Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Nello Sport c’è ancora spazio per l’amore

[themoneytizer id=”27127-1″]

Nello Sport c’è ancora spazio per l’amore

Nel mondo dello sport moderno a farla da padrone sono meri interessi economici o la voglia di raggiungere la fama a livello mondiale. In alcune occasioni, però, possono venire fuori anche altri sentimenti ben più “nobili”: tra questi non si può non citare l’amore.

In questo pezzo, noi di Io Gioco Pulito, vorremo raccontarvi due episodi accaduti in due ambiti sportivi ben diversi tra loro, uno nel rugby e l’altro nel ciclismo. Essi mettono ben in evidenza quanto può essere forte questo sentimento in moltissime occasioni sia in chiave positiva che in chiave negativa.

Qualche giorno fa, sulla Gold Coast dell’Australia, si è svolta una cerimonia nuziale alquanto particolare. I due novelli sposi all’altare erano il 22enne rugbista neozelandese Navar Herbert e sua moglie Maia Falwasser.

Fin qui tutto normale, se non che ad Herbert poco dopo la nascita di suo figlio, circa 11 mesi fa, è stato diagnosticato un tumore al cervello.

Poche ore dopo la cerimonia Herbert è morto per questo male incurabile. La moglie Maia ha voluto postare il video del fatidico sì per ricordare il compagno accompagnato da un toccante messaggio: “Oggi il mio cuore è triste. Ho perso il mio migliore amico, marito e padre per nostro figlio”.

E’ stato inoltre dato il via ad una campagna di crowdfunding, chiamata GoFundMe, per raccogliere i fondi necessari a trasportare la salma del rugbista nella sua città natale di Kotahitanga Marae, in Nuova Zelanda. In poche ore tale campagna ha raccolto una cifra pari a poco più di 50 mila sterline.

L’altra storia, invece, ci porta in Israele. Il protagonista principale è il ciclista di strada dell’ Israel Cycling Academy, Guy Sagiv.

Sagiv, nel corso dei Campionati Israeliani, ha preso parte ad un curioso fuoriprogramma romantico. Il corridore si è avvicinato alla bici della sua fidanzata, la ciclista Omer Shapira, e l’ha baciata mentre entrambi erano impegnati nella corsa (come si vede nella foto in evidenza all’articolo).

I due atleti, inoltre, al termine della gara hanno tagliato il traguardo insieme. Così facendo sia Sagiv che Shapira hanno conquistato il titolo di campione nella propria categoria dopo anni di vittorie da parte di altri team. E anche qui è scattato un altro bacio.

Insomma una bella storia in cui si è visto a pieno il famigerato “trionfo dell’amore”.

[themoneytizer id=”27127-28″]

 

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Altri Sport

La poesia “sbagliata” di Miguel: storia del desaparecido che amava correre e sognare Dei trentamila desaparecidos che l’Argentina degli orrori ha strappato alla vita...

Altri Sport

Yvonne de Ligne: Omicidio sul Ghiaccio Le storie olimpiche  a volte si intersecano con vicende di altro genere, non ultime quelle della cronaca nera....

Altri Sport

Brian Lochore, l’uomo oltre la maglia: storia del “padre” degli All Blacks C’è un detto nel rugby. Dice così: una squadra la riconosci da...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 26 Dicembre 1908 Jack Johnson diventa il primo pugile afroamericano della storia...

Motori

Bertrand Gachot: passare alla storia a propria insaputa Compie oggi 58 anni Bertrand Gachot, il pilota di Formula Uno che pur non vincendo mai...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Il 4 dicembre 1998 va in scena una delle partite più emozionanti della storia del tennis nostrano,...

Motori

Tom Pryce, il peggiore dei giri C’è stato un semidio effimero della pioggia; uno che chiamava amico Giove Pluvio; perché quando le nuvole cominciavano...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 18 novembre 2015 ci lasciava, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti...

Altri Sport

Il ciclismo secondo Fabio Genovesi Il ciclismo è da sempre uno degli sport più popolari dello Stivale perché nasce da lontano e di pari...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro