Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Östersund: Storia di un piccolo grande Miracolo

Avete mai visto un calciatore danzare sulle punte ne “il Lago dei Cigni”? No, mai credo, al massimo avete sentito parlare di brasiliani che abbandonano le squadre perché devono danzare al sambodromo di Rio. E avete mai visto fargli fare improvvisazione teatrale? Sì, quello sì, in campo, quando vengono toccati appena e urlano come se gli avessero estratto le interiora da vivi. Il calcio però è anche pieno di belle storie, nonostante i luogocomunisti credano sempre che demolirlo è meglio e che una volta era tutta un’altra cosa.



Bene, se non avete mai visto tutto questo, è evidente che, come me, non siete mai stati a Östersund cittadina svedese, dove gioca L’Östersunds, squadra di calcio che milita nella serie A. Se pensate di avere sentito tutto, bene, questo va oltre tutto. La squadra nasce nel vicino 1996, una ragazzina praticamente, una bellezza che si affaccia alla vita. Sono tre squadre a fondersi e ad occupare un posto mesto nella terza serie svedese. L’artefice della sua rinascita è il direttore sportivo Daniel Kindberg, il quale ad un certo punto, si rassegna che la squadra non se la caga nessuno (scusate il francesismo) e sta per mettere le travi a chiudere la porta della sede. Saranno un paio di giocatori a convincerlo che oltre a tutte le discipline invernali iperpraticate, può trovare posto il calcio. Lui ci crede e nel 2007 ricomincia. Ma con una chiave magica. Vuole fare un club multirazziale e aperto a tutti, per cui inizia la collaborazione con la federazione libica per farsi segnalare ragazzi che abbiano la passione del gioco e non versino in buone condizioni, collaborazione andata in fumo dopo lo scoppio dei confitti interni.

Nel 2010 la svolta. Kindberg ingaggia Graham Potter, allenatore inglese che fa centrare tre promozioni di fila e sposa in pieno la causa della squadra. In questi anni Kindberg però, vuole anche promuovere una filosofia di coesione di una squadra che ha varie nazionalità dentro. I giocatori partecipano a laboratori di scrittura, balletti, recite, eventi benefici, canto corale, poi vanno in campo e a chi li scambia per delle mammolette, fanno il sedere a frange. Piccolo particolare, appena in serie A, i ragazzotti acchiappano subito la coppa nazionale che vale un posto in Europa League, ovvero la sorella minore della Champions. Sembra abbastanza, ma evidentemente recitare e cantare aumenta altri talenti.

L’Östersunds affronta i turchi del Galatasaray, ovvero una squadra con cui giocare non è una gitarella a raccoglier nasturzi. All’andata li battono 2-0, con un gol in pieno recupero. Ma tutti pensano che al ritorno, X Factor per loro finirà lì. Invece a Istanbul finisce 1-1 con un gol di Nouri su rigore. E il bello è che la tifoseria turca, non proprio mai brillante per delicatezza, li ha applauditi e loro rincorrevano degli attoniti giocatori avversari per chiedere la maglia, li consideravano idoli da guardare in tv ed erano commossi. Finita qui? Manco per niente, arrivati alla fase a gironi fanno girare le scatole a parecchi e si qualificano primi, a pari punti con l’Athletic Bilbao, andandosela a giocare con l’Arsenal. La prima in casa, ritorno a Londra. E qui siamo alla storia recente, con l’Arsenal non passano. Ma se all’andata avevano perso 3-0, al ritorno a Londra, i pantaloncini dei gunners si tingono di una nuance marrone.

Già perché fino al minuto 46, sono sotto 2-0, significa che con un gol si va ai supplementari. Solo che al 47’, arriva il gol che salva i più forti che tanto forti non erano più. La fine della favola non è la fine della storia. Il capitano Nouri, è uno di quelli che ha visto un miracolo personale. A diciannove anni era un mezzo criminale, con imputazioni di detenzione di droghe, rapine, risse e pestaggi. Nel 2014 l’Östersunds lo preleva e gli dà fiducia, il ragazzo cambia testa, cambia vita e diventa anche il capitano, oltre che l’eroe della cavalcata europea. Avete mai visto un calciatore danzare? Bene, a Östersund danzano, sulle punte e sui tacchetti. E vincono. Nella vita.

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Jackie Robinson: il pioniere dei diritti degli afroamericani nello Sport «Non sono interessato alla vostra simpatia o antipatia… tutto quello che chiedo è che...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Altri Sport

Garri Kasparov: l’uomo contro la macchina quando l’uomo non era ancora una “macchina” Compie oggi 58 anni Garri Kasparov, il leggendario scacchista russo che...

Altri Sport

A tu per tu con Fiona May, la Regina del Salto in lungo Momenti frenetici quelli che si stanno vivendo all’inizio di questa primavera...

Pugilato

Teofilo “Al” Brown detto Panama: l’artista con i guantoni Aveva e continua ad avere ragione George Foreman, per quella volta in cui si trovò...

Altri Sport

La “Diplomazia del Ping Pong” Il 10 Aprile 1971 la squadra di ping pong americana e i giornalisti al seguito accettarono l’invito e misero...

Altri Sport

Seve Ballesteros e il Miracolo di Medinah 2012 Avrebbe compiuto oggi 64 anni Severiano Ballesteros, uno dei più grandi golfisti della storia recente. Il...

Snooker

Stephen Hendry, il ritorno del Golden Bairn (prima parte) Uno degli argomenti più dibattuti sui social media, in questo inizio di 2021, è il...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Motori

Jim Clark, l’amore al volante Il 7 aprile 1968 sul circuito di Hockenheim perde la vita in un tragico incidente Jim Clark, leggendario pilota...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro