Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Non tifate Uruguay

Per carità. Non tifate Uruguay. 
La squadra non ha nulla di affascinante, non è alla moda. Non è una squadra trendy. No, assolutamente no.
Parliamo di una squadra che nel 1924 vinse la sua prima medaglia olimpica, grazie ad un gol di Hector Scarone. Scarone è profondamente in litigio con un’altra star della squadra celeste, a quel tempo. René “Tito” Borjas. Non si parlano. Solo che al 73’, sul risultato di 1-1, Borjas fa un passaggio a Scarone che arriva da dietro. Deve però urlargli che è sua. Allora è costretto a parlargli e lo fa con tutto l’affetto e l’odio messi insieme. Gli urla “tuya Hector!”. Gli affida la palla della vittoria e fa bene. Scarone segna, i due sciolgono il rancore.
Da allora in Uruguay, per far pace, per dire a qualcuno che ti fidi davvero di lui oltre ogni dubbio, da allora, si dice solo “tuya Hector”, non occorre altro.

Una squadra che nel 1950 doveva placidamente consegnarsi alla storia, come vittima sacrificale del Brasile che doveva essere campione del mondo nel suo stadio, il Maracanà. Negli spogliatoi il console Uruguaiano portò le riviste brasiliane che recitavano le condoglianze all’Uruguay senza ancora aver giocato. E Obdulio Varela, il capitano, pisciò sopra al giornale che gli diedero, caricò i suoi e gli disse “Cumplimos si somos campeones”, facciamo il nostro dovere solo se vinciamo. E vinsero, dopo essere passati in svantaggio. Vinse dicendo ai suoi “non guardate in alto, non guardate lo stadio, ci siamo solo noi e il campo”. Vinse e si pentì. Perchè poi passò la notte tra i bar di Rio, a vedere la gente disperata per un lutto nazionale, una tragedia sportiva e disse a se stesso che no, mai più avrebbe rovinato la festa di un intero paese, la vittoria come fantasma da scacciare.

Che da sempre porta con sé la Garra Charrùa, la grinta tipica Uruguaiana di non mollare mai, la garra è l’artiglio, i Charrùa, una popolazione sterminata per essersi opposta al colonialismo nel 1800.
C’è Oscar Tabarez “El maestro” che li guida, pur essendo affetto dalla sindrome di Guillain-Barré, una malattia degenerativa neurologica, che lo costringe alle stampelle e ad una vita sempre più difficile.

E ci sono le storie di chi entra in campo, El pistolero Suarez che non è uno stinco di santo, ma non incrocia mai le braccia, non lo vedi mai desistere. L’attaccante che si sbraccia dalla panchina in una partita che la sua nazionale sta perdendo, vorrebbe entrare, semplice problema: si era scordato che si trovava lì per guardarla la partita, era infortunato e non era in rosa nelle convocazioni. Ma lui voleva esserci. C’è Matias Vecino, ogni volta gioca per due, per lui e per il padre, calciatore, morto in un incidente stradale quando lui aveva 14 anni e voleva essere un calciatore di cui Mario, il papà, fosse orgoglioso.

O quando vinsero la Coppa America 2011 in Argentina. Con “El maestro” in panchina. Tornarono a casa e festeggiarono allo stadio di Montevideo, alle 3 di notte. Il centravanti di allora, Diego Forlan, scrisse per scherzo su twitter che la squadra non aveva ancora cenato, lo stadio fu inondato dalle pizze, che avevano mandato centinaia di pizzerie che risposero ad un “appello-non appello”. E quando vinsero quel titolo del 2011, il premio fair play fu assegnato a Diego Lugano. Che ha la faccia d’angelo, ma picchia come un fabbro. E il suo compagno Abreu disse: “è come dare il Nobel per la pace a Bin Laden”.

Ecco, per favore, se amate il calcio da fighetti, di chi si lamenta appena sfiorato, di chi vince non lottando, di chi non crede che si possa sfidare l’inferno e portare pure la pelle a casa, perchè tanto non c’è nulla da perdere, non tifateli, oggi contro la Francia al quarto di finale dei mondiali. Lasciateci spazio, che stiamo più larghi.

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Enzo Francescoli, il Principe che giocava da Re “In Sardegna, tra gente rimasta appartata e quasi isolata dal resto del mondo, si prolunga, più...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Altri Sport

A tu per tu con Isolde Kostner, la leggenda dello sci azzurro In questo caotico ed indecifrabile momento che sta vivendo il Paese, tra...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 17 Dicembre 1963 Lev Yashin, fenomenale portiere russo, vinceva il Pallone d’Oro davanti a Gianni Rivera e...

Calcio

La calma di Kuba Compie oggi 35 anni Jakub Błaszczykowski, il calciatore polacco la cui infanzia è stata straziata da una tragedia che avrebbe...

Snooker

Quella sera al Gallia di Milano, la «prima» dello snooker in italia (quinta parte): un duello in punta di stecca All’EXCELSIOR HOTEL GALLIA, di...

Calcio

Sempre jogando, Dirceu – Non spiegherei la felicità a un bambino. Gli darei un pallone. – Dorothee Solle Qualcuno pensò, in fondo a ragion...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Sandro Mazzola racconta Messico 1970 Sandro Mazzola fu uno dei calciatori più rappresentativi dell’Italia vicecampione del mondo nel 1970. Coprotagonista con Gianni Rivera della...

Calcio

Kasper non ha paura Compie oggi 34 Kasper Schmeichel, il portiere danese del Leicester che ha dovuto convivere tutta la sua carriera con la...

Altri Sport

Stefania Belmondo: a tu per tu con la “Trapulin d’oro” dello sci italiano Il mondo dello sport riparte con fatica tra la seconda ondata...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro