Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

NOSHEEN HANAAN: UNA FAVOLA INTERROTTA DALLA GUERRA

Fin da piccolo, aveva sempre sognato di fare il calciatore. Di diventare il numero 1 della sua nazionale, la Siria. E fino a quando la guerra non è entrata nella sua vita, come in quella di tutti i siriani, il suo sogno stava diventando realtà.

Nosheen Hanaan, originario di Aleppo, sarebbe infatti potuto diventare il portiere della nazionale siriana. Si era guadagnato la stima del tecnico Fajr Ibrahim, dopo aver difeso la porta della formazione in cui militava, l’Al Hurriya, una squadra locale a nord di Aleppo. Era considerato più o meno da tutti, una “budding star”, un campione in erba.

Fino a quando la guerra, maledetta guerra, non è arrivata a rovinargli la vita. Distruggendo le sue ambizioni, come quelle di tanti altri calciatori di belle speranze come lui. In molti, infatti, tra i calciatori, hanno deciso di lasciare il Paese: chi, perché contrario al regime di Assad; chi perché voglioso di continuare a giocare, lontano dalle bombe e dagli spari.

La guerra ha danneggiato lo sport siriano, molte famiglie hanno paura a mandare i loro figli in una delle squadre locali” avrebbe detto Maj. Gen. Mowafaq Joumaa, responsabile per lo sport nel governo di Assad, come riporta il sito di Al-Arabiya. Tra coloro (si stima oltre 1 milione di siriani) che sono scappati dalla guerra per cercare rifugio in Libano, ci sarebbero stati anche alcuni ex calciatori che avrebbero formato una “squadra in esilio”, con la speranza di poter diventare “la nazionale siriana” una volta caduto il regime di Assad.

Anche Nosheen Hanaan è stato costretto a lasciare prima il calcio e poi la Siria. E’ successo nel 2012, quando i combattimenti sono arrivati fino ad Aleppo, la sua città. Nell’estate del 2012, la cittadina siriana, al confine con la Turchia, divenne infatti teatro di sanguinosissimi scontri tra il FSA (Free Syrian Army) e le milizie governative di Assad. A quel punto anche Hanaan decise di abbandonare il suo Paese.

“Non ho avuto neanche il tempo di prendere le cose dentro casa” . E da quel momento, la sua vita è cambiata. Ed è iniziato un lungo peregrinare. Dapprima, verso nord, lungo il confine con la Turchia. Per intere settimane. Fino al primo “rifugio”: un fienile, condiviso con altre dodici persone. “Senza bere né mangiare, accovacciato, l’uno vicino all’altro” avrebbe ricordato ad un emittente araba.

Poi, l’arrivo in Iraq, passando dalla Turchia. Nella città di Erbil, la capitale a nord della regione abitata dai curdi. Senza casa, ma sano e salvo. Lì, ad Erbil, Hanaan ha così potuto mettersi alla ricerca di un lavoro, per “poter mandare i soldi alla mia famiglia rimasta in Siria”. Niente che abbia a che fare con il calcio. Dato che per legarsi ad una società locale, avrebbe bisogno di un permesso del governo di Assad. Fino a quando, alla fine, l’opportunità di lavoro è arrivata.

Hanaan ha potuto così iniziare a lavorare come cameriere in un bar. E, una volta alla settimana, dopo il lavoro, una partita a calcio con i suoi colleghi. Per continuare a vivere quel che resta di un sogno. Anche se, il primo a non crederci più, sembra proprio lui.

“Penso che il mio sogno è finito” avrebbe ammesso. Già. Maledetta guerra.

FOTO: www.saudigazette.com.sa

social banner

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Slavisa Zungul, il Maradona del Calcio Indoor Compie oggi 67 Slavisa Zungul, un nome ed un cognome che a tanti milioni di appassionati di...

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Compie oggi 56 anni José Luis Chilavert, leggendario portiere del Paraguay. Per celebrarlo vi raccontiamo un aneddoto davvero...

Calcio

21-6-1978, Argentina-Perù: Marmellata rosso sangue Se è vero che ogni edizione della Coppa del Mondo ha avuto il suo sottoscala, lo sgabuzzino dove si...

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La chiamarono la Guerra del Calcio Il 14 Luglio 1969 iniziava quella che viene definita la “Guerra del Calcio” tra Honduras e El Salvador....

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro