saranno molte altre partite che “non s’avranno da fare”…..

[themoneytizer id=”27127-28″]

Avatar
A cura di

Da non perdere

Calcio

Pasolini e il calcio. L’intellettuale che voleva essere un’ala sinistra Il 5 marzo 1922 nasceva a Bologna, quartiere Santo Stefano, Pier Paolo Pasolini, uno...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro