Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Non è tutto “Argento” quello che luccica: i motivi della crisi albiceleste

Argentina, che mistero: sulla carta, fortissima. Sul campo, impalpabile. I tre schiaffoni rimediati in Brasile ne acuiscono i mali. Ad oggi, l’albiceleste non giocherebbe i Mondiali. Uno scenario apocalittico: ma perché l’Argentina non vince mai? E che problemi ci sono in patria?

In primis, la disorganizzazione: la Federcalcio ha un “buco” di 30 milioni di euro e sino al 2017 è in regime di “spending review”. L’ultima soluzione per ridurre le spese è cervellotica: un campionato a 30 squadre per allinearsi al calendario europeo e non alterare gli esiti sportivi condizionati dal calciomercato. E la progettualità? Può farsi benedire da Papa Francesco.

In Argentina ogni club vende 6-7 giocatori l’anno, reinveste solo una minima parte dei ricavi delle cessioni e, per non scontentare la piazza, richiama qualche vecchia gloria a parametro zero. L’unico obiettivo è valorizzare talenti. Basta scorrere le rose della “Primera division”: un inno alla speranza. Nel senso che si spera siano notati e pagati dai ricchi club oltreoceano. Risultato: campionati dai verdetti estemporanei e un movimento di base che non cresce e riesce a trattenere i propri campioni.

In effetti, i talenti non mancano. Specialmente attaccanti: questione di selezione naturale. Da queste parti la via della rete è infestata da mediani e difensori che attenterebbero anche alle caviglie delle loro madri. Chi segna in Argentina, ci riesce ovunque. Chi difende a quelle latitudini, collezionerebbe, altrove, più rossi che presenze. Urge un allineamento del metro arbitrale ai canoni del calcio internazionale.

E poi, l’ambiente:  l’Argentina è zeppa di campioni che hanno vinto trofei ovunque, tranne che con la nazionale. E per questo sono “gilipollas”, o “gonorreas”, traducibile in stronzi che DEVONO restituire alla madrepatria le gioie regalate ai loro club europei. Messi e compagni sono attesi al varco, piuttosto che sostenuti, e costretti a dribblare anche i fantasmi. Uno particolarmente ingombrante:  Diego Armando Maradona, incubo per chi indossa la “camiceta” albiceleste. Lui è D10S: ha vinto da solo i mondiali messicani, unico fuoriclasse fra criminali prestati al calcio e due o tre individualità di spessore.

E dunque, perché, questa nazionale, molto più forte rispetto a quella del 1986, osa non vincere? Chi non emula Diego, è destinato al tritacarne mediatico. Chiedere a Messi e Higuain. Hanno ciccato i palloni che avrebbero condotto l’Argentina in cima al mondo e al Sudamerica. E per questo sono maldecidos y odiados. Maledetti e odiati.

Il problema, dunque, non è nei piedi, quanto nella testa. Soluzioni? L’unica medicina è vincere. Anche la presunzione. Stampa e addetti ai lavori non tollerano l’idea di affidarsi a un tecnico straniero. L’Argentina agli argentini. Forse, un selezionatore impermeabile all’ambiente e alle pressioni potrebbe essere utile: del resto, il talento non manca.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Dario

    Novembre 15, 2016 at 1:56 pm

    Assolutamente d’accordo, il tema principale è la progettualità. Da Maradoniano convinto, ritengo anche che questa Argentina sia superiore nelle individualità a quella del 1986, ma paga il poco carisma del Capitano, Leo Messi, a detta di molti poco argentino e molto catalano. Non dimentichiamoci che la Pulce nel Barcelona per molto tempo non è stato nella triade dei capitani e anche adesso nel vestuario la voce che più conta è quella di Mascherano, ribattezzato, non a caso, dai tempi del River, El Jefecito

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Il senso di Lukaku per la vita Compie oggi 28 anni Romelu Lukaku, il colosso belga dell’Inter. Le sue battaglie in campo sono lo...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Calcio

Bob Marley: il Reggae nella mente, il Calcio nel cuore L’11 maggio 1981 moriva il leggendario cantante reggae Robert Nesta Marley. Da tutti conosciuto...

Calcio

A modo suo: “El Trinche” Carlovich L’8 maggio 2020 ci salutava, vittima di una rapina, “El Trinche” Carlovich, iconico giocatore argentino che ha sempre...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Snooker

Stephen Hendry, l’inizio del dominio (seconda parte) In  casa Hendry tutto fila per il verso giusto, così almeno sembra e i ragazzi crescono bene,...

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 30 Aprile 1945 nel suo bunker di Berlino, Adolf Hitler si suicidava a 56 anni...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 30 aprile 1989 ci lasciava uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro