/

Non potendo farlo sullo sport, si scommette anche sul Coronavirus

Inizia la lettura
/
2 mins read

Non potendo farlo sullo sport, si scommette anche sul Coronavirus

Gli scommettitori possono scommettere su casi quotidiani di coronavirus su siti Web di gioco d’azzardo illegali.

I giocatori d’azzardo impossibilitati a piazzare scommesse su eventi sportivi che sono stati cancellati dall’esplosione mondiale del Coronavirus si sono rivolti a siti Web di gioco d’azzardo che offrono quote sui casi di  Covid-19.

I giocatori d’azzardo affamati di adrenalina hanno trasformato la pandemia globale in un’opportunità per esaudire i loro desideri. I bookmakers offrono mercati macabri con quote aperte  sul numero di persone che saranno infettate in un determinato paese in un determinato giorno.

Alcuni siti offrono agli scommettitori la possibilità di guadagnare denaro per stabilire se i casi di coronavirus confermati da un Paese per il giorno successivo saranno pari o dispari.

L’emergere di tali scommesse  arriva quando il mercato globale delle scommesse si è fermato a causa della diffusa cancellazione di eventi sportivi. Secondo gli psichiatri l’atto del gioco d’azzardo innesca i centri del piacere nel cervello, rilasciando sostanze neurochimiche che danno ai giocatori compulsivi un senso di ricompensa e soddisfazione.

I ludopatici, infatti, hanno bisogno di questo tipo di piacere su base regolare. Come un alcolizzato che all’improvviso si ritrova incapace di permettersi whisky e deve accontentarsi di vino scadente, i giocatori problematici che non possono scommettere nei casinò o sulle sport prenderanno tutto ciò che è disponibile.

Altri bookmakers, invece, offrono quote su eventi legati in modo più tenue alla pandemia. Tra queste  la possibilità di scommettere su quando alcune compagnie aeree riprenderanno i voli verso determinati paesi.

Scommettere sul numero di casi Covid-19 quotidiani è meschino, ma nella mente di un giocatore d’azzardo è solo un’altra strada per quello che sostengono sia un gioco di abilità e per esaudire un proprio bisogno di piacere psicologico.

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo.
Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Articoli recenti a cura di