Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Palestina – Arabia Saudita in Cisgiordania: il penultimo caso in cui la geopolitica entra nel rettangolo verde

[themoneytizer id=”27127-1″]

Palestina – Arabia Saudita in Cisgiordania: il penultimo caso in cui la geopolitica entra nel rettangolo verde

Lo sport e la politica, almeno secondo la maggior parte delle persone, dovrebbero essere due ambiti totalmente distinti tra loro. Purtroppo o per fortuna però, dipende dai punti di vista, non è sempre così e ci sono determinate situazioni in cui queste due sfere trovano più di qualche legame in comune.

Pochi giorni fa ad esempio è avvenuto un fatto che è stato descritto come una decisione di importanza storica. Ad usare queste parole è stato, per l’esattezza, Jibril Rajoub, presidente della Palestinian Football Association (l’organo sportivo responsabile dell’amministrazione del calcio nello Stato di Palestina) e dirigente dell’Autorità Nazionale Palestinese.

L’evento che viene definito in questo modo rientra, a pieno titolo, nel mondo del pallone medio-orientale. Il 15 ottobre difatti si giocherà nello stadio della città di Al-Ram in Cisgiordania, a metà strada fra Ramallah e Gerusalemme, l’incontro di calcio tra Palestina ed Arabia Saudita valevole per le qualificazioni ai mondiali di Qatar 2022.

Oltre alla partita in sé per sé questo evento rappresenterà un importante messaggio politico per Israele che, da più di 70 anni, sta conducendo una estenuante guerra contro lo stesso popolo palestinese. Nel messaggio che lo stesso Rajoub ha voluto mandare al re saudita, Salmān bin ʿAbd al-ʿAzīz Āl Saʿūd, e a suo figlio, il principe ereditario Mohammad bin Salman Al Sa’ud, si legge che questa decisione del governo di Riyad “riflette l’impegno di quel Paese a favore della Palestina e costituisce un messaggio alla occupazione, che ribadisce che i palestinesi non sono soli”. Insomma anche il calcio viene usato da palestinesi per mettere pressione ai loro vicini sionisti. Una storia che si ripete dal 1948 e che, noi di Io Gioco Pulito, vi abbiamo raccontato in un pezzo pubblicato poche settimane fa.

La politica, però, non interviene solamente nell’ambito del pallone medio-orientale. Ci sono anche altre zone del globo che vedono mischiati i due ambiti sovra-descritti: una di queste è sicuramente la penisola balcanica che, durante gli anni ’90 del XX secolo, fu teatro di una sanguinosa guerra civile.

Una delle varie questioni non risolte è quella tra Serbia e Kosovo. Mentre i primi considerano i secondi una semplice provincia meridionale del loro stato, a maggioranza albanese però, i secondi si considerano come un vero e proprio paese indipendente, auotonomo dal 17 febbraio 2008 e con una propria capitale: Pristina.

Pochi giorni fa si doveva disputare la gara valida per i sedicesimi della Coppa nazionale tra una delle squadra della capitale serba di Belgrado, la Stella Rossa, e il team del Kosovo del Nord del FK Trepča che milita nella terza divisione del campionato serbo. Questo incontro calcistico, però, non si è mai disputato.

La causa è stata un impedimento politico. Una volta giunto al confine serbo-kosovaro, al team serbo è stato impedito l’ingresso in Kosovo.

Tutto ciò è avvenuto per un volere emanato dallo stesso governo di Pristina che così facendo è andato contro il volere della Uefa e della Fifa. Nei giorni precedenti, infatti, i due organi calcistici si erano dette favorevoli allo svolgimento del match nonostante le tensioni sempre esistenti.

Dopo l’annullamento della partita, forti critiche sono arrivate sia dai dirigenti della Stella Rossa ma anche dallo stesso governo di Belgrado che, di conseguenza, ha chiesto l’immediata esclusione del Kosovo da Fifa e Uefa.

Chissà come finirà questa storia, visto che il ritorno si disputerà presso il quartier generale della Federcalcio serba (Fss) a Stara Pazova, a pochi km da Belgrado. Di sicuro ci saranno molte altre partite che “non s’avranno da fare”…..

[themoneytizer id=”27127-28″]

Da non perdere

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Non sono andato a letto presto: Vita e Assist di Gianfranco Zigoni Compie oggi 76 anni Gianfranco Zigoni, iconico calciatore anni 70, capace di...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 27 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Calcio

Happel, Vilanova e Maestrelli: Storie di Vita, Storie di Sport Il 14 Novembre 1992 moriva Ernst Happel, il maestro di calcio austriaco che da...

Calcio

Carmelo Bene e il calcio, tra Romario, tempo aiòn e processo di Biscardi L’artista salentino amava i grandi «atti» extra-ordinari del calcio, quelli che...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro