Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Nello Sport c’è ancora spazio per l’amore

[themoneytizer id=”27127-1″]

Nello Sport c’è ancora spazio per l’amore

Nel mondo dello sport moderno a farla da padrone sono meri interessi economici o la voglia di raggiungere la fama a livello mondiale. In alcune occasioni, però, possono venire fuori anche altri sentimenti ben più “nobili”: tra questi non si può non citare l’amore.

In questo pezzo, noi di Io Gioco Pulito, vorremo raccontarvi due episodi accaduti in due ambiti sportivi ben diversi tra loro, uno nel rugby e l’altro nel ciclismo. Essi mettono ben in evidenza quanto può essere forte questo sentimento in moltissime occasioni sia in chiave positiva che in chiave negativa.

Qualche giorno fa, sulla Gold Coast dell’Australia, si è svolta una cerimonia nuziale alquanto particolare. I due novelli sposi all’altare erano il 22enne rugbista neozelandese Navar Herbert e sua moglie Maia Falwasser.

Fin qui tutto normale, se non che ad Herbert poco dopo la nascita di suo figlio, circa 11 mesi fa, è stato diagnosticato un tumore al cervello.

Poche ore dopo la cerimonia Herbert è morto per questo male incurabile. La moglie Maia ha voluto postare il video del fatidico sì per ricordare il compagno accompagnato da un toccante messaggio: “Oggi il mio cuore è triste. Ho perso il mio migliore amico, marito e padre per nostro figlio”.

E’ stato inoltre dato il via ad una campagna di crowdfunding, chiamata GoFundMe, per raccogliere i fondi necessari a trasportare la salma del rugbista nella sua città natale di Kotahitanga Marae, in Nuova Zelanda. In poche ore tale campagna ha raccolto una cifra pari a poco più di 50 mila sterline.

L’altra storia, invece, ci porta in Israele. Il protagonista principale è il ciclista di strada dell’ Israel Cycling Academy, Guy Sagiv.

Sagiv, nel corso dei Campionati Israeliani, ha preso parte ad un curioso fuoriprogramma romantico. Il corridore si è avvicinato alla bici della sua fidanzata, la ciclista Omer Shapira, e l’ha baciata mentre entrambi erano impegnati nella corsa (come si vede nella foto in evidenza all’articolo).

I due atleti, inoltre, al termine della gara hanno tagliato il traguardo insieme. Così facendo sia Sagiv che Shapira hanno conquistato il titolo di campione nella propria categoria dopo anni di vittorie da parte di altri team. E anche qui è scattato un altro bacio.

Insomma una bella storia in cui si è visto a pieno il famigerato “trionfo dell’amore”.

[themoneytizer id=”27127-28″]

 

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Quando parliamo di tour de France e di Marco Pantani, non...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Calcio

Lo Sport secondo Andrea Camilleri Il 17 luglio del 2019 ci lasciava il grande scrittore siciliano Andrea Camilleri. Nato il 6 settembre 1925 a...

Calcio

La chiamarono la Guerra del Calcio Il 14 Luglio 1969 iniziava quella che viene definita la “Guerra del Calcio” tra Honduras e El Salvador....

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Calcio

Sport Criminale: quando gli atleti sono vittime di agguati Quando parliamo di giocatori vittime di agguati non possiamo non cominciare da quello che, purtroppo,...

Altri Sport

Lo Sport secondo Ernest Hemingway Il 2 luglio 1961 si suicidava, a poco più di 60 anni di età, lo scrittore americano Ernest Miller...

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Inizia oggi da Brest l’edizione numero 108 del Tour de France. La grande...

Altri Sport

L’incredibile impresa di Carlo Airoldi: storia di un eroe italiano Il 18 giugno 1929 moriva Carlo Airoldi, un piccolo grande eroe che con la...

Altri Sport

Peter Norman: il bianco di quel podio a Messico 1968 Il 15 giugno 1942 nasceva a Melbourne Peter Norman, l’atleta australiano che alle Olimpiadi...

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba  L’11 giugno 2012 moriva a Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita non...

Altri Sport

Matteotti e Bottecchia: il socialista e il ciclista e un tragico destino già scritto Il 10 giugno 1924 moriva, a soli 39 anni di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro