Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Streaming illegale e IPTV: ecco come funziona il “Pezzotto” e quanto è facile abbonarsi

[themoneytizer id=”27127-1″]

Streaming illegale e IPTV: ecco come funziona il “Pezzotto” e quanto è facile abbonarsi

Per la prima volta in Italia sono state denunciate 223 persone come utenti che hanno usufruito delle IPTV, lo streaming illegale da tempo sotto la lente delle indagini della Guardia di Finanza. Il reato prefigurato sarebbe la ricettazione oltre alla confisca di televisore, pc, decoder e altri device secondo la legge del diritto d’autore. Ora rischiano una pena che prevede la reclusione fino a otto anni e una multa fino a 25mila euro. La GdF ha fatto sapere che questa operazione rappresenta la punta dell’iceberg e che nel giro di poco tempo altre persone che utilizzano le IPTV saranno individuate e rintracciate. Il problema dello streaming illegale ha radici lontane, come dimenticare il noto, ormai divenuto leggendario, sito Roja Directa e negli anni sono stati fatti grandi sforzi per limitare il fenomeno che sembra rinascere dalle sue ceneri ogni volta che viene “ucciso”. Ultimamente, però sembra che le cose stiano cambiando.

L’Operazione Free Football

Con l’operazione “Free Football” condotta dalla Guardia di Finanza di Brescia lo scorso Settembre venne sferrato un duro colpo allo Streaming illegale e alla famigerata IPTV. Vennero oscurati 114 i siti illegali, cercando di arginare un fenomeno sempre più in crescita non solo per guardare il calcio a prezzi stracciati (attraverso Sky e DAZN) ma anche poter usufruire dei servizi di streaming forniti dalle piattaforme di film/serie tv come Netflix o Amazon Prime. Non è la prima volta che si interviene fortemente per fermare la pirateria e l’illegalità in questo settore ma, la cronaca ci insegna, per ogni sito fuori norma che viene chiuso, se ne apre un altro o si cercano soluzioni alternative per aggirare il problema.

Nel 2018 erano 18.000 gli streaming illegali bloccati dall’inizio del Campionato di Serie A. Un dato enorme che rivela una crescita esponenziale di un fenomeno che arreca pesanti danni economici ai detentori dei diritti tv e che ha messo in allarme la Guardia di Finanza così come la Lega di Serie A e il Garante delle Comunicazioni. E se una volta l’unico pericolo era il famoso sito Roja Directaripetutamente chiuso e ogni volta ripetutamente riaperto, oggi la vera minaccia è rappresentata dall’IPTV, il “pezzotto” come viene chiamato. Ma la facilità con cui si riesce ad ottenere l’IPTV rende quasi impossibile arginare il proliferarsi di abbonamenti illegali che consentono di avere in visione praticamente tutta la pay-tv a prezzi molto più bassi rispetto a quelli legali.

Che cos’è l’IPTV?

L’IPTV (Internet Protocol Television) è un sistema di trasmissione di segnali televisivi su reti informatiche basate sui protocolli TCP/IP, in particolare sulla rete Internet. Da qualche anno, sfruttando questo sistema e pagando dai 10 ai 20 euro al mese, è possibile sottoscrivere abbonamenti, del tutto illegali, che permetto la visione di tutti i canali Sky e Mediaset Premium e DAZN. E non solo.

Come ci si abbona a IPTV

Nel cappello introduttivo abbiamo menzionato il fatto che la GdF ha oscurato 15 siti. Oscurare però vuol dire interdire l’accesso ai possessori di indirizzo IP italiano. Vien da sè quindi che questo ostacolo è facilmente superabile cambiando indirizzo IP con una delle tantissime estensioni a disposizione dei browser o addirittura con un servizio di VPN free o a pagamento. Al di là di questo, se proprio non vogliamo o non siamo in grado di cambiare il nostro indirizzo non importa: i siti oscurati sono un numero esiguo rispetto a quelli ancora visibili e accessibili anche con IP Italiano. Basta cercare abbonamento IPTV o forum IPTV sul motore di ricerca.

1

Sito non raggiungibile con IP italiano

2

Sito raggiungibile con IP Americano

3

I risultati della Ricerca IPTV Forum

Questi siti nel 90% dei casi sono dei forum dove ci sono svariati topic e dove all’interno di essi ci sono le specifiche (quali canali e pacchetti vengono offerti), il prezzo ed il contatto Skype con cui mettersi in contatto.

4

I topic del forum che vendono abbonamenti IPTV

5

IPTV: il gioco è fatto

Una volta preso il contatto Skype, si apre il  programma, si aggiunge il contatto ed il gioco ha inizio. Ci si scambiano i convenevoli di rito e poi si va al sodo. I rivenditori più seri offrono una prova gratuita del servizio per un’ora su tutti i canali, mentre il tempo si restringe a 20 minuti per gli eventi live come le partite. Alla fine della prova se soddisfatti si passa al pagamento. Viene chiesto di utilizzare Paypal scegliendo la modalità “parenti ed amici” così da pagare commissioni misere e  soprattutto si è avvertiti che l’email di chi riceverà i soldi non è del venditore ma quella di un suo amico. Una volta avuta la sicurezza del pagamento, vi arriverà il link con cui scaricherete il file .m3u da mettere sul vostro smartphone, tablet, pc o smart tv e cominciare la visione. Verrete anche inseriti in un gruppo speciale insieme a tutti gli “abbonati” dove si potranno segnalare eventuali problemi di visione.

7

La conversazione Skype e l’acquisto di un abbonamento

8

Il gruppo per segnalare problemi di visione

IPTV: il boom del “pezzotto”

Gli abbonati dei servizi IPTV, grazie al passaparola, sono cresciuti enormemente recando un ingente danno alle Pay TV. Secondo TuttoSport  ammonterebbe a 350 milioni di euro di guadagni persi con 1,2 milioni di utilizzatori dello streaming. Ricordiamo che il servizio è illegale e che non rischia solo chi vende questo servizio ma anche chi ne usufruisce. Come accaduto in questi giorni.

Nonostante le email temporanee, l’account Paypal di un amico, l’utilizzo di Skype ecc, è sempre possibile risalire sia a chi vende sia a chi compra. Uomo avvisato, mezzo salvato.

[themoneytizer id=”27127-1″]

 

Emanuele Sabatino

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Commenti

8 Comments

  1. Avatar

    raffaele

    Novembre 21, 2018 at 2:46 pm

    come al solito i poveri deficienti come me pagano un regolare abbonamento a sky dazn per vedere lo sport e tantissimi truffaldini illegali aggirano il sistema. Per questi furfanti dovrebbe esserci il carcere… Ma dimenticavo siamo in ITALIA

    • Avatar

      Pippo

      Novembre 21, 2018 at 9:24 pm

      La scorsa stagione avevo abbonamento a Mediaset,queat’anno Visto i costi assurdi,qualche giornalista dice che costa di meno,ma già due abbonamenti sono assai,io vedevo tutto pagando con 20€,ora ne occorrono 45€,ora non guardò nulla,perché non me lo ha ordinato il medico di vedere il calcio, ma se le società e Sky facessero dei prezzi accessibili e non assurdi,forse questo fenomeno sarebbe meno diffuso,loro giocano sulla dipendenza degli italiani dal calcio

  2. Avatar

    degiom

    Novembre 21, 2018 at 4:06 pm

    Mah… Ammetto di essere molto combattuto: a fronte di milioni di persone che si imbufaliscono piangendo miseria per il canone RAI messo in bolletta (90€ per la visione annuale di 13 canali tv e una dozzina di canali radio), gran parte degli stessi si svenano per vedere, certo il campionato di calcio ed i principali avvenimenti sportivi, cacciando la stessa cifra in un bimestre (quando va bene)…

    Non si tratta di essere “poveri deficenti”, bensì solo un minimo coerenti: io per principio non mi sono mai abbonato ad alcuna pay tv, ma se riesco a vedere sul PC qualche partita aggratis ne approfitto eccome!…

  3. Avatar

    alkar007

    Novembre 21, 2018 at 8:25 pm

    finche’ le paytv continueranno a spolpare gli utenti con prezzi assurdi (e nel caso di DANZ, pure un servizio pessimo)…si meritano di perdere soldi! In US mi vedo il campionato italiano su espn con $5 al mese.

    • Avatar

      paolo canada

      Novembre 22, 2018 at 4:03 pm

      bravissimo riflessione che non fa una piega, io come te mi vedo tutto ma tutto in full hd e costa una sciapata.

      quello delle paytv e’ il loro business cje lo hanno portato all’estermo tra prezzi altissimi e trasmissioni FARCITE di pubblicita’ che secondo sempre il loro business NOI saremmo tenuti a pagare nell’abbonamento, c’e’ chi si piega a tutto questo e chi invece no e sono tantissimi.

      Loro hanno il potere e noi abbiamo i numeri, possono fare cio’ che vogliono ma piu’ inaspriscono le loro politiche ingorde e piu’ pirateria si devono attendere.

  4. Avatar

    alex

    Novembre 22, 2018 at 2:53 pm

    no fatemi capire.. quindi siamo qui a dire povero Murdock o povero Berlusconi? per vedere la serie A ti obbligano a fare n contratti per rifilarti servizi ,vedi dazn, imbarazzanti.In un Paese normale un servizio che si fa pagare ma poi non sa gestire il servizio stesso dovrebbe essere obbligato a regalare gli abbonamenti. E siamo qui ancora ha attaccare 4 scappati di casa che streammano in qualità pessima un servizio che solo un deficiente può paragonare a quello di Sky o chiunque altro.. io pago sky ancora per poco perchè non ho intenzione di pagare 2 abbonamenti per vedere le partite della mia squadra

  5. Avatar

    angelo

    Novembre 23, 2018 at 10:48 am

    Voglio dire la mia opinione su questo argomento. L’estensore dell’articolo deve sapere che IPTV è in declino. La nuova frontiera è l’ACESTREAM. Con questo sistema più utenti sono collegati più il flusso è ottimo. Sconsiglio le VPN free. Meglio a pagamento. Le migliore sono quelle che non ti loggano. Abbonarsi a VPN dove l’Italia non ha nessun rapporto di collaborazione. Esempio Romania, Corea, Cina, Russia ecc. ecc. Voglio ricordare all’autore dell’articolo che esiste un modo per vedere partite, film, e non pagare chi ti offre il pacchetto. Il sistema si chiama KODI.

  6. Avatar

    Beppe

    Maggio 4, 2020 at 3:49 pm

    Se Sky, DAZN e Premium facessero prezzi abbordabili o modulabili secondo le esigenze di ciascuno qst soldi entrerebbero nelle loro tasche. Ma se la logica è quella del maximo profitto ci saranno sempre persone che useranno il pezzotto.
    Personalmente nn ho interesse per lo sport in genere, sono solo tifoso della Roma ma per vedere le partite della mia squadra devo fare un abbonamento per tutte le squadre, come se io facendo un abbonamento allo stadio dovessi abbonarmi a tutte le lìpartite di tutte le squadre. Fatemi fare solo l’abbonamento della Roma e così ci guadagneremmo tutti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande palmarès,...

Calcio

Campioni del mondo! Gli azzurri di Mancini riportano a casa…il titolo non ufficiale “Campioni del mondo! Grazie alla rete di Nicolò Barella gli azzurri...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Economia

Trading Online: quando i soldi possono essere a rischio Chi ha dimestichezza con la rete ed è appassionati di finanza, magari anche di investimenti,...

Calcio

Il nuovo infortunio occorso al giovane talento della Roma impone una riflessione sugli eccessi di un mondo, quello del calcio professionistico, che sembra incapace...

TV

Sta per ripartire una nuova stagione calcistica, per certi versi la più strana e desueta dagli ultimi anni: la situazione legata al Covid è...

Calcio

Compie oggi 58 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni” più...

Economia

Iniziare ad investire in Borsa e farlo da zero, andando magari a sfruttare le potenzialità della rete attuale che consentono di avvicinarsi allo strumento...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 settembre 1989 moriva  Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

“We will Ruud you”: il calcio ai tempi di Gullit Se Marco Van Basten è la fiaba da raccontare ai figli la sera mentre...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Il 28 agosto 1981 moriva a Vienna Bela Guttmann, leggendario allenatore ungherese, che dopo aver...

Ultime Notizie Calcio

Dove eravamo rimasti? Dopo oltre tre mesi di astinenza causa pandemia da covid-19, il prossimo 20 giugno, salvo clamorose complicazioni, ripartirà finalmente il campionato...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro