Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Olimpiadi 2024: Il M5S ha detto No, ma i romani (secondo il Censis) avevano detto Sì

Alla fine la sindaca di Roma Virginia Raggi ha detto no. La Città Eterna non si candiderà ad ospitare le Olimpiadi del 2024. In verità, la sindaca, ha fatto anche e molto di più: all’appuntamento già fissato con il presidente del CONI Giovanni Malagò, si è fatta attendere per oltre una mezz’ora, per poi non presentarsi neanche. E farsi immortalare ancora seduta ai tavolini di un ristorante mentre Malagò aspettava in Campidoglio. Proprio come farebbe una bella donna al suo primo appuntamento con un uomo che non desidera. Malagò, nonostante la sua proverbiale fama di tombeur des femmes, non deve averla presa evidentemente bene. Arrivando quindi ad affermare senza mezzi termini che “ sostanzialmente è finita”. Come appunto farebbe un uomo che prende atto di essere stato definitivamente rifiutato. E come hanno preso atto, della decisione della Raggi, anche quelli del comitato promotore di Roma 2024 che sul sito ufficiale hanno recitato il de profundis scrivendo che “E’ un No contro la speranza, il sogno, il lavoro e il futuro”. Insomma, come se davvero tutto il futuro della città di Roma (le cui priorità sono effettivamente altre) girasse intorno alla candidatura come sede dei giochi olimpici del 2024. “Ci dispiace – si legge nel comunicato diffuso in home page – per le 200 mila persone che avrebbero trovato un lavoro, e gli 1,7 miliardi che avrebbero risollevato Roma”. Saranno certamente meno dispiaciuti quelli del Movimento 5 Stelle che invece hanno sempre reputato la candidatura di Roma come l’ennesima occasione per palazzinari e speculatori. Arrivando a definirle ancora una volta, proprio come ha fatto la Raggi nelle ultime ore,  “le Olimpiadi del mattone” . Sulle quali, ha aggiunto la sindaca, i romani si sarebbero già pronunciati quando nel corso del ballottaggio votarono in massa per lei e non invece per il candidato che maggiormente le avrebbe volute, cioè Roberto Giachetti del Pd.

Ma al netto di quelle che possono essere le dichiarazioni di facciata (da una parte e dell’altra) c’è stato un sondaggio elaborato dal Censis nel mese di luglio (di cui ha parlato anche il Corriere dello Sport) e dal quale sono emersi numeri assolutamente interessanti. Che hanno rivelato, al contrario di quello che dice Virginia Raggi, che la maggioranza dei romani intervistati (il 50,2%) sarebbe stata invece d’accordo sulla candidatura delle Olimpiadi. E il consenso sarebbe addirittura cresciuto (fino a toccare il 55% dei consensi) tra gli intervistati che vivono nelle località di provincia. Il Censis ha infatti intervistato un migliaio di persone tra le circa 3 milioni che abitano nella Capitale, le quali sono state  comunque considerate come “statisticamente rappresentative”. E tra queste soltanto un 33% si sarebbe detto contrario alla candidatura, considerandosi “pessimista” sui costi e temendo sprechi e corruttele. Ma allo stesso tempo disposto a cambiare idea se “fossero messi in campo meccanismi di garanzia assoluta, organismi di vigilanza, per controllare i rischi di corruzione e sprechi”. Al contrario invece di coloro (la maggioranza) che hanno considerato le Olimpiadi come un’opportunità economica sotto tutti i punti di vista: degli investimenti, dell’occupazione e del turismo. Tra questi, una buona parte (circa il 39%) avrebbe considerato le Olimpiadi come la possibilità per Roma di dimostrarsi città in grado di organizzare i grandi eventi. Complessivamente, per 8 romani su 10 le Olimpiadi avrebbero lasciato una buona eredità. Cosa sarebbe successo se la Raggi, come aveva detto in campagna elettorale, avesse promosso il referendum?

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    massimo

    Settembre 23, 2016 at 12:06 pm

    tutto dipende da come vengono poste le domande e questo mi sembra che il censis non lo abbia detto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba  L’11 giugno 2012 moriva a Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita non...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Altri Sport

Nino Bibbia: storia di un fruttivendolo diventato Campione Olimpico Il 28 maggio 2013 moriva Nino Bibbia, il primo azzurro a conquistare un oro nei...

Altri Sport

A tu per tu con Daniele Masala, il Professore del Pentathlon italiano A poco più di due mesi dall’inizio delle Olimpiadi di Tokyo dà...

Altri Sport

A tu per tu con Agostino Abbagnale, la Leggenda oltre il destino Buone notizie dal canottaggio azzurro che ha concluso gli Europei di aprile...

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Compie oggi 55 anni Jonathan Edwards, l’uomo volante del salto triplo inglese. Vi raccontiamo la...

Altri Sport

Festa della Mamma: Alysia Montano, la donna incinta che corse gli 800 metri Si celebra oggi la Festa della Mamma 2021. Per celebrare le...

Altri Sport

A tu per tu con Pino Maddaloni, l’oro di Scampia Archiviati gli europei di Judo a Lisbona con tre medaglie raggiunte dagli azzurri, ottimo...

Altri Sport

Bradley Wiggins, una vita in fuga Compie oggi 41 anni Bradley Wiggins, l’ex ciclista inglese, la cui storia sembra uscita da una biografia di...

Altri Sport

A tu per tu con Marco Di Paola, presidente della Federazione Italiana Sport Equestri In questo difficile e complesso momento che stiamo vivendo il...

Altri Sport

A tu per tu con Carmen Rocchino, il presente e il futuro del nuoto sincronizzato Abbiamo avuto il piacere di intervistare Carmen Rocchino, astro...

Altri Sport

A tu per tu con Paolo Bettini, il Grillo più veloce del mondo In questa pazza stagione agonistica, che si sta svolgendo rigidamente a...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro