Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Palermo: ci siamo Quaison

Quando atterrò a Palermo non pochi si stupirono; arrivava infatti uno svedese di padre ghanese, un centrocampista paragonato a Xavi sebbene fosse alto 10 centimetri in più rispetto al metronomo spagnolo, cresciuto nelle giovanili di una squadra antichissima – L’AIK di Stoccolma, fondata nel 1891 – ma sbocciato con la maglia del Väsby United, un club nato nel non proprio lontanissimo 2005.

I primi tre anni di Robin Quaison in terra sicula non sono di facile comprensione: tra alti, bassi e poche certezze l’avventura in rosanero non partì proprio nel migliore dei modi: esordio con sconfitta in Coppa Italia, 3-0 inflitto dal Modena di Walter Novellino, allenatore che ritroverà qualche mese dopo al Renzo Barbera e che non andrà per il leggero nella valutazione del 23enne svedese.

“Quaison è un presuntuoso. Se solo fosse più umile darebbe di più” dichiarò al Corriere dello Sport il tecnico campano, fresco di esonero da parte di Maurizio Zamparini.

Eugenio Corini, assunto proprio dal presidente rosanero nelle ultime settimane, sembra aver trovato la giusta chiave per far rendere al meglio un giocatore con le sue potenzialità, lasciandolo agire in una zona del campo leggermente defilata a sinistra e permettendogli di incunearsi nelle difese avversarie con rapidità e con i tempi giusti.

j19di5wsgaimw

Parlando di numeri e statistiche, la grande dote di Quaison è la tecnica sopraffina: ingaggia in media 6 duelli offensivi a partita, con una media positiva spaventosa. L’80% dei tentativi vanno a buon fine, solo il restante 20% non supera il confine.

Un capolavoro di velocità, cambi di passo e freddezza.

xvukpwncdhrdy

Il suo contratto scade il 30 Giugno del 2017, motivo per cui dovrà essere presa al più presto una decisione sul futuro dello svedese nato a Stoccolma il 9 ottobre proprio come John Lennon, che nel 1971 cantava “How Do You Sleep?”.

Chissà come dorma oggi proprio il presidente Zamparini, consapevole di avere in casa l’ennesimo talento da valorizzare e dotato di una classe cristallina, sempre che questo splendido momento di forma non svanisca nel nulla proprio come il numero 21 rosanero quando attacca la profondità e lascia quasi impotenti gli avversari.

Inutile dire che il Palermo abbia infinito bisogno di un talento come Quaison, capace di ribaltare pronostici e partite proprio come la ‘roulette russa’ di Genova nella speranza di raggiungere la famosa soglia dei 40 punti (ma anche meno), tanto per stare senza pensieri.

Quanto manca per poter ammirare la vera essenza della stella su cui i tifosi del Palermo e Maurizio Zamparini continuano a voler puntare? Nonostante due stagioni in chiaroscuro, riuscirà il sole del Barbera a farlo sbocciare come tanti altri fenomeni passati dalla Sicilia?

A giudicare dalle 2 reti nelle ultime 2 partite, entrambe da stropicciarsi gli occhi con le dita, direi che ci siamo quasi. Anzi, ci siamo Quaison.

Ci siamo Quaison.

 

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Il 21 giugno 1970 il Brasile dei fenomeni si impone sull’Italia, conquistando e portandosi a casa la Coppa Rimet. Riviviamo i fatti più salienti...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 75 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Giornata Mondiale dell’Ambiente: Come il Calcio si sta muovendo per difendere la salute del pianeta Nel giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale...

Calcio

4 giugno 1944, Roma Liberata: i destini incrociati di Attilio Ferraris IV e Bruno Buozzi Il 4 giugno 1944 terminava, dopo quasi nove mesi,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro