Connect with us

Cerca articoli

Eventi

Niccolò Fabi incanta Catania: il tour “Una somma di piccole cose” è un successo

Uno spettacolo nello spettacolo: questo è stato il risultato del concerto “Una somma di piccole cose” targato Niccolò Fabi. Ben 7 minuti di applausi per il cantautore romano. Catania sold-out, si è concluso così il tour per ripercorrere vent’anni di successi. E sul palco lui: Fabi con la chitarra, insieme al cantautore torinese Alberto Bianco e alla sua band composta dai musicisti polistrumentisti: Damir Nefat, Filippo Cornaglia e Matteo Giai. Un Niccolò Fabi in grandissima forma, emozioni e sostanza. Un artista consapevole della sua sensibilità, capace di passare dalle tonalità indi a quelle giamaicane in un attimo, trascinando il pubblico con i suoi vecchi successi e l’entusiasmo degli esordi. Maturo ma ancora pieno di passione. Niccolò Fabi canta, balla, suona, emoziona e trascina in un concerto bellissimo. Vecchi successi del passato e del presente, da “Costruire” e “Lasciarsi un giorno a Roma” a “Una somma di piccole cose”, passando per “Ego”, “Elementare”, “E non è”, “Mimosa”, “Vento d’estate”, “Facciamo finta”, “Una buona idea”, “Ha perso la città”, “Una mano sugli occhi”, “Le chiavi di casa” e “Solo un uomo”, tanto per citarne alcuni. Vent’anni di successi e canzoni spesso riarrangiate, suonate insieme alla band che lo accompagna ormai da un anno. Brani come “Mimosa”, suonata al pianoforte, che mettono i brividi. Niccolò Fabi ha messo a nudo la su anima e sempre fedele a se stesso, con un colore di fondo costante e riconoscibile, ha fatto impazzire il pubblico regalando uno spettacolo indimenticabile. Il concerto, come tutto il tour è stato un vero trionfo. La gente ha cantato insieme a lui tutte le canzoni La sua voce è pura melodia, emozione allo stato puro che nutre l’anima. Più di due ore di musica ininterrotta e un repertorio vastissimo. Il risultato è un grandissimo spettacolo. Il cantautore si reinventa: introspettivo e a tratti struggente nell’intimissima versione di “Mimosa”, trascinatore in “Vento d’estate” dalla dimensione giamaicana e poi “Solo un uomo”, metamorfosi nella dissonanza della chitarra, esplosione in “Lasciarsi un giorno a Roma” e, per finire, meravigliosamente delicato in “Le chiavi di casa”.

Delicato, caldo, intenso, essenziale, esplosivo. I riferimenti musicali sono espliciti, c’è tutto il sapore del cantautorato indie folk statunitense, i testi, l’uso delle parole e delle melodie, sono la componente predominante, quasi dei piccoli trattati di anatomia psicologica che analizzano in modo molto lucido, a tratti spietato, dinamiche emotive personali e collettive, cantate con una leggerezza delicata ma potente. E la musica diventa farmaco contro il disagio sociale e la sofferenza.

Vent’anni di carriera racchiusi in otto album. Vent’anni di successi e una storia raccontata sul palco, quella di un uomo di nome Niccolò che, con la chitarra in mano, si racconta senza filtri. Racconta la sua vita, i suoi dolori e le sue gioie. Un percorso fatto di tappe, di paternità, di dolore e amore, dove l’unica destinazione è la libertà artistica e la sperimentazione. E il concerto è tutto questo: un viaggio nel tempo, un racconto di vita e, sullo sfondo, il grande cantautore.

Tanti applausi per lui e cori: qualcuno urla persino “Ci sei mancato…” quasi a testimoniare la dimensione intima che il cantautore è riuscito a creare con il suo pubblico. E il concerto si fa festa, ripercorre i ricordi, ricorda il passato, diventa poesia e si trasforma in energia. E anche Niccolò si emoziona. E sulle note Di “Lontano da me” saluta i fan. E, dopo quasi sette minuti di applausi, è l‘ultimo a lasciare il palco.

[foogallery id=”13959″]

 

Angela Failla
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 21 Settembre si celebra la Giornata Mondiale della Pace ONU. Per...

Calcio

Bob Marley a San Siro: il Re del Reggae nella casa di “Peppìn” Meazza Il 27 giugno 1980 Robert “Bob” Nesta Marley suonava allo...

Viaggi e Turismo

In Umbria, nel cuore verde dell’Italia, con i suoi 128 km² di superficie il lago Trasimeno bagna molti bellissimi borghi. Alcuni comuni si affacciano...

Viaggi e Turismo

In provincia dell’Aquila e poco fuori i confini del parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, sorge Scanno, uno dei borghi più belli d’Italia, nonché...

Viaggi e Turismo

A soli 7 chilometri da Santa Fiora un grazioso borgo medievale prende il nome di Arcidosso. L’area appartenente al comune omonimo è piuttosto vasta...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Il Lecce in Serie A non vale una rinascita per il calcio del Sud Italia La promozione dei pugliesi in Serie A...

Calcio

Ci siamo. Domani sarà il B-day il giorno in cui il Collegio di Garanzia del CONI, ultimo grado di giudizio, una Cassazione sportiva, si...

Eventi

In rotazione radiofonica con il nuovo singolo “ULTRALEGGERO” – scritto da Ivano Fossati –  GIANNI MORANDI si prepara all’attesissimo spettacolo che lo vedrà esibirsi...

Eventi

Record di presenze per Etna Comics 2018: con oltre 80 mila presenze si conclude l’ottava edizione del Festival Internazionale del Fumetto e della Cultura...

Eventi

Ballerina, attrice, cantante, creatura arcana. Una carriera iniziata entrando dalla “porta principale” grazie a Pippo Baudo. Ne è uscita come la donna più amata...

Eventi

Dopo il successo di RAPUNZEL il musical, parte da Milano, dal Teatro degli Arcimboldi, il musical LA REGINA DI GHIACCIO, con Lorella Cuccarini, ideato...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro