Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Come te nessuno mai: il “record” del Benevento travalica i confini nazionali

Altro che Stregoni, come da loro soprannome. L’incantesimo sta costando caro al Benevento, formazione al suo primo, storico campionato di Serie A. Per Lucioni e compagni l’avvio di stagione è stato un bagno di sangue: cinque sconfitte in altrettante partite e panchina di Marco Baroni, eroe della promozione nella scorsa stagione, che inizia a scricchiolare. La sconfitta del “Vigorito” contro la Roma, un sonante 0-4, nel turno infrasettimanale ha fatto il paio con il 6-0 incassato dal Napoli tre giorni prima al San Paolo. Numeri preoccupanti, quelli dei giallorossi, aggravati da una statistica della quale nel Sannio avrebbero certamente fatto a meno: stando a una classifica stilata dal quotidiano spagnolo Marca analizzando i cinque principali campionati d’Europa tra Serie A, Premier League, Liga, Bundesliga e Ligue 1, nessuno ha fatto peggio del Benevento, ultimo in una classifica virtuale composta da 98 squadre.

Alla qualifica di fanalino di coda della Serie A dopo cinque turni, infatti, si aggiunge il numero 0 alla voce “vittorie” e “pareggi”: ancora a secco di punti nei rispettivi campionati sono anche Colonia, Malaga e Crystal Palace, tre formazioni che possono però vantare una migliore differenza reti rispetto a quella del Benevento, pari a -13. Il Crystal Palace “vanta” un passivo di -8, il Malaga di -10 e il Colonia è a -12. Peggior squadra d’Europa, considerando i cinque principali campionati. E pensare che il campionato del Benevento era partito con un blitz sfiorato al “Ferraris” di Genova, dove una doppietta di Quagliarella aveva permesso alla Sampdoria di rimontare il provvisorio vantaggio di Amato Ciceretti. Una gioia illusoria, trasformatasi lentamente in una realtà con la quale fare i conti: le due partite interne consecutive contro Bologna e Torino, sfortunate negli episodi (legni e reti annullate), erano terminate con lo stesso punteggio. 0-1 per gli ospiti e zero punti in tasca per i padroni di casa.

Le 10 reti incassate in 72 ore contro Napoli e Roma hanno complicato il bilancio. Che non sarebbe stata un’annata semplice per una matricola come il Benevento, era semplice immaginarlo. Un avvio così complicato, però, non era nei programmi nemmeno dei più pessimisti. Che avranno tirato in ballo anche i ricorsi storici, legati all’antico nome della città: fino al 275 a.C. si chiamava infatti Maleventum, e fu l’episodio conclusivo delle guerre vinte dai Romani contro Pirro, re dell’Epiro, a determinarne l’inversione di significato.Il buon vento è quello che servirebbe in poppa alla formazione di Baroni, a partire dal prossimo impegno: domenica sarà tempo di sfidare il Crotone in trasferta, in quello che ha tutti i crismi di uno scontro diretto per la salvezza. Chissà che non sia il tempo di muovere la classifica e scrollarsi di dosso un record del quale a Benevento avrebbero fatto volentieri a meno.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Guido Masetti, “primo portiere”, oggi più di ieri Il 27 novembre 1993 ci salutava Guido Masetti, storico portiere della protagonista del primo scudetto giallorosso....

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Non sono andato a letto presto: Vita e Assist di Gianfranco Zigoni Compie oggi 76 anni Gianfranco Zigoni, iconico calciatore anni 70, capace di...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 18 novembre 2015 ci lasciava, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti...

Calcio

Streaming illegale e IPTV: ecco come funziona il “Pezzotto” e quanto è facile abbonarsi Sono passati pochi giorni dalla maxi operazione della Guardia di...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 27 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il 15 novembre 1988 finiva tragicamente la fuga di Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo,...

Altri Sport

We are Marshall! Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro