Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Nicolò Zaniolo: quei gesti che ci mancavano

Nicolò Zaniolo: quei gesti che ci mancavano

La notte di Roma-Porto, fredda e serena, per l’Europa del calcio ha avuto i connotati della rivelazione. Magari non per tecnici e addetti ai lavori, che delle qualità di Nicolò Zaniolo se ne erano accorti già da tempo. Ma per il pubblico allargato, quello degli appassionati che seguono le dirette sulle pay tv o dei più indaffarati che devono limitarsi agli highlights, la prestazione fornita dal ragazzo del ’99 ha rappresentato l’apertura di un orizzonte verso il quale lo sguardo non si era ancora posato.

E’ ridondante, qui, ripassare le doti che danno spessore al gioco del giovane lanciato da Di Francesco in Champions League al Santiago Bernabeu lo scorso 19 settembre, quando ancora non aveva esordito in serie A. Una prestanza fisica ai limiti dell’esuberante, inusuale per un calciatore della sua età, combinata a una qualità tecnica superiore non sarebbero sufficienti a spiegare le giocate ariose di un ragazzo che declina sul campo gli aspetti migliori della sua gioventù fatta di semplicità ed efficacia. E’ questo che affascina maggiormente del modo di interpretare il calcio di Zaniolo: la scioltezza con cui scende in campo, la leggerezza con la quale accoglie le responsabilità che allenatore e compagni gli hanno gradualmente assegnato per virtù di leadership naturale. Più del fisico e della tecnica, la vera forza di Nicolò sembra risiedere nelle qualità mentali che governano i suoi comportamenti e che, più delle doti innate, sembrano essere garanzia di un futuro da campione del quale, dopo la notte di Champions, in pochi riescono a dubitare.

Oltre agli aspetti tecnici, però, agli amanti del calcio di vecchia data non sarà sfuggita un’altra specifica che tratteggia la figura di questo novello golden boy, ossia il modo con cui festeggia i suoi appuntamenti sempre più frequenti col gol. Maschere sul viso? Cuoricini disegnati a doppia mano tra pollici e indici? Salti in giravolta sempre con la medesima planata? Niente di tutto questo. Le celebrazioni di Zaniolo dopo un gol, coerenti col suo modo di giocare, traducono in gesti spontanei la gioia indescrivibile ai comuni mortali propria di quel momento. La corsa sotto la curva a braccia aperte richiama alla memoria le esultanze di un calcio che sembrava seppellito negli archivi del ventesimo secolo. La ricerca immediata del contatto con la gente, il salto slanciato a superare la “siepe” dei cartelloni pubblicitari, lo scatto adrenalinico per arrivare a incrociare le migliaia di sguardi travolti di gioia rendono i gol di questo ragazzo un meraviglioso spot del calcio pulito. La postura del suo corpo, col busto eretto e le braccia aperte, porta con sé ciò che tiene uniti tifosi e calciatori, padri e figli, amici lontani. E’ la ricerca di un abbraccio, senza difese né sovrastrutture; è apertura, accoglienza, ricerca del bello, ineluttabilità di una relazione. E’ il gesto di un figlio che ritorna a casa; è un respiro di montagna che profuma di bosco, un affaccio sul mare nelle mattinate di settembre. Un ritorno all’essenziale che manca al calcio di oggi, più contiguo, per chi lo dirige, alle dinamiche economico-finanziarie che alle emozioni che lo rendono così importante.

Quelle dinamiche che, nella notte di Champions, hanno velato il legame tra Zaniolo e i suoi tifosi, divisi tra la gioia del momento e il rischio di una ennesima, dolorosa separazione che la prossima sessione di calciomercato potrebbe condannarli a subire. Un equilibrio difficile tra ragione e sentimento, necessario da trovare per il benessere del calcio di oggi e del futuro, col quale lo stesso Zaniolo sarà chiamato a confrontarsi. Un equilibrio che non abbia a cuore solo i razionali dei bilanci e i guadagni da plusvalenze ma anche le ragioni dei tifosi che, in ultima analisi, quei bilanci li tengono in piedi. Una sfida difficile che non riguarda solo l’astro nascente del calcio italiano ma che può trovare con lui un nuovo modo di essere affrontata.

Paolo Valenti
A cura di

Giornalista e scrittore, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica a livello amatoriale applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo nell’ambito dell’emittenza televisiva romana. Nel 2018 ha pubblicato il romanzo Ci vorrebbe un mondiale – Ultra edizioni.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Quando James Rodriguez stava per andare al Bari Nell’estate del 2014 il colombiano James Rodriguez, dopo un grande Mondiale in Brasile disputato con la...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Franco Citti: l'”Accattone” che amava il calcio Il 14 gennaio 2016 moriva a 80 anni il grande Franco Citti. Per ricordarlo vi raccontiamo la...

Motori

Tanti auguri “Fisico”, ultimo patriota della Formula 1 231 gran premi disputati in Formula 1, 19 podi, 4 pole position e 3 gare vinte;...

Calcio

Jack Grealish: l’Orfeo di Birmingham Scorrendo le classifiche dei top campionati in giro per l’Europa non si può che restare ammaliati dal richiamo della...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra “Grande personalità, spiccate doti di comando, incuteva soggezione e a tratti anche...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 34 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato tre anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 3 gennaio 1929 nasceva uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone. Tutti...

Basket

36 anni del Re: LeBron James e il segreto dell’eterna giovinezza Compie oggi 36 anni LeBron James, il Re che anche quest’anno ha fatto...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro