Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Olimpiadi 2024: Il M5S ha detto No, ma i romani (secondo il Censis) avevano detto Sì

Alla fine la sindaca di Roma Virginia Raggi ha detto no. La Città Eterna non si candiderà ad ospitare le Olimpiadi del 2024. In verità, la sindaca, ha fatto anche e molto di più: all’appuntamento già fissato con il presidente del CONI Giovanni Malagò, si è fatta attendere per oltre una mezz’ora, per poi non presentarsi neanche. E farsi immortalare ancora seduta ai tavolini di un ristorante mentre Malagò aspettava in Campidoglio. Proprio come farebbe una bella donna al suo primo appuntamento con un uomo che non desidera. Malagò, nonostante la sua proverbiale fama di tombeur des femmes, non deve averla presa evidentemente bene. Arrivando quindi ad affermare senza mezzi termini che “ sostanzialmente è finita”. Come appunto farebbe un uomo che prende atto di essere stato definitivamente rifiutato. E come hanno preso atto, della decisione della Raggi, anche quelli del comitato promotore di Roma 2024 che sul sito ufficiale hanno recitato il de profundis scrivendo che “E’ un No contro la speranza, il sogno, il lavoro e il futuro”. Insomma, come se davvero tutto il futuro della città di Roma (le cui priorità sono effettivamente altre) girasse intorno alla candidatura come sede dei giochi olimpici del 2024. “Ci dispiace – si legge nel comunicato diffuso in home page – per le 200 mila persone che avrebbero trovato un lavoro, e gli 1,7 miliardi che avrebbero risollevato Roma”. Saranno certamente meno dispiaciuti quelli del Movimento 5 Stelle che invece hanno sempre reputato la candidatura di Roma come l’ennesima occasione per palazzinari e speculatori. Arrivando a definirle ancora una volta, proprio come ha fatto la Raggi nelle ultime ore,  “le Olimpiadi del mattone” . Sulle quali, ha aggiunto la sindaca, i romani si sarebbero già pronunciati quando nel corso del ballottaggio votarono in massa per lei e non invece per il candidato che maggiormente le avrebbe volute, cioè Roberto Giachetti del Pd.

Ma al netto di quelle che possono essere le dichiarazioni di facciata (da una parte e dell’altra) c’è stato un sondaggio elaborato dal Censis nel mese di luglio (di cui ha parlato anche il Corriere dello Sport) e dal quale sono emersi numeri assolutamente interessanti. Che hanno rivelato, al contrario di quello che dice Virginia Raggi, che la maggioranza dei romani intervistati (il 50,2%) sarebbe stata invece d’accordo sulla candidatura delle Olimpiadi. E il consenso sarebbe addirittura cresciuto (fino a toccare il 55% dei consensi) tra gli intervistati che vivono nelle località di provincia. Il Censis ha infatti intervistato un migliaio di persone tra le circa 3 milioni che abitano nella Capitale, le quali sono state  comunque considerate come “statisticamente rappresentative”. E tra queste soltanto un 33% si sarebbe detto contrario alla candidatura, considerandosi “pessimista” sui costi e temendo sprechi e corruttele. Ma allo stesso tempo disposto a cambiare idea se “fossero messi in campo meccanismi di garanzia assoluta, organismi di vigilanza, per controllare i rischi di corruzione e sprechi”. Al contrario invece di coloro (la maggioranza) che hanno considerato le Olimpiadi come un’opportunità economica sotto tutti i punti di vista: degli investimenti, dell’occupazione e del turismo. Tra questi, una buona parte (circa il 39%) avrebbe considerato le Olimpiadi come la possibilità per Roma di dimostrarsi città in grado di organizzare i grandi eventi. Complessivamente, per 8 romani su 10 le Olimpiadi avrebbero lasciato una buona eredità. Cosa sarebbe successo se la Raggi, come aveva detto in campagna elettorale, avesse promosso il referendum?

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    massimo

    Settembre 23, 2016 at 12:06 pm

    tutto dipende da come vengono poste le domande e questo mi sembra che il censis non lo abbia detto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Compie oggi 59 anni Nadia Comaneci, fenomenale ginnasta rumena che alle Olimpiadi 1976 mandò in tilt...

Altri Sport

Stefania Belmondo: a tu per tu con la “Trapulin d’oro” dello sci italiano Il mondo dello sport riparte con fatica tra la seconda ondata...

Altri Sport

Steven Bradbury: quando l’idolo della Gialappa’s rischiò di morire Compie oggi 47 anni Steven Bradbury, l’idolo della Gialappa’s che vinse per caso la medaglia...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Storie di Sport

Strage di Monaco, le colpe dei tedeschi Durante le Olimpiadi di Monaco 1972, nella notte tra il 5 e il 6 Settembre un gruppo...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, padre delle...

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Il 7 agosto 1995 ai Mondiali di atletica di Goteborg, Jonathan Edwards, l’uomo volante del...

Altri Sport

Lo sport non è soltanto passione ed intrattenimento, ma anche impegno ed abnegazione. Un misto di determinazione e sacrificio, senza i quali, come spesso...

Altri Sport

Hassiba Boulmerka, un oro per la libertà Compie oggi 52 anni Hassiba Boulmerka, l’atleta algerina divenuta simbolo di libertà contro la discriminazione che soffriva...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 25 giugno 1903 nasceva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti...

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba L’11 giugno 2012 moriva nella sua Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro