Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Niente più scommesse: l’Antimafia prova a frenare il Match Fixing che affoga i campionati minori

Un nuovo taglio in serie C. E questa volta non si parla di squadre che non riescono ad arrivare a fine campionato. La questione è puramente morale. La terza serie del calcio italiano è l’humus ideale per il fenomeni del match fixing: solo lo scorso anno, più di 1300 segnalazioni. E il trend non sembra destinato ad una inversione.

Commissione antimafia

Il vaso di Pandora è stato aperto dalla commissione antimafia: uno scenario preoccupante che, al netto delle infiltrazioni della malavita organizzata, registra numeri preoccupanti. Diverse quote che crollano, anche di diversi decimali. Partite decise da episodi dubbi, presenze più o meno inquietanti a bordo campo, o peggio, nell’organigramma dirigenziale di una serie C che mai come adesso rischia di soffocare nella morsa del malaffare. La Lega, non a caso, ha siglato un accordo con la Polizia Giudiziaria e la AAMS per difendersi dai pericoli, provenienti specialmente dall’Est Europa. Il flusso di denaro è imponente: fra i 1000 e 1.500 miliardi. Nel mondo asiatico si colloca il 65% delle giocate mondiali mentre in Italia ci si “limita” ai 90 miliardi di euro. Quanto basta per interessare la malavita. Del resto, il calcio è una straordinaria “lavatrice” e la punizione per chi altera le partite è risibile rispetto ai reati per traffico di stupefacenti o altre attività che hanno un rientro economico pari alle scommesse. Per questo, l’inchiesta dell’Antimafia potrebbe portare al divieto per i concessionari italiani di aprire scommesse su Lega Pro e Dilettanti.



Perché proprio in serie C

Il fenomeno del match fixing è dilagante quanto spiegabile. La stragrande maggioranza di calciatori di serie C percepisce stipendi lontani anni luce dall’immaginario collettivo e dallo stereotipo del calciatore ricco e famoso. Anzi, spesso si parla di stipendi pagati in ritardo o addirittura mai percepiti da società sul perenne orlo del fallimento. Una condizione che genera la necessità di arrotondare, anche in modi più o meno leciti. E così, sfruttando la varietà di scommesse a disposizione (si può giocare dal numero di calci d’angolo sino ai cartellini gialli, passando attraverso la prima rimessa laterale o il numero pari o dispari dei tiri in porta) è possibile alterare, in modo più o meno evidente il match. E la regola che impedisce ai tesserati di scommettere è facilmente aggirabile attraverso congiunti o amici. Un gorgo che rischia di inghiottire regolarità e credibilità dei campionati.

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Quando parliamo di tour de France e di Marco Pantani, non...

Calcio

21-6-1978, Argentina-Perù: Marmellata rosso sangue Se è vero che ogni edizione della Coppa del Mondo ha avuto il suo sottoscala, lo sgabuzzino dove si...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 6 luglio 1967 l’esercito nigeriano entra nella regione del Biafra, dando...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Inizia oggi da Brest l’edizione numero 108 del Tour de France. La grande...

Altri Sport

Lou Gehrig, lo Sportivo che ci ha fatto conoscere la SLA Per la Giornata Mondiale per la lotta alla Sla che si celebra oggi,...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro