Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Come te nessuno mai: il “record” del Benevento travalica i confini nazionali

Altro che Stregoni, come da loro soprannome. L’incantesimo sta costando caro al Benevento, formazione al suo primo, storico campionato di Serie A. Per Lucioni e compagni l’avvio di stagione è stato un bagno di sangue: cinque sconfitte in altrettante partite e panchina di Marco Baroni, eroe della promozione nella scorsa stagione, che inizia a scricchiolare. La sconfitta del “Vigorito” contro la Roma, un sonante 0-4, nel turno infrasettimanale ha fatto il paio con il 6-0 incassato dal Napoli tre giorni prima al San Paolo. Numeri preoccupanti, quelli dei giallorossi, aggravati da una statistica della quale nel Sannio avrebbero certamente fatto a meno: stando a una classifica stilata dal quotidiano spagnolo Marca analizzando i cinque principali campionati d’Europa tra Serie A, Premier League, Liga, Bundesliga e Ligue 1, nessuno ha fatto peggio del Benevento, ultimo in una classifica virtuale composta da 98 squadre.

Alla qualifica di fanalino di coda della Serie A dopo cinque turni, infatti, si aggiunge il numero 0 alla voce “vittorie” e “pareggi”: ancora a secco di punti nei rispettivi campionati sono anche Colonia, Malaga e Crystal Palace, tre formazioni che possono però vantare una migliore differenza reti rispetto a quella del Benevento, pari a -13. Il Crystal Palace “vanta” un passivo di -8, il Malaga di -10 e il Colonia è a -12. Peggior squadra d’Europa, considerando i cinque principali campionati. E pensare che il campionato del Benevento era partito con un blitz sfiorato al “Ferraris” di Genova, dove una doppietta di Quagliarella aveva permesso alla Sampdoria di rimontare il provvisorio vantaggio di Amato Ciceretti. Una gioia illusoria, trasformatasi lentamente in una realtà con la quale fare i conti: le due partite interne consecutive contro Bologna e Torino, sfortunate negli episodi (legni e reti annullate), erano terminate con lo stesso punteggio. 0-1 per gli ospiti e zero punti in tasca per i padroni di casa.

Le 10 reti incassate in 72 ore contro Napoli e Roma hanno complicato il bilancio. Che non sarebbe stata un’annata semplice per una matricola come il Benevento, era semplice immaginarlo. Un avvio così complicato, però, non era nei programmi nemmeno dei più pessimisti. Che avranno tirato in ballo anche i ricorsi storici, legati all’antico nome della città: fino al 275 a.C. si chiamava infatti Maleventum, e fu l’episodio conclusivo delle guerre vinte dai Romani contro Pirro, re dell’Epiro, a determinarne l’inversione di significato.Il buon vento è quello che servirebbe in poppa alla formazione di Baroni, a partire dal prossimo impegno: domenica sarà tempo di sfidare il Crotone in trasferta, in quello che ha tutti i crismi di uno scontro diretto per la salvezza. Chissà che non sia il tempo di muovere la classifica e scrollarsi di dosso un record del quale a Benevento avrebbero fatto volentieri a meno.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Malafeev era un portiere Compie oggi 42 anni Vjačeslav Malafeev, ex calciatore dello Zenit San Pietroburgo. La sua storia è una lezione di vita...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Campioni di Politica: quando gli sportivi salgono al potere Provando a fare una rapida e poco approfondita considerazione socio-psicologica, non suona poi così strano...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Calcio

Sadio Mané, i pantaloncini più belli che (non) avevo – Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Il 14 Febbraio 2004 ci lasciava Marco Pantani, in circostanze ancora...

Basket

A tu per tu con Denis Marconato, il gigante azzurro Abbiamo intervistato Denis Marconato, ex cestista e attuale allenatore dell’Istrana che milita in serie...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro