Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Olimpiadi Roma 2024. Tra budget milionari e progetti fumosi c’è posto per una sfida referendaria?

A fine febbraio è stato presentato il piano per la candidatura olimpica di Roma nel 2024. Il piano è diviso in 5 punti, “Vision and game concept”, “Legacy and long term plan integration and alignment”, “General infrastructure and capacity analysis”, “Country analysis” e “Financing analysis”, e illustra come la Capitale potrebbe far fronte all’arrivo di sportivi e sostenitori dell’evento olimpico. Da una prima analisi appare per lo meno curioso che per imbattersi in qualche stima approssimativa dei costi sia necessario giungere all’ultima sezione e che una spesa prevista da circa 5,3mld sia riassunta in due pagine, a fronte delle 16 impiegate per spiegare lavision del progetto di candidatura.

Più di qualche dubbio sulla tenuta della Capitale sotto il peso dell’impegno olimpico l’hanno avanzato i Radicali Italiani, quasi unica voce fuori dal coro, i quali hanno avviato una raccolta firme e lanciato una petizione online per sottoporre a referendum i giochi di Roma 2024.

Le perplessità dei Radicali sono legate sia ai costi che alla gestione stessa della manifestazione sportiva. La consultazione dovrà riguardare i cittadini romani perché, come spiega Alessandro Capriccioli, segretario dei Radicali Roma, “Tutti gli extra costi della manifestazioni saranno a carica della cittadinanza e noi abbiamo finito di pagare il mutuo per i mondiali del 1990 solo nel 2015“. I precedenti non sono certo rassicuranti, “In molti paesi ospiti delle olimpiadi sono state introdotte nuove tasse per far fronte ai costi esorbitanti. Il caso di Londra 2012 è molto curioso. Il budget iniziale era fissato a 3mld di sterline, poi corretto a 9,3, con un aumento di più del 300%, quando ne hanno spesi 8,7 hanno titolato che avevano risparmiato. A Montreal nel ’76 sono arrivati all’800% del previsto“.

Questo discorso, portato alle sue estreme conclusioni, fa arrivare a pensare che le Olimpiadi non siano più manifestazioni sostenibili per la nostra epoca. “Forse si dovrebbero fare in modo diverso. Ci sono le pay-per-view, ci sono gli streaming , tutta una serie di fattori che scoraggiano la partecipazione fisica delle persone.” Prosegue Capriccioli “L’olimpiade faraonica così come l’abbiamo conosciuta fino ad adesso non va bene per una città come Roma. Forse va bene per una città nuova costruita in mezzo al deserto da qualche sceicco o va bene per le situazioni nelle quali la volontà popolare non conta nulla. Ad esempio le olimpiadi del 2020 erano rimaste in lizza la capitale del Kazakistan e Pechino, ha vinto Pechino e questa la dice lunga sul fatto che in regimi illiberali queste cose funzionano ancora. Negli ultimi 10 anni quando ai cittadini è stata data la possibilità di esprimersi i cittadini non le hanno volute perché le olimpiadi si sono dimostrate un grande arricchimento per il CIO e un grande impoverimento per le città. Ad esempio a Barcellona, che è stato l’esempio migliore, prima delle olimpiadi è andato in scena un grande esempio di speculazione edilizia“.

Sulle candidatura olimpica si è espresso il Consiglio Comunale Capitolino che, durante la passata gestione Marino, con una mozione d’indirizzo si era detto favorevole a proporre Roma per il 2024. “In consiglio comunale – conclude Capriccioli – non c’è stato nessuno, a parte Riccardo Magi (RI), a chiedere con quali fondi e perché Roma si sarebbe dovuta imbarcare in un progetto del genere”.

Le olimpiadi si sono già inserite nel dibattito politico in vista delle prossime amministrative della Capitale. La candidata al Comune per il M5S, Virginia Raggi, ha appoggiato l’idea di sostenere un referendum che consenta ai romani di decidere sui giochi olimpici: “Vogliamo che siano i romani a decidere sulla candidatura della città alle Olimpiadi 2024, ma vogliamo informarli bene prima – afferma la Raggi nella sua conferenza di presentazione presso la sede della stampa esteraI grandi eventi sono stati spesso sfruttati per prendere risorse e buttarle via. Abbiamo paura che le risorse vengano sperperate in un circuito malato.

FOTO: www.corriereuniv.it

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Rossella Fiamingo Abbiamo avuto il piacere di intervistare Rossella Fiamingo, campionessa di scherma nella specialità spada. Medaglia d’argento alle...

Altri Sport

Chamonix 1924: le Olimpiadi dei Soldati Il Biathlon fa la sua comparsa  alle Olimpiadi proprio in occasione della prima edizione invernale della grande kermesse...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Altri Sport

Momenti difficili per tutto il comparto degli sport invernali che stanno vivendo sulle loro spalle i danni causati dalla seconda brusca ondata di Covid...

Calcio

Pier Luigi Nervi, l’architettura al servizio dello sport Il 9 Gennaio 1979 moriva un maestro indiscusso della storia dell’architettura italiana, Pier Luigi Nervi, un innovatore nell’ambito...

Storie di Sport

Julius Yego, da YouTube alla Leggenda Compie oggi 32 anni Julius Yego, il campione del giavellotto la cui vita ci spiega come nello Sport...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 3 gennaio 1929 nasceva uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone. Tutti...

Altri Sport

Yvonne de Ligne: Omicidio sul Ghiaccio Le storie olimpiche  a volte si intersecano con vicende di altro genere, non ultime quelle della cronaca nera....

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il primo gennaio 1863 nasceva Pierre De Coubertin, l’uomo a...

Altri Sport

Andrej Kuznecov, ricordo di una stella cadente È una notte come tante sull’autostrada A14. E come tante altre volte, il silenzio è rotto dal...

Altri Sport

Edwin Moses, i passi di un dio Scrivere di sport equivale, anche perché ci piace e ci diverte, a profondere una serie di aggettivi;...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro