Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Non è tutto “Argento” quello che luccica: i motivi della crisi albiceleste

Argentina, che mistero: sulla carta, fortissima. Sul campo, impalpabile. I tre schiaffoni rimediati in Brasile ne acuiscono i mali. Ad oggi, l’albiceleste non giocherebbe i Mondiali. Uno scenario apocalittico: ma perché l’Argentina non vince mai? E che problemi ci sono in patria?

In primis, la disorganizzazione: la Federcalcio ha un “buco” di 30 milioni di euro e sino al 2017 è in regime di “spending review”. L’ultima soluzione per ridurre le spese è cervellotica: un campionato a 30 squadre per allinearsi al calendario europeo e non alterare gli esiti sportivi condizionati dal calciomercato. E la progettualità? Può farsi benedire da Papa Francesco.

In Argentina ogni club vende 6-7 giocatori l’anno, reinveste solo una minima parte dei ricavi delle cessioni e, per non scontentare la piazza, richiama qualche vecchia gloria a parametro zero. L’unico obiettivo è valorizzare talenti. Basta scorrere le rose della “Primera division”: un inno alla speranza. Nel senso che si spera siano notati e pagati dai ricchi club oltreoceano. Risultato: campionati dai verdetti estemporanei e un movimento di base che non cresce e riesce a trattenere i propri campioni.

In effetti, i talenti non mancano. Specialmente attaccanti: questione di selezione naturale. Da queste parti la via della rete è infestata da mediani e difensori che attenterebbero anche alle caviglie delle loro madri. Chi segna in Argentina, ci riesce ovunque. Chi difende a quelle latitudini, collezionerebbe, altrove, più rossi che presenze. Urge un allineamento del metro arbitrale ai canoni del calcio internazionale.

E poi, l’ambiente:  l’Argentina è zeppa di campioni che hanno vinto trofei ovunque, tranne che con la nazionale. E per questo sono “gilipollas”, o “gonorreas”, traducibile in stronzi che DEVONO restituire alla madrepatria le gioie regalate ai loro club europei. Messi e compagni sono attesi al varco, piuttosto che sostenuti, e costretti a dribblare anche i fantasmi. Uno particolarmente ingombrante:  Diego Armando Maradona, incubo per chi indossa la “camiceta” albiceleste. Lui è D10S: ha vinto da solo i mondiali messicani, unico fuoriclasse fra criminali prestati al calcio e due o tre individualità di spessore.

E dunque, perché, questa nazionale, molto più forte rispetto a quella del 1986, osa non vincere? Chi non emula Diego, è destinato al tritacarne mediatico. Chiedere a Messi e Higuain. Hanno ciccato i palloni che avrebbero condotto l’Argentina in cima al mondo e al Sudamerica. E per questo sono maldecidos y odiados. Maledetti e odiati.

Il problema, dunque, non è nei piedi, quanto nella testa. Soluzioni? L’unica medicina è vincere. Anche la presunzione. Stampa e addetti ai lavori non tollerano l’idea di affidarsi a un tecnico straniero. L’Argentina agli argentini. Forse, un selezionatore impermeabile all’ambiente e alle pressioni potrebbe essere utile: del resto, il talento non manca.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Dario

    Novembre 15, 2016 at 1:56 pm

    Assolutamente d’accordo, il tema principale è la progettualità. Da Maradoniano convinto, ritengo anche che questa Argentina sia superiore nelle individualità a quella del 1986, ma paga il poco carisma del Capitano, Leo Messi, a detta di molti poco argentino e molto catalano. Non dimentichiamoci che la Pulce nel Barcelona per molto tempo non è stato nella triade dei capitani e anche adesso nel vestuario la voce che più conta è quella di Mascherano, ribattezzato, non a caso, dai tempi del River, El Jefecito

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Chapecoense 4 anni dopo: storia di un sogno rimasto in bianco e nero Il 28 Novembre 2016 l’aereo con a bordo la squadra brasiliana...

Calcio

Guido Masetti, “primo portiere”, oggi più di ieri Il 27 novembre 1993 ci salutava Guido Masetti, storico portiere della protagonista del primo scudetto giallorosso....

Calcio

Dieci e non più dieci Germogliano i fiori, in mezzo ai rifiuti,  Per ogni rimbalzo che resta immacolato; Tra terra battuta, tra il fango e...

Calcio

Il calcio secondo Bernardo Bertolucci Il 26 novembre 2018 ci lasciava, all’età di 77 anni, Bernardo Bertolucci, il regista parmigiano, autore di alcuni capolavori...

Integratori

7 integratori necessari per una dieta vegana  Una preoccupazione comune delle diete vegane è se forniscono al tuo corpo tutte le vitamine e i...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Non sono andato a letto presto: Vita e Assist di Gianfranco Zigoni Compie oggi 76 anni Gianfranco Zigoni, iconico calciatore anni 70, capace di...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro