Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Non è tutto “Argento” quello che luccica: i motivi della crisi albiceleste

Argentina, che mistero: sulla carta, fortissima. Sul campo, impalpabile. I tre schiaffoni rimediati in Brasile ne acuiscono i mali. Ad oggi, l’albiceleste non giocherebbe i Mondiali. Uno scenario apocalittico: ma perché l’Argentina non vince mai? E che problemi ci sono in patria?

In primis, la disorganizzazione: la Federcalcio ha un “buco” di 30 milioni di euro e sino al 2017 è in regime di “spending review”. L’ultima soluzione per ridurre le spese è cervellotica: un campionato a 30 squadre per allinearsi al calendario europeo e non alterare gli esiti sportivi condizionati dal calciomercato. E la progettualità? Può farsi benedire da Papa Francesco.

In Argentina ogni club vende 6-7 giocatori l’anno, reinveste solo una minima parte dei ricavi delle cessioni e, per non scontentare la piazza, richiama qualche vecchia gloria a parametro zero. L’unico obiettivo è valorizzare talenti. Basta scorrere le rose della “Primera division”: un inno alla speranza. Nel senso che si spera siano notati e pagati dai ricchi club oltreoceano. Risultato: campionati dai verdetti estemporanei e un movimento di base che non cresce e riesce a trattenere i propri campioni.

In effetti, i talenti non mancano. Specialmente attaccanti: questione di selezione naturale. Da queste parti la via della rete è infestata da mediani e difensori che attenterebbero anche alle caviglie delle loro madri. Chi segna in Argentina, ci riesce ovunque. Chi difende a quelle latitudini, collezionerebbe, altrove, più rossi che presenze. Urge un allineamento del metro arbitrale ai canoni del calcio internazionale.

E poi, l’ambiente:  l’Argentina è zeppa di campioni che hanno vinto trofei ovunque, tranne che con la nazionale. E per questo sono “gilipollas”, o “gonorreas”, traducibile in stronzi che DEVONO restituire alla madrepatria le gioie regalate ai loro club europei. Messi e compagni sono attesi al varco, piuttosto che sostenuti, e costretti a dribblare anche i fantasmi. Uno particolarmente ingombrante:  Diego Armando Maradona, incubo per chi indossa la “camiceta” albiceleste. Lui è D10S: ha vinto da solo i mondiali messicani, unico fuoriclasse fra criminali prestati al calcio e due o tre individualità di spessore.

E dunque, perché, questa nazionale, molto più forte rispetto a quella del 1986, osa non vincere? Chi non emula Diego, è destinato al tritacarne mediatico. Chiedere a Messi e Higuain. Hanno ciccato i palloni che avrebbero condotto l’Argentina in cima al mondo e al Sudamerica. E per questo sono maldecidos y odiados. Maledetti e odiati.

Il problema, dunque, non è nei piedi, quanto nella testa. Soluzioni? L’unica medicina è vincere. Anche la presunzione. Stampa e addetti ai lavori non tollerano l’idea di affidarsi a un tecnico straniero. L’Argentina agli argentini. Forse, un selezionatore impermeabile all’ambiente e alle pressioni potrebbe essere utile: del resto, il talento non manca.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Dario

    Novembre 15, 2016 at 1:56 pm

    Assolutamente d’accordo, il tema principale è la progettualità. Da Maradoniano convinto, ritengo anche che questa Argentina sia superiore nelle individualità a quella del 1986, ma paga il poco carisma del Capitano, Leo Messi, a detta di molti poco argentino e molto catalano. Non dimentichiamoci che la Pulce nel Barcelona per molto tempo non è stato nella triade dei capitani e anche adesso nel vestuario la voce che più conta è quella di Mascherano, ribattezzato, non a caso, dai tempi del River, El Jefecito

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Interviste

A tu per tu con Antonio Cairoli Abbiamo avuto l’onore e il piacere di intervistare Antonio Cairoli, uno dei più grandi piloti di motocross...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Calcio

A tu per tu con Eleonora Cristiani, tra social calcio e Cosenza Abbiamo intervistato Eleonora Cristiani, volto noto della Serie B. Eleonora, tifosissima del...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Calcio

Dominique Rocheteau, elegante anarchia – L’operaio si lava le mani prima di pisciare e l’intellettuale dopo – Jacques Prévert I cliché che riguardavano la...

Altri Sport

Ride bene chi ride ultimo: i Campioni che hanno vinto la battaglia contro il Bullismo In occasione della Giornata nazionale contro il Bullismo e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro