Connect with us

Cerca articoli

Calcio

“Non ho l’età, per stupirti, non ho l’età”: i Media a caccia (a tutti i costi) del nuovo Maradona

L’ultima storia di calcio arriva dalla Scozia. Karamoko Dembelè, anni 13, esordisce nel campionato Under 20 con i Celtic Glasgow. Maglietta troppo larga, calzoncini troppo lunghi. Non ho l’eta, per dribblare, non ho l’età. Eppure, Dembelè fa saltare il banco. Dribbling, tocco di palla, visione di gioco. Il ragazzino ha classe cristallina. Vero, ma ha anche 13 anni. Pochi ma quanto bastano, perché il web si innamori del regista trequartista capace di giocare alla pari con avversari più grandi e grossi di lui…tutto bello. Attenzione, però, alle controindicazioni.

screen-shot-2016-10-03-at-23-47-15

Il canovaccio è noto. Circolano primi video, i primi “ohhh”. E inizia lo show. Rombo dei motori di ricerca, pronti via: a colpi di tastiere, touch e condivisioni c’è solo un titolo. Dembelè è “il nuovo Messi”.

Calma. In quella maglia XXXL ci deve essere,  guai se non fosse così, spazio per i sogni. Karamoko però è un bambino. E, in quanto tale, andrebbe protetto dalla rete “social”. Incastrarsi è facile quanto pericoloso.

maxresdefault

Nuovi Messi(a), del resto, sono stati visti e dimenticati: l’ultimo della lista è Hachim Mastour, classe 1998. Calciatore marocchino: a 14 anni stupisce nella Reggiana. A 15 Il Milan lo fa suo a 16 esordisce in nazionale. I titoloni sinora, sono molto più numerosi rispetto alle prodezze sul campo. In rossonero è aggregato addirittura alla prima squadra fra lo stupore e l’interesse. Il ragazzo, però, fatica. La sua stella si eclissa. Finisce in prestito al Malaga. Prestito biennale, diritto di riscatto non esercitato. I rossoneri non ci credono più: gioca nello Zwolle, in Eredivisie, olandese. Il tempo, ovviamente, è dalla sua. Risalire, si può.

Chi ha rischiato il precipizio è Vincenzo Sarno. Nato a Secondigliano, nel 1988. Nel 1996, a 8 anni lo “scugnizzo” incanta tutti. E giù i titoloni: “il nuovo Maradona”. Il Torino sborsa 120 milioni di euro per aggregarlo ai pulcini. Il bambino prodigio resta una promessa. Soffre e ritorna a casa. A 16 è scartato dalla Roma e  si ritrova in piena crisi d’identità. Inizia un pellegrinaggio ai margini del sogno: Sangiovannese, Giulianova, Brescia, Potenza, Reggina, Lanciano, Chiavari. Trova la sua dimensione a Foggia, a 28 anni. “Il calcio mi ha tolto la serenità”. Masticato e buttato via come un chewingum.

Due esempi, una morale: la sottocultura preme forte e punta a trasformare un prodigio in una Baby Star. Meglio evitare, se possibile, la ricerca frenetica-ossessiva del Fenomeno. Dietro al Re Messi c’è un esercito di ragazzini delusi, minati nell’autostima e privati della serenità. Piuttosto che esaltare Dembelè è doveroso augurargli di giocare e vivere con serenità la sua età. Se sarà il nuovo Messi, e non si può che augurarglielo, lo scopriremo presto. Intanto, si diverta.

bannerdna

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La C2 del Licata e le origini di “Zemanlandia” Dilectissima. Così nel XIII° secolo Federico II di Svevia appellò Licata, cittadina in provincia di...

Calcio

Quando Zinedine Zidane poteva andare al Milan Compie oggi 49 anni Zinedine Zidane, il fenomeno franco algerino, attuale allenatore del Real Madrid, con il...

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

Mexico ’86, 22 Giugno: Maradona racconta la “Mano de Dios” Il 22 Giugno 1986 durante in Mondiali in Messico Diego Armando Maradona segna il...

Calcio

A tu per tu con Mauro Suma A Tu per Tu con Mauro Suma, noto giornalista di fede rossonera. Suma inizia la sua carriera...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Sta avendo enorme successo il film da poco uscito su Netflix “Il Divin Codino”, dedicato alla vita di...

Calcio

Lunedì 3 febbraio 1964. Una data importante nella storia gigliata. Non ci riferiamo alla conquista di scudetti o trofei, ma il giorno dopo il...

Calcio

Per cucire il filo di una memoria basta un Ago Il 30 Maggio 1994 moriva Agostino Di Bartolomei, indimenticabile Capitano della Roma dello Scudetto,...

Calcio

I calciatori e i loro demoni: quanti campioni rovinati dal vizio Compie oggi 54 anni Paul Gascoigne, il talentuoso calciatore inglese la cui vita...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Compie oggi 66 anni Claudio Garella, iconico portiere del Napoli Campione d’Italia, famoso per il suo modo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro