Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Nuove modifiche in Formula 1: a Budapest cambia il regolamento sulle comunicazioni

Pochi sorpassi in pista? Formula noia? Non c’è problema. Se le scuderie non riescono a rimescolare i rapporti di forza, ecco la FIA. Ennesimo cambio in corsa. Questa volta, la riforma del regolamento riguarda le comunicazioni radio. Ennesima prova di miopia.

Antefatto: nel GP di Gran BretagnaRosberg comunica al suo ingegnere di pista un codice: “problema numero uno”. Tony Ross, dai box, decodifica il segnale. Rosberg ha problemi al cambio. La scuderia interviene dai box “radioguidando” ma dal muretto si lasciano sfuggire una frase di troppo. Precisamente un ordine: “Non inserire la settima marcia”. Il pilota della Mercedes esegue, ma finisce sotto investigazione. L’aiuto è palese. Il rischio, calcolato. Transitare ai box, significa perdere 25 secondi. Prendere una penalizzazione è un “risparmio”. Infatti, secondo regolamento, Rosberg è “multato” di appena dieci secondi. Sacrifica il secondo posto, ma si garantisce comunque podio e leadership del mondiale. E gli va di lusso.

La FIA prende atto della (ennesima) “elasticità” di interpretazione ed applicazione del regolamento. E cambia  il secondo comma riguardo ai messaggi via radio.

Sino a Silverstone il regolamento recitava: “indicazione di un problema critico alla monoposto: la comunucazone può essere effettuata solo in caso di imminente rottura di componenti o sistemi che potrebbero causare il ritiro”.

Da Budapest in poi “ogni messaggio riguardanti problemi e criticità deve contenere un imperativo rientro ai box dove si può risolvere il problema o ritirarsi”. Insomma, si deve passare dai box.  Ennesimo spartiacque di una stagione che di acqua, ne imbarca da tutte le parti: se la FIA è in cerca di spettacolo, dovrebbe prendere esempio dalla MOTO GP.

Nelle due ruote, i piloti sono “abbandonati” a se stessi: l’unico riferimento è nelle tabelle esposte dal team a ogni passaggio. Impossibile dialogare, confrontarsi su pressione e usura delle gomme, condizioni atmosferiche,  dell’asfalto, assetto del mezzo, condizioni della moto. Le decisioni vengono prese in modo autonomo: giuste o sbagliate (come è successo a Valentino Rossi e Dovizioso al Sachsenring) ma è proprio la fallibilità e l“imperfezione” dei guidizi che rende tutto più affascinante.

In F1, dove tutto è affidato  alla tecnologia, le scuderie azzerano imprevisti e probabilità. Nessuno osa. Tutti obbediscono ai box. Quanto accade in Ungheria, nelle prove dominate dalla pioggia, è evidente. La monoposto è vivisezionata, controllata in ogni singolo secondo di vita. Da dentro l’abitacolo, sebbene sia possibile, è di fatto inutile prendere decisioni autonome. Un processo castrante: numeri, calcoli, proiezioni e comunicazioni soverchiano intuizioni e percezioni del pilota. In F1, con il benestare della FIA, si “deve” guidare. Vietato pensare, valutare, prendere iniziative. Lo spettacolo si uccide anche così.

 

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Motori

François Cevert: una folata di vento Il 6 ottobre 1973 perdeva la vita a causa di un incidente durante il Gran Premio degli Stati...

Motori

“Incidente all’Orient Kermesse”: Singapore e il “CrashGate” del 2008 Si corre oggi il Gran Premio di Turchia, valevole per il 16esimo turno del Mondiale...

Motori

Dal coma al ritorno in pista: la vittoriosa battaglia di Mika Hakkinen Compie oggi 53 anni Mika Hakkinen, leggendario pilota finlandese di Formula Uno,...

Motori

Monza e la Ferrari: un Matrimonio e sei figli “speciali” Si corre domenica il Gran Premio D’Italia a Monza. Un circuito la cui storia...

Motori

Jochen Rindt: Campione oltre il destino Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la...

Motori

La Formula-1 e la “maledizione” di Zandvoort Si scrive Zandvoort, si legge canto del cigno. Di ambizioni e di vittorie. Domenica prossima, dopo trentasei...

Motori

Messico e Favole: la prima vittoria in F1 di Berger e della Benetton Compie oggi 62 anni Gerhard Berger, il pilota austriaco della Formula...

Motori

Enzo Ferrari: Storia d’Inverno Il nostro tributo alla leggenda Enzo Ferrari nel giorno della sua morte, datata 14 agosto 1988. “Perché a vent’ anni...

Motori

Nuvolari, quel giorno d’agosto Tazio Nuvolari è una scia di polvere, una di quelle che non vedremo mai nelle corse moderne, che la maggior...

Motori

Alpine e Ocon: una prima vittoria nel segno dello spirito di squadra L’immagine di Esteban Ocon sollevato in trionfo dal compagno di squadra Fernando...

Motori

Ungheria ’86: “IL” Sorpasso Come quando correva Nelson Piquet, che solo a pronunciarne il nome sentivi che nessun’altra parola potesse avere una sequenza di...

Motori

Domenica 12 agosto 1990. Cinque settimane dopo la fine delle ‘Notti magiche’ si disputava il Gran Premio d’Ungheria, con gli occhi del mondo puntati...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro